Skin ADV
13 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/05/2005, 00.00

    CINA

    Cina, l'inquinamento del fiume Pearl è "preoccupante"



    Gli impianti di depurazione vengono costruiti solo ad uso delle grandi città mentre i contadini devono usare l'acqua inquinata. Secondo dati ufficiali il fiume getta in mare oltre 133 mila tonnellate di rifiuti l'anno.

    Canton (AsiaNews/Agenzie) – L'acqua del fiume Pearl sta distruggendo l'economia rurale del suo delta. Le acque del fiume registrano infatti un aumento del tasso di inquinamento, definito dagli esperti "preoccupante". Di conseguenza .i contadini che usano l'acqua per i loro campi vedono morire le loro coltivazioni.

    Le grandi città industriali che sorgono nella zona sono infatti abbastanza ricche da poter permettere la costruzione di impianti di depurazione nei luoghi da dove attingono l'acqua, ma non permettono ai contadini di usufruirne. La situazione crea tensione sociale fra i contadini e gli abitanti delle città oltre a provocare seri problemi di salute a chi è costretto a bere le acque inquinate.

    Gli esperti avvertono che gli sforzi cittadini per depurare le pozze d'acqua sono inutili se non si attua una politica comune. Secondo Liu Chen, direttore della Commissione risorse del fiume Pearl, "gli sforzi di città come Canton saranno del tutto inutili se alla foce del fiume non si fa nulla per prevenire l'inquinamento". Secondo l'esperto, infatti, depurare solo delle pozze d'acqua è "inutile" se dalla foce "viene in continuazione immesso materiale inquinante".

    Per quanto riguarda l'uso "esclusivo" delle acque depurate, Liu dice: "Molti suggerimenti sono stati dati per consentire a tutti di avere acqua pulita, ma nessuno è stato messo in pratica". Le città vicino alle coste del fiume non offrono assistenza ai poveri perché "non ritengono serio il problema".

    Secondo i dati rilasciati dal Centro monitorazione dell'ecologia marina il fiume getta nel Mar cinese meridionale 8.655 tonnellate di metalli pesanti, 65.637 tonnellate di nitrati ed ammoniaca e 59.853 tonnellate di petrolio. Il fiume Pearl – sempre secondo i dati del Centro monitorazione - non è tuttavia inquinato come lo Yangtze.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2006 CINA
    Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
    Decine di migliaia di fabbriche chimiche scaricano rifiuti tossici e nocivi. Il Paese soffre per uno sviluppo economico che ha “sacrificato l’ambiente”.

    28/05/2005 CINA
    Cina, Fiume Giallo "troppo inquinato" persino per nuotarci

    Lo dichiarano fonti ufficiali, che indicano i problemi relativi alla bonifica.



    10/01/2006 CINA
    In prigione chi protesta contro l'inquinamento: crea "disordine" sociale

    In Cina avvengono continui disastri ambientali nei fiumi, dove finiscono tonnellate di sostanze nocive. Ma ieri sono stati condannati 9 agricoltori che ad aprile avevano protestato contro fabbriche inquinanti.



    08/06/2005 CINA
    Cina, "difficile" per il governo eliminare l’inquinamento

    Lo denuncia il rapporto 2004 dell’Amministrazione ambientale: lo sviluppo industriale e l’opposizione dei governi locali ostruiscono il risanamento delle acque.



    20/03/2007 CINA
    Una coperta di schiuma sul fiume, piombo nella falde idriche
    Il fiume Ying, maggior tributario dello Huai,è coperto di schiuma per 500 metri. Intanto metà degli abitanti di un piccolo villaggio dell’Hunan mostra avvelenamento da piombo, muoiono i raccolti e gli alberi; si teme che siano avvelenate le falde idriche e si prende l’acqua solo da pozzi profondi centinaia di metri.



    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®