08/07/2010, 00.00
GIAPPONE – HAITI
Invia ad un amico

Chiesa giapponese per i terremotati di Haiti: educazione al primo posto

La diocesi di Osaka invia un gruppo di esperti e sovvenziona una nuova stazione radio – Radio Soleil – con cui trasmette programmi educativi e religiosi. Lo scopo è quello di “alzare il livello di alfabetizzazione della popolazione, fermo al 50%, e dare ai terremotati una voce di speranza”.

Tokyo (AsiaNews) – La diocesi di Osaka ha deciso di inviare a Port-au-Prince - capitale dell’isola di Haiti, devastata dal terremoto – un team di esperti per mettere in piedi una nuova radio, che trasmetta programmi educativi e religiosi. Lo scopo, spiega uno dei responsabili, “è quello di innalzare il livello di alfabetizzazione della popolazione, fermo da tempo al 50%”.

L’idea è venuta a Junichi Hino, direttore della stazione radio Waiwai della prefettura di Kyoto e membro della “Chiesa itinerante” di Takatori. Le “Chiese itineranti” sono tipiche dei cattolici giapponesi: in pratica, un gruppo di fedeli si unisce per visitare Paesi colpiti da calamità naturali e cerca insieme di portare aiuto. Lo scorso aprile, quella di Takatori si è recata proprio ad Haiti.

Hino racconta: “Anche noi, nell’area di Hanshin, abbiamo avuto un devastante terremoto. Conosco le aree colpite dai sismi, e Haiti mi ha ricordato in un certo senso i disastri naturali che hanno colpito e colpiscono il Giappone. Ho condiviso le mie esperienze con quelle dei locali, e sono molto simili. Inoltre, ho scoperto che delle 15 radio che esistevano ad Haiti ne sono rimaste in piedi soltanto 3”.

Purtroppo, continua, “queste sono commerciali, inadeguate a trasmettere messaggi positivi e utili. Fra quelle radio distrutte c’è anche quella della diocesi di Port-au-Prince, Radio Soleil. Lanciata dalla Conferenza episcopale locale, trasmetteva 24 ore al giorno: messaggi di Vangelo, educativi e di alfabetizzazione. Lo studio è stato completamente distrutto, una disgrazia”. Nonostante tutto, però, un sacerdote di Haiti ha continuato la sua missione.

Hino ricorda come “da una macchina, p. Devino Gene ha iniziato a trasmettere con materiali di fortuna, ma per pochissimi minuti al giorno. Tornato dal viaggio,  ne ho parlato con i membri della diocesi di Osaka e loro hanno deciso di sostenere la ricostruzione dello studio e la ripresa delle trasmissioni”.

Uno dei responsabili locali, p. Hiroshi Kanda, conferma: “Abbiamo deciso di aiutare le trasmissioni, perché durante il devastante terremoto di Hanshin del 1995 abbiamo capito l’importanza di sentire tutti i giorni una voce di speranza, che aiuti anche la popolazione a crescere a livello culturale”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Terremoto ad Haiti: un missionario, violenze e fame peggiorano la situazione
19/01/2010
Giappone, in missione fra paura e speranza
22/03/2011
I cattolici del Nepal pregano per le vittime dello Tsunami
15/03/2011
Caritas Corea: “Il passato non conta, faremo di tutto per il Giappone”
15/03/2011
Sendai, i cattolici danno l’ultimo saluto a p. Lachapelle e alle vittime dello tsunami
15/03/2011