25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/09/2014, 00.00

    UCRAINA-RUSSIA

    Chiesa greco-cattolica: In Ucraina, la Russia responsabile dello spargimento di sangue

    Nina Achmatova

    Il Sinodo greco-cattolico accusa la presenza di armamenti pesanti, migliaia di miliziani e truppe regolari russe. La propaganda (russa), distruttiva come gli armamenti. In Crimea ritirati i visti a cinque imam. Problemi anche per un sacerdote greco-cattolico.

    Mosca (AsiaNews) - La Chiesa greco-cattolica lancia un appello alla comunità internazionale, perché si metta fine allo spargimento di sangue in Ucraina, causato - a suo dire - dalla Russia. Intanto in Crimea, la penisola sul mar Nero annessa da Mosca dopo un referendum popolare a marzo, si registrano difficoltà nei permessi di soggiorno per esponenti del clero sia cattolico che musulmano di nazionalità non russa.

    "Alziamo la nostra voce in nome del popolo dell'Ucraina e diciamo a tutte le persone nel mondo: l'Ucraina sta sanguinando. Questo Stato sovrano e pacifico ha subito l'invasione militare diretta da parte del suo vicino", si legge nell'appello del Sinodo dei vescovi della Chiesa greco-cattolica (Ugkt) e riportato dal sito 'Religiia v Ukraine'. Il Sinodo si è tenuto a Leopoli il 10 settembre scorso.

    I presuli denunciano lo sconfinamento di "centinaia di unità di armamenti pesanti, equipaggiamenti e migliaia di mercenari armati e truppe dell'esercito regolare russo", che "stanno seminando morte e distruzione, nonostante i negoziati sul cessate il fuoco e gli sforzi diplomatici".

    Il Sinodo punta il dito anche contro la "propaganda, che non è meno distruttiva delle armi di distruzione di massa" e che sta diffondendo odio nella società, attraverso la distorsione dei fatti. E poi un avvertimento: "Chiunque stia uccidendo le persone in Ucraina non esiterà domani a puntare le armi contro altri nel proprio Paese e fuori dai suoi confini e attaccare qualunque Stato nel mondo".

    "Fermate il bagno di sangue in Ucraina", è l'appello rivolto a tutti i credenti di ogni religione e confessione, alle persone di buona volontà e ai capi di Stato e ai membri della comunità internazionale. In questo momento - conclude il documento - il silenzio e l'inazione vanno considerati "complicità".

    Intanto, in Crimea si registrano i primi problemi con i membri stranieri delle comunità religiose. Come riporta Forum18, 18 dei 23 imam turchi invitati dalle autorità religiose locali nell'ambito di un programma ventennale sono stati costretti a lasciare il Paese perché il servizio immigrazione russo ha rifiutato di prolungare i loro permessi di soggiorno, spiegando che ora devono ottenere un visto russo. Allo stesso tempo, altri hanno lamentato di essere sotto continuo controllo dell'Fsb, l'intelligence russa. Tra questi un prete greco-cattolico, Bogdan Kostetsky, il quale riferisce di essere stato interrogato più volte, anche se funzionari dei servizi segreti smentiscono di averlo mai convocato. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/01/2015 RUSSIA - CRIMEA
    La Chiesa cattolica in Crimea dovrà registrarsi secondo la legge russa
    Il Vaticano non riconosce l'annessione della penisola alla Russia, ma la priorità ora è non abbandonare la comunità locale. Fonti di AsiaNews: "E' un processo difficile anche per gli ortodossi". Le autorità rassicurano il rinnovo dei visti per il clero non russo, ma non sono esclusi problemi.

    15/02/2016 07:48:00 UCRAINA-VATICANO-RUSSIA
    Greco-cattolici ucraini: “traditi” dalle “mezze verità” nella Dichiarazione comune di Francesco e Kirill

    L’arcivescovo maggiore di Kiev commenta l’incontro di Cuba: si sono incontrati “due mondi paralleli”. La Dichiarazione comune “in generale positiva” per la futura cooperazione. “Controversi” i punti che riguardano l’Ucraina: il Vaticano si è fatto sfruttare dalla diplomazia ortodossa russa.  Shevchuk ribadisce: la Chiesa greco-cattolica non ha mai sostenuto la guerra, causata invece dalla “aggressione russa”.



    05/07/2014 UCRAINA - RUSSIA
    Patriarcato di Mosca: è morto il metropolita Vladimir, primate della Chiesa ortodossa ucraina
    Era a capo degli ortodossi ucraini, obbedienti a Mosca dal 1992. Era malato di cancro e da febbraio era stato sostituito dal metropolita Onufry, che ora affronta la grande sfida posta anche alla Chiesa dal Maidan. I rischi di una scissione dal Patriarcato moscovita.

    19/02/2015 RUSSIA - UCRAINA
    La Chiesa ortodossa ucraina contro Filarete: ha chiesto a Kiev di continuare la guerra
    La denuncia del portavoce della Uoc-Mp, dopo un incontro delle comunità religiose cristiane con il presidente Petro Poroshenko. Filarete respinge le accuse: la guerra è colpa del Patriarcato di Mosca, che controlla la Chiesa per influenzare la società.

    21/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    L'annessione della Crimea fa paura al Patriarca di Mosca
    Assente Kirill dal grande discorso di Putin alla Duma. Mentre la Russia cammina sulle orme dell'impero di Ivan il Terribile, le Chiese ortodosse dell'Ucraina vengono spinte all'autonomia da Mosca. Il Patriarcato di Mosca rischia di essere una minoranza al prossimo Concilio Panortodosso.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®