09/03/2009, 00.00
NEPAL – CINA – TIBET
Invia ad un amico

Cina e Nepal uniti per reprimere le manifestazioni dei tibetani nepalesi

di Kalpit Parajuli
Samdhong Rinpoche , premier tibetano in esilio, ricorda che il Nepal è una “nazione sovrana” e indipendente; esso non dive sottostare a direttive di “potenze straniere”. Il governo maoista assicura Pechino che non vi saranno dimostrazioni anti-cinesi e discute di un nuovo “trattato di pace e amicizia”.

Kathmandu (AsiaNews) – I leader tibetani chiedono al governo maoista nepalese di non sacrificare la libertà di parola in nome di un qualsiasi trattato fra Cina e Nepal. L’invito arriva all’indomani dell’annuncio di Kathmandu  di aver promesso a Pechino che non vi saranno “attività anticinesi” in occasione del 50° anniversario della rivolta del Tibet, in programma domani 10 marzo.

Samdhong Rinpoche, primo ministro del governo tibetano in esilio, ricorda che il Nepal è “una nazione sovrana e democratica”, che agisce in base a disposizioni interne piuttosto che su “direttive” provenienti da potenze “straniere”. In Nepal vivono oltre 20mila profughi tibetani: Rinpoche ricorda che “non vi sono mai stati problemi” per la comunità tibetana e auspica che non ve ne siano “nemmeno in futuro”.

La scorsa settimana Liu Jieyi, assistente del Ministro cinese degli esteri, ha consegnato al capo della diplomazia nepalese Suresh Prasad Pradhan una bozza riguardante un nuovo “trattato di pace e amicizia”. Il passaggio è avvenuto la scorsa settimana, durante la visita ufficiale del rappresentante cinese in Nepal. Secondo Pechino esso servirà a indirizzare il nuovo governo, dopo l’abolizione della monarchia nel Paese. Diversi leader tibetani in India temono che il “nuovo trattato” servirà come pretesto per reprimere ogni dimostrazione anti-cinese.

Il governo maoista ha peraltro ribadito di seguire la politica di “un’unica Cina” ed esige che non si usi il territorio nepalese per proteste contro il potente vicino. Per questo ha creato una “zona di pace” nei pressi dell’ambasciata cinese a Kathmandu, all’interno della quale sono state rafforzate le misure di sicurezza ed è proibita ogni tipo di manifestazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Commissione Onu chiede di visitare il Panchen Lama sequestrato da Pechino
23/09/2005
Tibet, due auto-immolazioni contro il dominio cinese. Grave un 16enne
02/03/2016 11:37
Se davvero il Tibet è in pace, Pechino liberi il vero Panchen Lama
17/03/2009
Il buddismo tibetano celebra i 900 anni del Karmapa Lama
06/12/2010