25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/08/2012
MEDIO ORIENTE
Cinque Paesi arabi consigliano i connazionali a lasciare il Libano per timori di violenze "filo-siriane"
Ieri la via all'aeroporto è stata occupata da sciiti dopo la notizia (falsa) dell'uccisione di 11 pellegrini. Air France ha deviato il volo da Beirut a Cipro. Clan sciiti hanno rapito siriani, un turco e un saudita per legami con il Free Syrian Army. È una ritorsione contro la cattura di un gruppo di sciiti libanesi da parte dell'opposizione siriana.

Beirut (AsiaNews) - Cinque Paesi della penisola arabica - Arabia saudita, Emirati, Qatar, Bahrain e Kuwait - uno dietro l'altro hanno lanciato avvertimenti ai loro connazionali di lasciare il Libano per timori di minacce potenziali legate al conflitto siriano.

La vicinanza al confine siriano e i rapporti delle comunità sciite del Libano con gli alauiti in Siria sta creando molte tensioni nel Paese dei cedri, con la classe politica divisa sul giudizio verso il vicino, il cui esercito ha occupato il Libano per quasi 30 anni.

Ieri diversi media libanesi hanno diffuso la notizia della morte di 11 pellegrini in un raid aereo nella città di Azaz, vicino ad Aleppo. L'annuncio - dimostratosi errato - ha spinto centinaia di abitanti della banlieu sud (abitata in maggioranza da sciiti) a bloccare la via dell'aeroporto, che si trova nelle vicinanze (v. foto). Ciò ha obbligato un volo dell'Air France verso Beirut, di deviare e atterrare a Cipro "per precauzione".

In tutti questi mesi di conflitto, decine di siriani in Libano sono stati rapiti. Allo stesso tempo, molti libanesi in Siria sono stati rapiti. Fra questi una diecina presi dai ribelli durante gli scontri al confine fra Siria e Turchia. I ribelli accusano i libanesi catturati di essere parte dell'esercito di 1500 hezbollah giunti in Siria a sostegno di Bashar al Assad. Per ritorsione, clan sciiti in Libano hanno rapito 20 persone, accusate di essere in contatto con il Free Syrian Army, l'armata di disertori che combatte la dittatura di Damasco. Fra essi vi sono anche alcuni siriani, un commerciante turco e un saudita. I clan sciiti hanno minacciato nuovi rapimenti. Arabia saudita, Qatar, Emirati sono tutti schierati contro Assad e sostengono l'opposizione con mezzi finanziari e militari. Da qui la decisione di spingere i loro connazionali ad abbandonare il Libano.

Beirut, la costa e la montagna libanese sono da decenni una meta turistica per i Paesi della penisola arabica. Il loro avvertimento, oltre a provocare problemi economici al Libano mostra che il conflitto siriano si sta espandendo in tutta la regione.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/10/2007 BAHREIN
Manama vuole che dopo sei anni i lavoratori stranieri siano espulsi
15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
13/11/2004 MEDIO ORIENTE
La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo
14/11/2011 SIRIA
Damasco: summit di emergenza e concessioni per evitare la sospensione dalla Lega araba
18/08/2012 BAHRAIN
Manama, giovane 16enne ucciso dalla polizia

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate