Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/08/2012, 00.00

    MEDIO ORIENTE

    Cinque Paesi arabi consigliano i connazionali a lasciare il Libano per timori di violenze "filo-siriane"



    Ieri la via all'aeroporto è stata occupata da sciiti dopo la notizia (falsa) dell'uccisione di 11 pellegrini. Air France ha deviato il volo da Beirut a Cipro. Clan sciiti hanno rapito siriani, un turco e un saudita per legami con il Free Syrian Army. È una ritorsione contro la cattura di un gruppo di sciiti libanesi da parte dell'opposizione siriana.

    Beirut (AsiaNews) - Cinque Paesi della penisola arabica - Arabia saudita, Emirati, Qatar, Bahrain e Kuwait - uno dietro l'altro hanno lanciato avvertimenti ai loro connazionali di lasciare il Libano per timori di minacce potenziali legate al conflitto siriano.

    La vicinanza al confine siriano e i rapporti delle comunità sciite del Libano con gli alauiti in Siria sta creando molte tensioni nel Paese dei cedri, con la classe politica divisa sul giudizio verso il vicino, il cui esercito ha occupato il Libano per quasi 30 anni.

    Ieri diversi media libanesi hanno diffuso la notizia della morte di 11 pellegrini in un raid aereo nella città di Azaz, vicino ad Aleppo. L'annuncio - dimostratosi errato - ha spinto centinaia di abitanti della banlieu sud (abitata in maggioranza da sciiti) a bloccare la via dell'aeroporto, che si trova nelle vicinanze (v. foto). Ciò ha obbligato un volo dell'Air France verso Beirut, di deviare e atterrare a Cipro "per precauzione".

    In tutti questi mesi di conflitto, decine di siriani in Libano sono stati rapiti. Allo stesso tempo, molti libanesi in Siria sono stati rapiti. Fra questi una diecina presi dai ribelli durante gli scontri al confine fra Siria e Turchia. I ribelli accusano i libanesi catturati di essere parte dell'esercito di 1500 hezbollah giunti in Siria a sostegno di Bashar al Assad. Per ritorsione, clan sciiti in Libano hanno rapito 20 persone, accusate di essere in contatto con il Free Syrian Army, l'armata di disertori che combatte la dittatura di Damasco. Fra essi vi sono anche alcuni siriani, un commerciante turco e un saudita. I clan sciiti hanno minacciato nuovi rapimenti. Arabia saudita, Qatar, Emirati sono tutti schierati contro Assad e sostengono l'opposizione con mezzi finanziari e militari. Da qui la decisione di spingere i loro connazionali ad abbandonare il Libano.

    Beirut, la costa e la montagna libanese sono da decenni una meta turistica per i Paesi della penisola arabica. Il loro avvertimento, oltre a provocare problemi economici al Libano mostra che il conflitto siriano si sta espandendo in tutta la regione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2007 BAHREIN
    Manama vuole che dopo sei anni i lavoratori stranieri siano espulsi
    L’idea illustrata dal ministro del lavoro del piccolo Stato, motivata dal gran numeo di immigrati e dai diritti alla salute, all’educazione, alla casa e soprattutto alla cittadinanza che le convenzioni internazionali chiedono di garantire.

    15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
    Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
    Il Segretario di Stato Usa al Tesoro in Arabia Saudita e negli Emirati per convincerli a dare ulteriore fiducia all’economia statunitense e al dollaro. Egli mostra un ottimismo perfino superiore ai dati oggettivi.

    13/11/2004 MEDIO ORIENTE
    La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

    Sono asiatici e cristiani: soprusi, mancanza di protezione legale e violenze all'ordine del giorno.



    18/08/2012 BAHRAIN
    Manama, giovane 16enne ucciso dalla polizia
    Le forze dell'ordine lo accusano di "terrorismo" perché lanciava bottiglie molotov. Almeno 50 persone sono morte nella rivoluzione dei gelsomini contro il dominio degli al Khalifa. L'attivista Nabil Rajab condannato a tre anni per aver incitato e partecipato a manifestazioni.

    14/11/2011 SIRIA
    Damasco: summit di emergenza e concessioni per evitare la sospensione dalla Lega araba
    Il governo di Assad in difficoltà dopo il voto di sospensione, che scatta il 16 novembre. Ieri grandi manifestazioni pro-regime, e attacchi alle ambasciate dell’Arabia saudita, del Qatar e della Turchia. Ancora morti nel weekend in scontri fra oppositori e forze di sicurezza.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®