25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/08/2013, 00.00

    FILIPPINE

    Cebu, affonda un traghetto: 28 morti e oltre 270 dispersi



    La Thomas Aquinas, con più di 700 passeggeri a bordo, si è scontrata con una nave cargo entrando in porto. Ancora in corso le operazioni di recupero; la magistratura apre un’inchiesta per accertare le responsabilità. Molti sono stati sopresi nel sonno al momento dell’incidente, anche bambini fra le vittime.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno 28 morti e oltre 270 dispersi il bilancio dell'incidente che ha coinvolto una nave passeggeri - la Thomas Aquinas, con oltre 700 persone a bordo -, scontratasi con un cargo. Il disastro è avvenuto nella notte nel porto di Cebu, la seconda città più popolosa delle Filippine. Il comandante ha subito ordinato di abbandonare il traghetto, che ha iniziato a virare ed è andato a fondo in poco tempo. Le autorità stanno verificando i nominativi delle persone ricoverate negli ospedali, mentre le squadre di soccorso sono tuttora impegnate nella ricerca dei dispersi.

    Il traghetto proveniva da Nasipit, città della provincia di Agusan del Sur, nel sud delle Filippine. In una nota ufficiale la 2Go, società proprietaria dell'imbarcazione, sottolinea che il traghetto "è stato colpito" dalla nave cargo, provocando "danni gravissimi, che hanno portato all'affondamento".

    La magistratura ha aperto un'inchiesta per accertare eventuali responsabilità, anche se ora l'attenzione è concentrata sulle operazioni di recupero delle centinaia di persone a bordo, di cui non si hanno più notizie.

    Jerwin Agudong, uno dei superstiti, racconta di aver visto persone - fra cui bambini - intrappolati e cadaveri galleggiare sull'acqua. Egli racconta che la nave stava entrando nel porto, quando si è scontrata con la nave cargo che si trovava sulla traiettoria. Nei momenti successivi all'impatto, centinaia di passeggeri si sono buttati in mare mentre i membri dell'equipaggio distribuivano giacche salvavita. In molti dormivano al momento dell'incidente e la mancanza di luce ha ostacolato ancora di più le operazioni di abbandono della nave.

    Gli incidenti in mare sono un evento comune nell'arcipelago filippino, a causa delle molte tempeste, della scarsa manutenzione e la scarsa attenzione alle norme più basilari circa la sicurezza. Fra i tanti che si sono registrati negli ultimi decenni, ricordiamo quello avvenuto nel 1987 quando il traghetto Dona Paz è affondato dopo essersi scontrato  con una nave che trasportava carburante uccidendo oltre 4.300 persone. Si è trattato del peggior disastro al mondo e che ha fatto registrato il maggior numero di vittime. Nel 2008 a colare a picco è stata la MV Princess of the Stars, investita in pieno da un tifone tropicale nel centro del Paese: 800 i morti. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2013 FILIPPINE – VATICANO
    Cebu, sale a 52 il numero dei morti nel naufragio. Il Papa vicino a vittime e familiari
    All’appello mancano ancora 70 persone delle oltre 800 a bordo del traghetto. Col passare delle ore si affievoliscono le speranze di trovare altri sopravvissuti. Il maltempo ostacola le operazioni dei soccorritori. Ieri all’Angelus la solidarietà e la richiesta di preghiere di Papa Francesco, che ha inviato un telegramma all’arcivescovo di Cebu.

    29/07/2014 COREA DEL SUD
    Corea, i sopravvissuti del Sewol: Equipaggio e Guardia costiera ci hanno abbandonato
    Iniziate ad Ansan le udienze per raccogliere le testimonianze di coloro che sono riusciti a fuggire dopo il disastro, costato la vita a più di 300 persone. Accuse durissime contro i responsabili, che hanno preferito fuggire invece di aiutare i passeggeri. La Commissione episcopale Giustizia e Pace: "Ora serve la legge speciale per fare luce sull'accaduto".

    21/02/2006 FILIPPINE
    Guinsaugon, un'enorme fossa comune per le vittime della frana

    L'ipotesi è del presidente della Croce Rossa delle Filippine: troppo difficile e pericoloso recuperare i corpi. A Leyte arrivano nuove truppe Usa e la presidente Arroyo fa tracciare una mappa delle zone a rischio disastri, non resa ancora pubblica.



    20/02/2006 Filippine
    Filippine, "nessun segno di vita" dalla scuola sepolta nel fango

    Nell'isola di Leyte si scava sotto al pioggia per liberare dal fango l'edificio dove sono intrappolate 250-300 persone, per la maggior parte bambini. "E' come lavorare nelle sabbie mobili – dice un responsabile dei soccorsi - ma i dispersi dovrebbero essere meno del previsto".



    23/02/2009 CINA
    Esplode miniera nello Shanxi: 74 morti e 100 feriti
    La miniera era della maggiore ditta statale del settore. Esperti: anche le grandi ditte risparmiano sulla sicurezza e i minatori non hanno sindacati che facciano rispettare la loro vita.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®