20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 14/07/2017, 12.12

    CINA – TIBET

    Cina, Liu Xiaobo: le condoglianze del Dalai Lama



    Secondo il Dalai Lama  "anche se non è più vivo, possiamo meglio onorare Liu Xiabo portando avanti i principi che da tempo aveva incarnato, che porterebbero ad una Cina più armoniosa, stabile e prospera”. "È mia convinzione che gli sforzi ininterrotti di Liu Xiaobo per la causa della libertà daranno frutti a lungo", ha concluso.

    Dharamshala (AsiaNews) – Il Dalai Lama ha espresso profonda tristezza per la morte del dissidente cinese Liu Xiaobo e ha offerto le proprie condoglianze alla moglie Liu Xia e alla famiglia. "Sono profondamente rattristato nell’apprendere che il compianto premio Nobel Liu Xiaobo è scomparso mentre stava subendo una lunga condanna al carcere. Offro le preghiere e le condoglianze a sua moglie, Liu Xia ed agli altri membri della sua famiglia ", ha detto. "Anche se non è più vivo, possiamo meglio onorare Liu Xiabo portando avanti i principi che da tempo aveva incarnato, che porterebbero ad una Cina più armoniosa, stabile e prospera”, ha aggiunto.

    Il Dalai Lama ha concluso affermando: "È mia convinzione che gli sforzi ininterrotti di Liu Xiaobo per la causa della libertà daranno frutti a lungo".

    Anche il presidente dell'Amministrazione tibetana centrale, Lobsang Sangay, ha offerto le proprie condoglianze per la morte del premio Nobel per la pace, dopo la sua battaglia contro la fase terminale del cancro al fegato. "Io in nome dei tibetani dentro e fuori il Tibet offro le mie condoglianze e desidero che sua moglie Liu Xia sia molto forte e risoluta in questi momenti difficili", ha dichiarato il presidente Sangay che aveva chiesto alla Cina di consentire a Liu Xiaobo di recarsi all’estero per le cure. "Il governo cinese - aveva affermato poco prima della notizia della morte di Liu - non può permettere a Liu Xiaobo di morire. Dovrebbero permettergli l'opportunità di viaggiare all'estero per un trattamento medico per motivi umanitari. La condizione di Liu Xiaobo è notevolmente peggiorata. Se muore senza ricevere un adeguato trattamento medico, il governo cinese dovrebbe essere ritenuto responsabile per la sua morte".."La marea della democrazia sta gradualmente toccando le coste della Cina e sono ottimista che la visione di Liu Xiaobo di una Cina veramente democratica sarà realizzata presto nel prossimo futuro ", ha concluso Sangay.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2011 TIBET-CINA-EUROPA
    Con Vaclav Havel “muore un amico del Tibet e della Cina”
    Il Dalai Lama ricorda il presidente ceco scomparso a Praga dopo una lunga malattia. Autore de “Il potere dei senza potere” – che stanno traducendo in cinese – e di quella Charta ’77 che ha ispirato la Charta ’08, manifesto per la democrazia in Cina, ha guidato la protesta internazionale contro la detenzione illegale del Nobel Liu Xiaobo.

    25/03/2008 CINA - TIBET
    Intellettuali e dissidenti chiedono alla Cina di ripensare agli “errori” commessi in Tibet
    Scrittori, attivisti, avvocati, artisti spingono Pechino ad aprire un dialogo diretto con il Dalai Lama e domandano la piena libertà religiosa per il Tibet. La propaganda ufficiale – rozza come ai tempi della Rivoluzione culturale – aizza gli odi razziali.

    28/12/2017 10:57:00 CINA-TIBET
    Monaco tibetano rischia di morire in prigione. Aveva festeggiato il compleanno del Dalai Lama

    Arrestato nel 2015. Era già malato. Costretto ai lavori forzati e sottoposto a tortura. I familiari possono vederlo per pochi minuti e non possono portare medicine. Continua la repressione in Tibet.



    20/01/2016 15:13:00 CINA - TIBET
    Col pretesto delle truffe, Pechino dà la patente ai “buddha viventi”

    I tulku, grandi lama del passato che echeggiano nella vita di studiosi buddisti contemporanei, sono numerosissimi. Per “evitare le frodi ai danni dei fedeli”, il governo comunista lancia un database online per identificarli. Ma ignora coloro che hanno studiato all’estero e, soprattutto, cerca di giustificare la sua pretesa di riconoscere i prossimi leader tibetani. Tra cui il Dalai Lama e i suoi più stretti collaboratori.



    16/04/2015 CINA – TIBET
    Pechino esige le “scuse” del Dalai Lama e chiude a ogni dialogo sul Tibet
    Nel Libro bianco sulla questione del Tibet, il governo pone come condizione per il dialogo “il ritiro totale del monaco da ogni attività, le sue scuse per i misfatti compiuti e la fine di ogni richiesta di autonomia per la provincia”. Pechino spera di poter gestire la sua successione, ma esperti religiosi e accademici chiariscono: “Solo l’attuale leader buddista potrà decidere sul futuro della sua carica, le ingerenze della Cina provocheranno solo nuovi danni”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®