22 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
SRI LANKA
Colombo chiude tutte le università del Paese, professori e studenti scendono in piazza
di Melani Manel Perera
Restano aperte le facoltà di medicina. Il governo vuole contrastare lo sciopero dei docenti universitari, in corso da due mesi. I professori chiedono salari più alti e maggiori fondi da destinare all’istruzione. Prevista per domani una manifestazione di massa.

Colombo (AsiaNews) - Il governo dello Sri Lanka ha dato ordine di chiudere tutte le università del Paese, ad esclusione delle facoltà di medicina. Annunciata ieri, la decisione dell'esecutivo del presidente Mahinda Rajapaksa risponde allo sciopero dei docenti universitari in corso ormai da due mesi. Per il governo, con il loro comportamento i professori stanno compromettendo il futuro degli studenti. Per la Federazione delle associazioni dei docenti universitari (Futa), sono i politici che con decisioni "stupide e ingiuste" stanno distruggendo il settore educativo del Paese. Contro la chiusura delle facoltà, la Futa ha annunciato una grande manifestazione di massa, prevista per domani a Colombo.

La Futa chiede di assegnare il 6% del Pil al settore dell'istruzione; di aumentare lo stipendio dei docenti; di garantire l'indipendenza delle università da qualunque interferenza politica. Lo sciopero dei professori è iniziato il 4 luglio scorso e ha paralizzato le attività accademiche in tutto il Paese.

Per organizzare la protesta di domani, membri della Futa, politici dell'opposizione e leader religiosi si sono incontrati ieri sera al Centre for Society and Religion (Csr). "L'intero sistema educativo - ha sottolineato il monaco buddista Ven. Shobitha Thero - sta attraversando una profonda crisi. Gli aiuti economici alle università non sono sufficienti, e questo sta creando una situazione malsana. Già 20 professori sono stati costretti ad abbandonare il Paese".

Secondo Sanjeewa Bandara, presidente del movimento studentesco universitario, "questo problema dovrebbe riguardare tutta la popolazione, perché questa crisi colpisce in modo molto grave noi giovani, il nostro futuro, e l'intero settore educativo. Dovremmo lottare tutti insieme e impegnarci per i diritti rivendicati dalla Futa, e per garantire un'educazione libera e gratuita per i nostri figli. Tra il 2005 e il 2010, lo Stato ha chiuso 355 scuole, costringendo gli studenti a trasferirsi in città e spendere molti soldi, se volevano ancora studiare. Questo governo sta annullando il valore dell'istruzione, cercando di renderla un bene di consumo". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/09/2012 SRI LANKA
Sri Lanka, quattro giorni di marcia per rinnovare le università
di Melani Manel Perera
24/08/2012 SRI LANKA
Sri Lanka, tremila persone in marcia per difendere l’istruzione pubblica
di Melani Manel Perera
11/10/2012 NEPAL
Kathmandu, chiuse 66 università straniere: hanno truffato gli studenti
di Kalpit Parajuli
30/06/2010 SRI LANKA
Libri di testo delle scuole dello Sri Lanka diffamano cristiani, Chiesa e Papa
di Melani Manel Perera
10/03/2010 THAILANDIA
Una laurea per “nonna Hai”, che combatte per i poveri
di Weena Kowitwanij

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate