03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/07/2011, 00.00

    INDONESIA

    Continuano le minacce islamiche contro la chiesa Yasmin in West Java

    Mathias Hariyadi

    I fedeli sono ancora costretti a pregare in piazza, dopo la chiusura della loro chiesa. Gruppi islamici radicali li disturbano e minacciano. Il sindaco di Bogor non accetta la sentenza della Suprema Corte del Paese che sancisce il diritto della Chiesa a costruire propri edifici di culto.
    Jakarta (AsiaNews) – Non hanno fine le iniziative del sindaco di Bogor (West Java), Diani Budiarto, di costringere i fedeli della protestante Yasmin Church (Gki) a lasciare la loro chiesa, costruita in modo legittimo.

    Il sindaco ha persino violato un ordine diretto della Corte Suprema dell’Indonesia che autorizza la Yasmin Church a costruire un edificio di culto sul proprio terreno. Fonti locali denunciano ad AsiaNews che Budiarto, ha anche tentato di accendere i sentimenti anticristiani di gruppi islamici estremisti.
    Il   9 luglio il sindaco ha mandato una nuova lettera alla Chiesa chiedendo di interrompere le preghiere domenicali in piazza e offrendo un aiuto a individuare un altro luogo per riunirsi, indicando la Harmoni Function Hall.

    Ma i responsabili della Gki non sono meno decisi nel rifiutare qualsiasi proposta del sindaco di trasferirsi altrove. Fanno anche notare che non è stato loro indicato dove potrebbero costruire la nuova chiesa e che anche l’ultima lettera “non vale come documento, non contenendo la data e nessuna indicazione utile”.
    Ieri 10 luglio centinaia di fedeli si sono di nuovo riuniti sulla pubblica strada, accanto alla loro chiesa, per celebrare la funzione festiva. Ma decine di islamici radicali sono intervenuti protestando e disturbando la funzione. Lo stesso era accaduto domenica 3 luglio, quando i musulmani radicali sono intervenuti durante la funzione cantando canti “per distrarre”.

    Il pastore Ujang Tanusaputra e il suo segretario il pastore Diah Renata Anggraeni, in risposta all’indicazione del sindaco che il gruppo aveva accettato di cessare le preghiere in strada, hanno dichiarato che negli scorsi giorni 6, 7 e 8 luglio non c’erano state le riunioni dei fedeli indicate nella lettera. Inoltre, essi hanno di nuovo sollecitato il sindaco a rispettare la decisione della Corte Suprema.

    Bonasigalingging Sh, portavoce del gruppo, ha spiegato ad AsiaNews che “l’idea di spostare le funzioni dalla strada alla Harmoni Function Hall non è una soluzione. Anzi il sindaco ha creato un nuovo problema, ignorando la supremazia della legge”. Ha aggiunto che la chiesa non si lascerà cacciare dalla strada dove si riunisce e ha raccontato che “due dimostranti hanno cercato di raggiungere il nostro leader, Jayadi Damanik, chiedendogli di persuadere i fedeli a cessare le preghiera per strada, ma egli respinto la richiesta.” “E’ pure intervenuto un alto funzionario di Bogor, chiedendomi di persuadere la comunità a cessare la propria attività perché gruppi islamici la vedono in modo negativo. Ma ho respinto la richiesta. Il vero problema è che il sindaco ignora l’ordine della Corte Suprema”.

    Dopo la funzione ci sono stati piccoli incidenti. “Almeno 8 dimostranti – spiega Bonasigalingging – hanno raggiunto Jayadi Damanik e Tomas Wadu Dara per portarli via e costringerli a cessare le funzioni”.

    I 2 pastori confermano di essere stati portati via e chiusi a chiave in locali vicini, per convincerli a cessare le preghiere in strada. Ma la Gki non intende cedere.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2010 INDONESIA
    West Java, autorità islamiche chiudono una chiesa, i cristiani celebrano in strada
    Il sindaco di Bogor ha chiuso la chiesa di un diffuso gruppo cristiano e ha loro proibito ogni attività. Proteste dei fedeli, che praticano la loro fede per strada. Proteste ufficiali dei gruppi pro-diritti.

    04/06/2010 INDONESIA
    West Java, i cristiani protestano all’Onu contro la chiusura della loro chiesa
    Le autorità comunali vogliono impedire ai fedeli di svolgere qualsiasi attività pubblica. Dopo il ricorso a varie autorità pubbliche senza esito, ora i cristiani della Yasmin Church si appellano all’Onu contro discriminazioni e persecuzione.

    24/03/2011 INDONESIA
    Yasmin Church: il sindaco di Bogor revoca il permesso a costruire la chiesa
    La ragione sarebbe che le firme dei richiedenti sono false, ma tutti la ritengono un pretesto. Cristiani e gruppi per la tutela dei diritti parlano di decisione contraria alla legge e accusano la volontà politica di compiacere gruppi estremisti islamici.

    02/06/2014 INDONESIA
    Yogyakarta, nuovo attacco contro i cristiani di Sleman
    Un gruppo di fondamentalisti islamici ha attaccato la casa di preghiera di una comunità protestante, accusando il pastore di volerla trasformare in una chiesa illegale. La zona è la stessa dell'assalto ai cattolici della parrocchia di Banteng. La polizia, presente durante il raid, non è intervenuta.

    20/12/2010 INDONESIA
    West Java, proibita la Messa di Natale ai cattolici di Bogor
    Il decreto delle autorità vieta qualsiasi attività cristiana. Il pretesto è la mancanza di un luogo di culto adeguato, ma da anni i cattolici chiedono senza esito il permesso per costruirlo. C’è crescente intolleranza degli islamici radicali contro i gruppi cristiani.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®