23 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/05/2015, 00.00

    SRI LANKA

    Corpus Domini in Sri Lanka, sarà giorno di preghiera per i cristiani perseguitati

    Melani Manel Perera

    La conferenza episcopale srilankese ha reso noto che il prossimo 7 giugno la solennità religiosa sarà occasione di preghiere e digiuni per i cristiani perseguitati nel mondo. Ferma la condanna delle persecuzioni: “Le uccisioni brutali violano il diritto alla vita e alla libertà religiosa”.

    Colombo (AsiaNews) – La conferenza episcopale srilankese (Cbcsl) ha deciso di celebrare la festa del Corpus Domini (il prossimo 7 giugno) con una giornata di digiuno e preghiera, in solidarietà con cristiani perseguitati nel mondo. I vescovi lo hanno annunciato in un messaggio firmato dal cardinale Malcolm Ranjith, presidente della conferenza, e dal segretario generale mons. Valence Mendis. Le preghiere per i perseguitati avverranno “in questo giorno in cui commemoriamo il supremo sacrificio della vita di Gesù, che dona il Suo sangue per la remissione dei nostri peccati”.

    Nel messaggio, i vescovi srilankesi si dicono molto preoccupati delle atroci uccisioni di un gran numero di cristiani in molte parti del mondo: “Abbiamo osservato con molta tristezza come sono stati assassinati in modo brutale, anche mentre erano in momenti di preghiera e adorazione. Siamo scioccati – continua il testo – soprattutto dal sapere che anche i bambini, la parte più innocente della società umana, sono stati vittime di indicibili brutalità e violenze”.

    La Cbcsl sollecita tutti i capi di governo e gli uomini di buona volontà a fare tutto ciò che è in loro potere per fermare le uccisioni e tutte le altre forme di violenza perpetrate in nome della religione: “Desideriamo esprimere la più ferma condanna di queste attività inumane che violano uno dei fondamentali diritti della persona umana, cioè la libertà religiosa. La vita – prosegue il messaggio – è il più prezioso dei doni di Dio agli uomini, e ognuno è libero di aderire alla religione che sceglie. Per questo, la religione di una persona non può essere la causa della sua morte, perché nessuno può uccidere nel nome di Dio”.

    I vescovi dichiarano inoltre di avere “la più alta considerazione e rispetto per il sommo sacrificio di questi fratelli e sorelle nella fede. Permetteteci di pregare insieme a tutti quelli che vogliono piangere queste deplorevoli perdite, affinché il Signore dia conforto e forza alle loro famiglie e ai loro cari”.

    “Lasciateci gridare a Dio – conclude il messaggio – ed essere incessanti nella preghiera, così che tutti coloro che sono coinvolti in questi atti di terrore e violenza siano fermati con effetto immediato, risparmiando la vita di innocenti, sia bambini che adulti”.

    Anche lo Sri Lanka è teatro di episodi di persecuzioni a sfondo religioso. Tra i gruppi fondamentalisti più attivi vi è il Bodu Bala Sena (Bbs), la cui missione dichiarata è quella di "proteggere la popolazione buddista e singalese". Da diverso tempo il Bbs e altre organizzazioni analoghe attaccano – in modo verbale e fisico – le comunità di minoranza dello Sri Lanka, in particolare quella islamica. Nel 2013 il gruppo aveva proposto di vietare per legge il velo islamico perché rappresenta una grave minaccia alla sicurezza nazionale e "favorisce lo spaccio di droga".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka, coprifuoco nel sud dopo gli scontri tra buddisti e musulmani
    Al termine di un comizio del gruppo radicale buddista Bodu Bala Sena (Bbs), i militanti hanno attaccato la comunità islamica della città di Aluthgama. Nel suo discorso, il leader del Bbs avrebbe incitato alla violenza.

    18/06/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka, arrestate 49 persone per le violenze anti-islamiche
    Le autorità hanno rimosso il coprifuoco. Negli attacchi perpetrati dai radicali buddisti singalesi del Bodu Bala Sena (Bbs) sono morte quattro persone e decine di negozi e abitazioni sono state attaccate da militanti armati di pistole, bombe e coltelli.

    17/06/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka, non si ferma la violenza dei buddisti radicali contro i musulmani
    Le ricostruzioni ufficiali parlano - per il momento - di 91 feriti e quattro morti, tra cui un neonato di appena una settimana. Bruciata e rasa al suolo una moschea. Saccheggiate e distrutte decine di case e negozi. Leader religiosi cristiani ad AsiaNews: "Condanniamo le violenze contro i nostri fratelli musulmani".

    19/06/2014 SRI LANKA
    Colombo, "ignoti" picchiano a sangue un monaco buddista che difende i musulmani
    Wataraka Vijiyha Thero, noto per aver condannato l'operato del Bodu Bala Sena (la "Brigata buddista") contro la comunità islamica, è stato ritrovato alla periferia della capitale senza sensi, nudo e pieno di ferite di arma da taglio.

    26/02/2007 SRI LANKA
    Questa Quaresima straziata dalla violenza fa rivivere la Passione
    In un messaggio, la Conferenza episcopale invita tutti a un periodo di pentimento e di lotta contro il male e a favore della pace. La memoria del Cristo crocifisso quale invito per non tollerare ingiustizie e non restare indifferenti davanti al dolore. Con la preghiera e gli atti di devozioni si invochi una vera pace per il Paese.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®