23 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/11/2015, 00.00

    INDONESIA

    Chiesa indonesiana: la famiglia, Vangelo di speranza per tutta la società

    Mathias Hariyadi

    Oggi inizia la Conferenza nazionale della Chiesa cattolica indonesiana (Sagki 2015) con a tema “la vocazione e la missione della famiglia nella società plurale”. Vescovi, sacerdoti e laici parleranno di problemi come il divorzio, i lavoratori migranti e i figli abbandonati. Arcivescovo di Jakarta: “La famiglia cattolica deve testimoniare una qualità della vita da cui tutti possono imprarare”.

    Jakarta (AsiaNews) – Discutere della famiglia per condividere “le comuni preoccupazioni e speranze sui suoi problemi, in modo che la Chiesa cattolica indonesiana possano testimoniare la bontà della proposta cristiana da vivere nella società per il bene della nazione”. Con questa parole mons. Ignatius Suharyo, arcivescovo di Jakarta, illustra lo scopo della Conferenza nazionale della Chiesa cattolica indonesiana (Sidang Agung Gereja Katolik Indonesia, Sagki 2015) di quest’anno. Il tema scelto per quest’anno è: “La famiglia cattolica: Il Vangelo della speranza. La sua vocazione e la sua missione nella Chiesa e nella società plurale indonesiana”. Il congresso, organizzato dalla Conferenza episcopale del Paese (Kwi), inizia oggi e terminerà il 6 novembre.

    Al convegno partecipano circa 500 persone, compresi 10 delegati da ogni diocesi e alcuni membri di organizzazioni cattoliche che lavorano con le famiglie. Il Sagki 2015 avrà a tema “in modo speciale i problemi sociali di cui la Chiesa ha il dovere di occuparsi – ha detto mons. Shuaryo durante una conferenza stampa – come il divorzio, i lavoratori migranti e i genitori che non possono educare i propri figli perché il loro tempo è preso dal lavoro, con grave danno dei figli”.

    Quello di cui l’Indonesia ha bisogno, secondo il presule, “sono i buoni costumi delle famiglie cattoliche che non solo devono diventare un modello per la società, ma devono offrire una qualità della vita da cui tutti possano imparare”. L’Indonesia ha un bisogno urgente di persone moralmente integre, “e questo è quello che vogliamo provocare con questa conferenza nazionale – conclude l’arcivescovo – dove vescovi, sacerdoti, religiosi e laici cattolici si incontrano, per rendere un beneficio a tutta la nazione”.

    Parlando in conferenza stampa, mons. Fransiskus Kopong Kung, presidente della Commissione episcopale per la famiglia, ha detto che “attraverso il Sagki 2015, la Chiesa indonesiana vuole esprimere la sua gratitudine per tutte le famiglie cattoliche, per il loro contributo fondamentale. Questo è il momento della verità, dove vescovi, sacerdoti e religiosi devono imparare ascoltando le loro voci, preoccupazioni, sogni e speranze”.

    Mons. Suharyo e mons. Kung sono appena rientrati in Indonesia dopo aver partecipato al Sinodo sulla famiglia in Vaticano. Secondo p. Hibertus Hartono, presidente del Sagki 2015, la conferenza “è stata pensata in accordo con le preoccupazioni maggiori della Chiesa sulla famiglia, discusse di recente al Sinodo straordinario, alla Giornata delle famiglie di Philadelphia e al Sinodo dei vescovi conclusosi la settimana scorsa. È un tema – conclude il sacerdote – che da troppo tempo la Kwi non prendeva in considerazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/03/2017 09:20:00 INDONESIA
    A Yogyakarta la prossima Giornata della gioventù asiatica: in arrivo giovani da 29 Paesi

    Il pluralismo della società indonesiana ha ispirato il tema dell’evento. La Chiesa cattolica in Asia nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. Mons. Suharyo: “Tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità”. Mons. Prapdi: “La diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo”.



    03/10/2015 VATICANO
    Papa: Ogni famiglia è sempre una luce nel buio del mondo, il Sinodo riparta da Nazaret
    Alla grande Veglia di preghiera che precede il Sinodo dei vescovi su “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”, Francesco prega affinché i Padri sinodali ascoltino lo Spirito Santo: “Senza lo Spirito, Dio è lontano, Cristo rimane nel passato, la Chiesa diventa una semplice organizzazione, l’autorità si trasforma in dominio, la missione in propaganda, il culto in evocazione, l’agire dei cristiani in una morale da schiavi”.

    26/10/2015 CINA – SINODO
    Divorzi, solitudine e narcisismo: i mali della famiglia in Cina
    All’indomani della chiusura del Sinodo sulle sfide della famiglia contemporanea, una breve analisi mostra come tale nucleo della società sia minacciato nel grande Paese asiatico da questioni molto pratiche: politiche governative contro la natalità, mancanza di lavoro nelle aree rurali, disinteresse da parte della società e persino internet. La Chiesa “non può fare molto per cambiare i dettami del governo, ma i seguaci di Cristo possono cambiare il mondo partendo da un canestro fatto in casa”.

    29/07/2010 COREA DEL SUD
    Seoul, la Chiesa celebra il primo Congresso nazionale per la vita
    Due giorni di discussioni e interventi, coordinati dalla Commissione per la vita e da quella sulla Bioetica della Conferenza episcopale coreana, per trasformare la “cultura della morte” in una “cultura della vita”.

    03/06/2016 10:33:00 INDONESIA
    Jakarta, la Chiesa commemora la Pancasila

    Il presidente Widodo ha annunciato che dall’anno prossimo il primo giugno sarà festa nazionale. Si celebra la nascita dei Pancasila, i “cinque pilastri” della Carta. Nell’arcidiocesi di Jakarta si tengono messe speciali per l’unità nazionale. L’arcivescovo della capitale: “Questi garantiscono la pace nonostante le differenze all’interno della società”.

     





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®