19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/05/2016, 08.48

    SIRIA - ONU

    Conflitto siriano: il capo negoziatore dell’opposizione rassegna le dimissioni



    Mohammed Alloush, leader dell’Alto comitato per i negoziati (Hnc), lascia l’incarico. Dietro la decisione il “fallimento” dei negoziati indiretti di pace Onu e le continue violenze sul terreno. Altre figure di primo piano dell’opposizione pronte a lasciare l’incarico. A rischio il tentativo di pace delle Nazioni Unite. 

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il capo negoziatore dell’opposizione siriana Mohammed Alloush ha rassegnato le proprie dimissioni, a causa del “fallimento” dei negoziati indiretti di pace Onu che si sono svolti nelle scorse settimane a Ginevra (Svizzera). Il leader dell’Alto comitato per i negoziati (Hnc), movimento sostenuto dai sauditi, ha affermato che le trattative non hanno favorito il raggiungimento di un accordo politico o migliorato la situazione della popolazione civile delle aree sotto assedio. 

    Analisti ed esperti spiegano che le dimissioni di Alloush - membro di Jaish al-Islam, l’Esercito dell’islam - potrebbero spingere altri leader dell’opposizione ad abbandonare i colloqui, facendo di fatto fallire ogni progetto di pace e transizione politica. 

    Il mese scorso l’Hnc ha “sospeso” la partecipazione ai colloqui “di prossimità” delle Nazioni Unite, guidati dall’inviato speciale Onu Staffan de Mistura, imputando alla delegazione governativa lo stallo nelle trattative e l’escalation di violenze sul campo.

    Come annunciato nei giorni scorsi dallo stesso de Mistura, al momento non vi sono date ufficiali per la ripresa dei negoziati, annunciata in un primo momento per la fine di maggio. 

    In una nota ufficiale il leader dell’opposizione (a destra nella foto) ha sottolineato che “i tre round di colloqui non hanno avuto successo” a causa della “testardaggine” del regime e i “continui bombardamenti e aggressioni” contro il popolo siriano. Nei mesi scorsi gli esponenti del fronte (non jihadista) anti-Assad presente a Ginevra hanno espresso frustrazione per la mancanza di progressi nei colloqui. 

    Fra i punti irrisolti la distribuzione di aiuti nelle aree sotto assedio, la lentezza nelle operazioni di rilascio dei detenuti politici dalle carceri governative e l’assenza totale di passaggi verso una transizione politica che escluda la presenza del presidente Bashar al-Assad. 

    Al momento resta ancora in vigore la fragile tregua raggiunta il 27 febbraio grazie alla mediazione di Stati Uniti e Russia, a dispetto delle frequenti violazioni sul terreno. 

    Il conflitto siriano, divampato nel marzo 2011 come rivolta civile contro il presidente Bashar al-Assad, ha causato almeno 280mila morti e originato una crisi umanitaria senza precedenti, con milioni di profughi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2016 08:59:00 SIRIA - ONU
    Onu: stallo nei colloqui di pace sulla Siria, nessun incontro nel breve futuro

    L’inviato speciale Staffan de Mistura conferma che non sono in programma nuovi incontri entro le prossime tre settimane. Le opposizioni vincolano la ripresa delle trattative alla fine delle violenze e alla distribuzione degli aiuti. Sul terreno continuano le violenze che mettono sempre più a rischio la fragile tregua. 



    19/09/2016 12:15:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Il raid Usa contro l’esercito siriano non è stato un errore

    La popolazione spera in un prolungamento del cessate il fuoco, ma vi è un sentimento diffuso di scetticismo. Per mons. Georges Abou Khazen l’attacco americano del 17 settembre “mette a rischio la fragile tregua”. In questi giorni di relativa pace la comunità cristiana ha gremito le chiese per due celebrazioni dedicate a Madre Teresa. L’opera delle missionarie ad Aleppo. 



    15/09/2016 09:04:00 SIRIA - ONU
    Onu: fondamentali gli aiuti alla Siria, Usa e Russia fermino le fazioni in lotta

    Ban Ki-moon rilancia l’appello per la distribuzione di cibo e generi di prima necessità. Da giorni un convoglio staziona al confine turco. Mancano i requisiti di sicurezza. Washington e Mosca concordano l’estensione della tregua per altre 48 ore. Situazione critica ad Aleppo est, 250mila persone intrappolate. 



    14/09/2016 09:00:00 SIRIA
    Conflitto siriano: Tiene la fragile tregua. L’obiettivo è la distribuzione di aiuti

    L’inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura parla di “calo significativo” delle violenze. Dall’inizio del cessate il fuoco non si sono registrate vittime fra i civili. Restano focolai di tensione in alcune aree del Paese. Esclusi dalla tregua i gruppi jihadisti. Ora è necessario assicurare la consegna di cibo e generi di prima necessità. 



    12/09/2016 12:08:00 SIRIA
    Nunzio a Damasco: Positivo l’impegno di Usa e Russia per un cessate il fuoco nel conflitto siriano

    Prevista per oggi l’entrata in vigore di una tregua in Siria. Nel fine settimana raid aerei siriani e russi hanno provocato un centinaio di vittime. Iran ed Hezbollah favorevoli alla tregua; fra le opposizioni sì con dubbi del Free Syrian Army. Contrari i movimenti filo-estremisti. Mons. Zenari: “Fermare la violenza e aprire agli aiuti”. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®