26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2011
INDONESIA
Continuano le minacce islamiche contro la chiesa Yasmin in West Java
di Mathias Hariyadi
I fedeli sono ancora costretti a pregare in piazza, dopo la chiusura della loro chiesa. Gruppi islamici radicali li disturbano e minacciano. Il sindaco di Bogor non accetta la sentenza della Suprema Corte del Paese che sancisce il diritto della Chiesa a costruire propri edifici di culto.

Jakarta (AsiaNews) – Non hanno fine le iniziative del sindaco di Bogor (West Java), Diani Budiarto, di costringere i fedeli della protestante Yasmin Church (Gki) a lasciare la loro chiesa, costruita in modo legittimo.

Il sindaco ha persino violato un ordine diretto della Corte Suprema dell’Indonesia che autorizza la Yasmin Church a costruire un edificio di culto sul proprio terreno. Fonti locali denunciano ad AsiaNews che Budiarto, ha anche tentato di accendere i sentimenti anticristiani di gruppi islamici estremisti.
Il   9 luglio il sindaco ha mandato una nuova lettera alla Chiesa chiedendo di interrompere le preghiere domenicali in piazza e offrendo un aiuto a individuare un altro luogo per riunirsi, indicando la Harmoni Function Hall.

Ma i responsabili della Gki non sono meno decisi nel rifiutare qualsiasi proposta del sindaco di trasferirsi altrove. Fanno anche notare che non è stato loro indicato dove potrebbero costruire la nuova chiesa e che anche l’ultima lettera “non vale come documento, non contenendo la data e nessuna indicazione utile”.
Ieri 10 luglio centinaia di fedeli si sono di nuovo riuniti sulla pubblica strada, accanto alla loro chiesa, per celebrare la funzione festiva. Ma decine di islamici radicali sono intervenuti protestando e disturbando la funzione. Lo stesso era accaduto domenica 3 luglio, quando i musulmani radicali sono intervenuti durante la funzione cantando canti “per distrarre”.

Il pastore Ujang Tanusaputra e il suo segretario il pastore Diah Renata Anggraeni, in risposta all’indicazione del sindaco che il gruppo aveva accettato di cessare le preghiere in strada, hanno dichiarato che negli scorsi giorni 6, 7 e 8 luglio non c’erano state le riunioni dei fedeli indicate nella lettera. Inoltre, essi hanno di nuovo sollecitato il sindaco a rispettare la decisione della Corte Suprema.

Bonasigalingging Sh, portavoce del gruppo, ha spiegato ad AsiaNews che “l’idea di spostare le funzioni dalla strada alla Harmoni Function Hall non è una soluzione. Anzi il sindaco ha creato un nuovo problema, ignorando la supremazia della legge”. Ha aggiunto che la chiesa non si lascerà cacciare dalla strada dove si riunisce e ha raccontato che “due dimostranti hanno cercato di raggiungere il nostro leader, Jayadi Damanik, chiedendogli di persuadere i fedeli a cessare le preghiera per strada, ma egli respinto la richiesta.” “E’ pure intervenuto un alto funzionario di Bogor, chiedendomi di persuadere la comunità a cessare la propria attività perché gruppi islamici la vedono in modo negativo. Ma ho respinto la richiesta. Il vero problema è che il sindaco ignora l’ordine della Corte Suprema”.

Dopo la funzione ci sono stati piccoli incidenti. “Almeno 8 dimostranti – spiega Bonasigalingging – hanno raggiunto Jayadi Damanik e Tomas Wadu Dara per portarli via e costringerli a cessare le funzioni”.

I 2 pastori confermano di essere stati portati via e chiusi a chiave in locali vicini, per convincerli a cessare le preghiere in strada. Ma la Gki non intende cedere.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2010 INDONESIA
West Java, autorità islamiche chiudono una chiesa, i cristiani celebrano in strada
di Mathias Hariyadi
04/06/2010 INDONESIA
West Java, i cristiani protestano all’Onu contro la chiusura della loro chiesa
di Mathias Hariyadi
24/03/2011 INDONESIA
Yasmin Church: il sindaco di Bogor revoca il permesso a costruire la chiesa
di Mathias Haryiadi
02/06/2014 INDONESIA
Yogyakarta, nuovo attacco contro i cristiani di Sleman
di Mathias Hariyadi

20/12/2010 INDONESIA
West Java, proibita la Messa di Natale ai cattolici di Bogor
di Mathias Hariyadi

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate