27 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/11/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    Chengde: ordinazione episcopale illegittima, la prima dopo 4 anni

    Zhen Yuan

    Il vicepresidente dell’Associazione patriottica ignora il veto del Vaticano. Molti vescovi subiscono pressioni per partecipare all’ordinazione. Tre prelati sono stati sequestrati. Per i fedeli della nuova diocesi l’ordinazione contro il volere della Santa Sede “è una bomba”. Il nuovo vescovo è vicino al governo, ma lontano dalla Chiesa locale e universale.
    Pechino (AsiaNews) – Il vice-presidente dell’Associazione Patriottica, Liu Bainain ha confermato ai media che l’ordinazione di p. Giuseppe Guo Jincai a vescovo di Chengde (Hebei) avverrà domani 20 novembre. L’ordinazione del sacerdote 42enne, la prima in questi ultimi quattro anni, e l’obbligo per alcuni vescovi a parteciparvi sono stati criticati ieri dal Vaticano, come “gravi violazioni alla libertà di religione e di coscienza” e “dannosa” alle relazioni costruttive fra Cina e Santa Sede.
     
    Liu Bainian ha dichiarato che l’ordinazione viene fatta “per il bene della Chiesa”. All’Associated Press ha spiegato che “abbiamo aspettato per due anni [l’opinione del Vaticano] e non possiamo aspettare più… Se questo danneggerà i rapporti fra Cina e Vaticano, questo non è un problema che ci riguarda”.
     
    Al Sing Tao di Hong Kong Liu ha detto che per lui la risposta della Santa Sede e l’approvazione dell’ordinazione di Guo “non era chiara”, dato che Cina e Vaticano non hanno relazioni diplomatiche e che non era a conoscenza delle intenzioni della Santa Sede.
     
    La Sala stampa vaticana ha diffuso ieri una dichiarazione in cui si afferma che l’ordinazione di p. Guo non è approvata dalla Santa Sede e perciò, se avviene, è illegittima.
     
    P. Guo, nativo di Chengde, ha studiato nel seminario dell’Hebei fino al 1992. Oggi è vice segretario generale dell’Associazione patriottica nazionale, vicedirettore dell’Associazione cattolica per l’amicizia internazionale e deputato dell’Assemblea nazionale del popolo.
     
    La diocesi di Chengde è stata fondata dal governo cinese nel maggio 2010, per far coincidere le diocesi con le strutture amministrative provinciali. Nell’annuario vaticano la diocesi è quella di Jehol. P. Guo sarà il primo vescovo della nuova diocesi che conta 20 mila fedeli, sei sacerdoti e 15 suore.
     
    Nel marzo scorso il Vaticano ha dato indicazioni ai vescovi in comunione col papa di non partecipare a gesti (come assemblee o ordinazioni episcopali) che sono in contraddizione con la comunione con il pontefice.
     
    Secondo fonti di AsiaNews, diversi vescovi legittimi subiscono pressioni per farli partecipare all’ordinazione di domani e almeno tre vescovi sono stati sequestrati con la forza per obbligarli al gesto.
     
    Nei giorni scorsi mons. Paolo Pei Junmin di Liaoning era nella diocesi di Chifeng (Mongolia Interna) per ordinare alcuni sacerdoti. Il 17 novembre, membri dell’Ufficio affari religiosi del Liaoning hanno cominciato a telefonargli per spingerlo a partecipare all’ordinazione di Chengde, ma mons. Pei ha rifiutato. Quella notte stessa, i rappresentanti del governo sono arrivati a Chifeng, nell’hotel dove stava mons. Pei. Le fonti di AsiaNews dicono che il vescovo “è sotto enormi pressioni e difficoltà”. Anche mons. Li Liangui di Cangzhou e mons. Feng Xinmao di Hengshui sono stati sequestrati da rapresentanti del governo per obbligarli ad ordinare il nuovo vescovo di Chengde.
     
    Un cattolico di Hengshui ha detto ad AsiaNews che mons. Feng è scomparso dal 14 novembre scorso. “Uno dei nostro sacerdoti – ha continuato – è riuscito a telefonare a mons. Feng, che gli ha detto di essere stato preso dai membri dell’Ufficio affari religiosi e stava discutendo con loro per non partecipare all’ordinazione di Chengde. Fino ad oggi non abbiamo altre notizie su di lui”.
     
    Altre fonti dell’Hebei confermano ad AsiaNews che mons. Li è stato preso alcuni giorni fa da rappresentanti governativi e da allora non hanno più notizie.
    Secondo fonti raggiunte da AsiaNews, i cattolici di Chengde sono “nervosi e confusi. Questa ordinazione è molto misteriosa. Non c’è nessun annuncio di data, luogo, vescovi ordinanti. I sacerdoti locali sono inavvicinabili e hanno spento i loro telefonini o non rispondono”.
     
    “Il fatto che l’ordinazione non sia approvata dalla Santa Sede – continuano – è come una bomba per i fedeli”: alcuni vogliono fuggire da Chengde, per non parteciparvi; altri sono preoccupati perché il nuovo vescovo sembra troppo vicino al governo e all’Associazione patriottica, ma distante dalla Chiesa locale e universale.
     
    Un non cattolico dell’Hebei fa notare che nella società cinese vi è un grande bisogno di religione ed è triste che i cattolici vengano costretti a questa instabilità e insicurezza.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2010 CINA - VATICANO
    Prossimo scontro fra Pechino e Santa Sede: l’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi
    Il raduno pare fissato per il 7-9 dicembre. Esso avviene a poche settimane dall’ordinazione illecita di Chengde. Timori, tensioni e resistenze dei cattolici cinesi all’Associazione patriottica.

    25/11/2010 CINA - VATICANO
    Chiesa cinese “ferita” dall’ordinazione illecita e unita al papa
    Un sacerdote della Chiesa sotterranea scrive ad AsiaNews le sue considerazioni sull’ordinazione illecita di Chengde. Le conseguenze sulla comunione ecclesiale, sul dialogo fra Cina e Vaticano, sulla libertà religiosa nel Paese.

    24/11/2010 VATICANO - CINA
    Il coraggio del Vaticano, lo scacco per Hu Jintao
    La seconda potenza economica mondiale usa ancora metodi medievali e feudali. La politica religiosa è affidata a un uomo, Liu Bainian, il cui stile ricorda quello dei tempi di Mao Zedong. Il destino del nuovo vescovo è l’isolamento perché il popolo cristiano lo rifiuta.

    20/11/2010 CINA-VATICANO
    Chengde: otto vescovi uniti al papa partecipano all’ordinazione illecita
    La cerimonia è avvenuta nonostante la dura protesta della Santa Sede. Non vi erano ordinazioni illecite dal 2006. Fra gli otto vescovi partecipanti vi è pure mons. Francesco An Shuxin di Baoding, che lo scorso anno era emerso dalla Chiesa sotterranea, provocando molti conflitti e controversie con il Vaticano. I fedeli sono rattristati e irati.

    22/11/2010 VATICANO - CINA
    Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
    Sacerdoti, suore, fedeli delle comunità ufficiali e sotterranee piangono per l’avvilente ordinazione illecita avvenuta il 20 novembre scorso a Chengde (Hebei). Ad essa vi hanno partecipato 8 vescovi in comunione col papa, sequestrati e costretti a parteciparvi. Lo sfogo del vescovo emerito di Hong Kong, paladino della libertà religiosa in Cina.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®