23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/09/2009
CINA
Controlli di polizia in aumento mentre si moltiplicano le proteste
Fonti stampa ufficiali rivelano che nel 2009 sono in forte aumento le proteste di massa, nonostante le maggiori misure di sicurezza e lo spiegamento della polizia. I cittadini, senza mezzi per tutelare i loro diritti, spesso devono scendere in piazza per chiedere giustizia.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Le proteste di massa con almeno 500 persone sono aumentate nei primi 6 mesi del 2009, per la prima volta rispetto al 2005. Intanto Pechino aumenta le misure di sicurezza, in vista del 1° ottobre, 60° anniversario della Repubblica popolare.

L’autorevole rivista Outlook, affiliata dell’agenzia statale Xinhua, ha diffuso ieri la notizia senza riportare i dati, per spiegare come mai quest’anno nel Paese siano in atto misure di sicurezza senza precedenti. Comunque i dati del governo parlano di oltre 80mila proteste di massa nel 2008 per ragioni economiche, 10 volte di più che nel 1993. Negli ultimi anni il governo non ha mai rivelato i dati precisi. L’articolo indica, come cause delle molte proteste, la ineguale distribuzione della ricchezza, la scarsità di servizi sociali (come sanità e assistenza per i lavoratori) e la diffusa corruzione.

Analisti osservano che, peraltro, tra le cause occorre anche considerare la mancanza di modalità istituzionali per esprimere il dissenso e denunciare la corruzione e per ottenere giustizia: poiché non sono ammesse critiche alle autorità, chi presenta petizioni può essere arrestato e cacciato via; inoltre il sistema giudiziario è sottomesso al potere politico del Partito comunista. Intere comunità vessate hanno spesso solo la possibilità di scendere in piazza e proclamare l’ingiustizia subita, nella speranza che il clamore sociale costringa le autorità a  riconoscere il loro diritto. Come è successo a luglio e ad agosto per i residenti vicino a fabbriche molto inquinanti, costretti a scendere in piazza per difendere la salute dei figli. Per queste ragioni le proteste sociali non diminuiscono, nonostante le sempre maggiori misure di sicurezza. Anzi le autorità appaiono incapaci a mantenere davvero l’ordine pubblico: in zone dello Yunnan sono stati vietati gli ingressi per turismo, dopo che il 28 agosto un poliziotto ubriaco è stato ucciso durante una rissa presso un locale per karaoke nella contea Shangri-La, meta abituale del turismo. Il Centro per i diritti  umani e la democrazia riporta che nella zona sono arrivati migliaia di poliziotti con veicoli blindati. Ma le autorità non si sono sentite di garantire la sicurezza e hanno vietato l’accesso ai turisti.

Intanto per l’anniversario del 1° ottobre sono previste misure persino maggiori che per le Olimpiadi di Pechino 2008. Allora la città fu circondata da 3 “anelli” di controllo sulla sicurezza. Ora si costituiranno 4 anelli, allargando le misure di controllo ad altre 6 province e municipalità circostanti Pechino. In Hebei, Shandong, Shanxi, Liaonig, Mongolia Interna e Tianjin, oltre che Pechino, saranno disposti punti di controllo in tutte le strade verso Pechino. Per entrare nella città occorreranno specifici documenti identificativi.

Esperti commentano che questi controlli non sembrano diretti a impedire attentati o pericoli per la pubblica sicurezza, quanto a tenere lontano dalla città chi può fare proteste pubbliche, quando gli occhi e le televisioni di tutto il mondo saranno puntati sulla Cina per le grandiose celebrazioni previste.

In questa ottica molti commentano anche l’attuale severo controllo sullo Xinjiang, inteso a impedire non solo possibili disordini ma anche ad imporre un controllo stretto sulla popolazione, tale da impedire qualsiasi forma di protesta sociale. Per non meglio precisate “ragioni di sicurezza” le autorità hanno annunciato la demolizione di un palazzo costruito dalla imprenditrice uiguri dissidente in esilio Rebiya Kadeer, che ospita oltre 500 negozi. Xinhua preannuncia la demolizione anche di altri palazzi nella zona.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/04/2009 CINA
Pechino lancia una grande “campagna per la sicurezza” e restringe i visti commerciali
10/05/2006 Cina
Cina: diritti umani minacciati dalla violenza dei governi locali
di Han Dongfang
15/10/2008 CINA
Pechino ritira tutti i latticini prodotti prima del 14 settembre
14/10/2008 CINA
Latte alla melamina: i tribunali “bloccano” le richieste di danni
24/08/2011 CINA
Proteste e pestaggi a Guangzhou e Nanchang: storie di quotidiana ingiustizia

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate