21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/05/2006, 00.00

    Cina

    Cina, aumento record per le cause contro lo sfruttamento del lavoro



    Nel corso del 2005 i procedimenti in tribunale sono stati 300 mila, un aumento del 20,5 per cento rispetto all'anno precedente. "Il motivo è lo sviluppo selvaggio dell'economia, un errore molto pericoloso per tutta la Cina".

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – Le denunce contro gli abusi ai diritti dei lavoratori cinesi hanno avuto un'impennata nel corso del 2005, arrivando alla "cifra record" di 300 mila. Lo annuncia un documento pubblicato ieri, 11 maggio, dalla Federazione cinese dei sindacati, che sottolinea come il numero delle cause presentate lo scorso anni rappresenta un aumento del 20,5 % rispetto al 2004.

    Più dei 2/3 delle cause sono state presentate da lavoratori impegnati nelle sette zone del Paese più avanzate dal punto di vista economico: Guangdong, Jiangsu, Shandong, Shanghai, Pechino, Zhejiang e Sichuan.

    La "palma" la conquista il Guangdong, con 61,2 mila cause per abuso di potere nei confronti dei lavoratori; il secondo posto è del Jiangsu, con 50,8 mila cause mentre il terzo gradino del podio è occupato dallo Shandong, con 26 mila procedimenti. Quasi tutte le rimostranze riguardano inadempienze contrattuali, paghe non corrisposte, nessun tipo di contributi assicurativi o pensionistici e norme di sicurezza non rispettate.

    Secondo il documento, le cause dello scorso anno si sono risolte con la vittoria dei lavoratori in circa la metà delle contestazioni, mentre i datori di lavoro si sono aggiudicati il 15,8 % dei casi: non sono stati resi pubblici però né i nomi di coloro che hanno presentato reclami né le altre statistiche.

    Hu Xingdou, professore di economia all'Istituto di tecnologia di Pechino, sostiene che tali dispute sono aumentate "perché è aumentato il mercato del lavoro, ma anche perché si ha meno rispetto dei diritti dei lavoratori". "La maggior parte delle cause – spiega – è nata dal fatto che i governi locali portano avanti uno sviluppo selvaggio dell'economia senza alcun riguardo per chi materialmente le mette in atto. Questo è un errore molto pericoloso, per tutta la nazione".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/10/2015 CINA
    Cina, l’economia rallenta e aumentano scioperi e proteste per i salari
    Il China Labour Bulletin pubblica i dati relativi al terzo trimestre 2015: quasi 600 rivendicazioni sindacali nel Paese, piagato da contrazione del settore manifatturiero e dalla corruzione dei datori di lavoro. In aumento anche le proteste estreme: in 10 giorni, tre gruppi di operai si sono suicidati nella sola Jiaxing.

    25/06/2005 CINA
    La Cina deve rivalutare gli stipendi, non la valuta


    30/12/2014 CINA
    Pechino, lavoratori migranti dormono per tre notti in un sottopasso per avere le paghe negate
    Hanno lavorato da marzo a settembre in uno dei moltissimi cantieri edili della capitale. Il loro datore di lavoro, alla fine del contratto, si rifiuta di pagare i salari. Per protesta essi si piazzano prima davanti agli uffici governativi e poi in un sottopassaggio adiacente. "Soltanto la pressione dei media ci ha permesso di ottenere giustizia". Il dramma di 40 milioni di nuovi schiavi.

    13/02/2007 CINA
    Milioni di euro in salari rubati ai lavoratori migranti
    Ogni anno milioni di lavoratori migranti non vengono pagati dai datori di lavoro, spesso subcommittenti di multinazionali straniere. Il governo non li tutela; l’intervento giudiziario è costoso e richiede tempo. Da anni Pechino condanna questa condotta, ma non la risolve.

    27/03/2015 LAOS - CINA
    Laos, operai in piazza contro un’azienda cinese che non paga i salari
    Decine di lavoratori di una fabbrica chimica sono scesi in piazza per chiedere i compensi arretrati. Un evento raro in un Paese che punisce con forza il dissenso pubblico. Secondo un lavoratore gli operai cinesi vengono pagati con regolarità, cosa che non avviene per i laotiani. Dagli abitanti della zona anche l’accusa di inquinamento ambientale.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®