28/02/2020, 12.53
MEDIO ORIENTE
Invia ad un amico

Coronavirus: precauzioni e linee guida per le Chiese del Medio oriente

Per mons. Pizzaballa servono misure “per contrastare la rapida diffusione” del virus. Dallo svuotamento delle acquasantiere alla comunione in mano, piccoli accorgimenti per la salute comune. La Chiesa caldea valuta l’ipotesi di sospendere le funzioni. Al momento situazione regolare in Libano. 

Gerusalemme (AsiaNews) - Dall’Iraq alla Terra Santa, le Chiese in Medio oriente affrontano l’emergenza nuovo coronavirus tracciando linee guida di comportamento per i fedeli, con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio dei contagi. E, nelle aree più colpite, i vertici ecclesiastici non escludono di interrompere - in via precauzionale - le funzioni della Quaresima in attesa di verificare gli sviluppi dell’epidemia e il suo impatto su scala globale. 

In un messaggio rivolto a vescovi, preti, suore e fedeli mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, traccia alcune “linee guida” in via “precauzionale” durante la celebrazione delle messe. “La minaccia rappresentata dal nuovo coronavirus (Covid-19)” scrive il prelato, richiede misure “per contrastare la rapida diffusione in molte aree e nazioni del mondo”. 

“Migliaia di pellegrini da diverse parti del mondo - prosegue mons. Pizzaballa - vengono in Terra Santa per visitare i luoghi e le chiese. A causa della nostra situazione che è unica e dopo aver ascoltato le autorità, vi indico alcune linee guida preliminari cui attenersi” durante le celebrazioni. In primis, il prelato invita a “ricevere la comunione solo dalle mani” e a non usare il calice (fatta eccezione per i celiaci) per ridurre al minimo il rischio di contagi. 

Un altro aspetto fondamentale in un’ottica di prevenzione, aggiunge l’amministratore apostolico, “è lo svuotamento delle acquasantiere”, in special modo quelle dei luoghi santi e delle basiliche. “In questo tempo di Quaresima - conclude il prelato - invochiamo la misericordia di Dio, mentre rafforziamo le preghiere per quanti sono colpiti da questa malattia e la pace eterna per i morti”. 

In tutto il Medio oriente l’attenzione è massima nel tentativo di contenere la diffusione del nuovo coronavirus. Del resto la seconda nazione al mondo per numero di vittime (26 in totale, a fronte di 270 contagi) è proprio l’Iran, dove le autorità hanno promosso una politica di contenimento mediante la quarantena “delle persone, non di città o intere zone”. Altri casi si segnalano in Kuwait, Libano, Iraq, Bahrain, Emirati Arabi Uniti, mentre l’Arabia Saudita ha bloccato i pellegrinaggi. 

In questi giorni la Chiesa caldea ha pubblicato alcune “raccomandazioni pratiche” alle parrocchie e alle comunità finalizzate al “contenimento” dell’epidemia. “Il patriarcato - si legge nella nota - ordina ai suoi sacerdoti di attenersi” alle raccomandazioni “preventive”. Come in Terra Santa, il primo provvedimento riguarda la rimozione e la pulizia delle fonti dell’acqua santa, che rischiano di trasformarsi in un veicolo privilegiato di contagio. A questo si aggiunge di impartire la comunione “dalle mani e non per via orale”. Si consiglia anche di “evitare di darsi la mano o di scambiarsi baci di saluto” durante le funzioni. 

La Chiesa irakena resta in attesa degli sviluppi dei prossimi giorni, mentre si studiano ulteriori provvedimenti ancor più drastici e restrittivi. Fra questi, la possibilità di una “cancellazione delle messe e delle attività” in caso di una “diffusione ancora più ampia dell’epidemia”, accompagnata alla richiesta di preghiera “perché il Signore protegga il nostro Paese e il mondo intero”. 

In Libano, per il momento, le celebrazioni si svolgono in un clima e in una situazione “di normalità” e non sono previste cancellazioni o cambiamenti. Lo conferma ad AsiaNews p. Paul Karam, presidente di Caritas Libano, il quale aggiunge che “abbiamo preso alcune precauzioni, soprattutto nei dispensari”, per il resto “ci affidiamo all’aiuto di Dio”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Baghdad, coronavirus: il patriarcato caldeo cancella le messe domenicali
03/03/2020 10:05
Iran, allarme coronavirus: quattro morti e 18 contagi. Primi casi in Libano e Israele
22/02/2020 10:34
Teheran, mancano mascherine e guanti: medici e infermieri a rischio
11/03/2020 08:52
Teheran scarcera migliaia di detenuti per contrastare la diffusione del coronavirus
04/03/2020 08:49
Coronavirus: l’Iran mette in quarantena le persone, non città e regioni
27/02/2020 11:41