22/05/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Chiesa cattolica: “Sfruttamento minerario, minaccia per le popolazioni tribali dell’India”

di Shafique Khokhar
In Orissa l’Ufficio per la giustizia, la pace e lo sviluppo della Conferenza episcopale ha discusso degli effetti delle attività estrattive pesanti sugli indigeni. Una leader adivasi: “La cultura tribale muore nel momento in cui siamo costretti ad abbandonare le nostre terre”.

New Delhi (AsiaNews) – Le attività minerarie in India rappresentano una minaccia per le comunità adivasi (tribali) del Paese. È quanto emerso durante il seminario sul tema “Miniere e migrazioni”, organizzato al centro pastorale Utkal Jyoti di Jharsuguda (Orissa), dall’Ufficio per la giustizia, la pace e lo sviluppo della Conferenza episcopale dell’India (Cbci) in collaborazione con l’Odisha Forum. Circa 60 persone provenienti da varie diocesi dello Stato hanno partecipato al raduno, che si è tenuto il 19 e il 20 maggio scorsi.

Mons. Niranjan Sual Singh, vescovo di Sambalpur, ha aperto i lavori enunciando le problematiche principali del tema: “Le attività estrattive pesanti hanno un grande impatto su esseri umani, animali e piante e sono da tempo la prima causa della degradazione ambientale e dell’inquinamento. Le popolazioni tribali, che dipendono in tutto e per tutto dalla terra per la loro sopravvivenza, sono ora a rischio, spesso obbligate a emigrare”. Per questo, ha aggiunto il presule, “la Chiesa deve essere un agente di cambiamento”.

Dayamamani Barla, leader tribale dello Stato del Jharkhand, ha spiegato l’importanza di proteggere le comunità adivasi dell’India. “Le popolazioni indigene – ha sottolineato – sono i coloni originali e i primi abitanti della Terra. La cultura adivasi, la loro vita, il comportamento, le lingue e l’etica, hanno una connessione diretta con acqua, terra e giungla. Per questo sono molto legati all’ambiente”.

Date queste premesse, ha aggiunto la donna, “la cultura tribale muore nel momento in cui sono costretti ad abbandonare le loro terre verso altri luoghi. Quando un popolo indigeno viene mandato via in nome dello sviluppo, la sua cultura, la sua storia e la sua identità viene sfruttata, distrutta ed eliminata”.

P. Savari Raj, direttore di Chetanalaya – ong dell’arcidiocesi di New Delhi legata alla Caritas – ha parlato del problema del traffico umano di donne tribali legato a tale questione, molte delle quali finiscono proprio nella capitale. Costrette a emigrare, senza un lavoro e spesso con la responsabilità di mantenere i propri familiari, queste donne “non vengono pagate abbastanza, subiscono abusi sessuali e non ricevono un’appropriata assistenza sanitaria”.

P. Charles Irudayam, segretario dell’Ufficio per la giustizia, la pace e lo sviluppo della Cbci, ha ricordato gli insegnamenti della dottrina sociale della Chiesa: “Dio ha dotato ogni persona di un’intrinseca e inalienabile dignità che comporta dei diritti di base. La Chiesa ha il compito di proteggere i diritti umani ed educare i suoi membri sulla dignità, la libertà e l’uguaglianza di tutte le persone. Il rispetto dei diritti umani è il requisito per la pace”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: il migrante, "un richiamo alla necessità di sradicare le ineguaglianze, le ingiustizie e le sopraffazioni"
21/11/2014
Ashraya, un rifugio per centinaia di ragazze madri nella caotica Mumbai
14/09/2011
Mindanao, gogna mediatica per sacerdoti e suore contrari a miniere e sfruttamento dei tribali
17/05/2012
Sacerdote filippino premio 2012 come "eroe dell'ambiente" a difesa dei tribali
18/04/2012
Mons. Gutierrez: “Fermate le estrazioni minerarie a Tampakan”, distruggono l'ambiente
12/06/2008