26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 12.13

    INDIA

    Corte suprema indiana nega l’aborto di un bambino Down. Medico cattolico: l'aborto non è mai la scelta migliore

    Nirmala Carvalho

    Nella motivazione dei giudici si legge: “Abbiamo una vita nelle nostre mani”. La madre ha 37 anni ed è incinta di 26 settimane. L’anomalia del feto non pone rischi alla salute della gestante. Dott. Carvalho: “Quando si scoprono problemi con le diagnosi prenatali, la tendenza predominate è abortire”.

    Mumbai (AsiaNews) – La Corte suprema dell’India ha negato l’interruzione di gravidanza ad una donna incinta di 26 settimane, il cui figlio è affetto dalla sindrome di Down. Nella motivazione dei giudici si legge: “Abbiamo una vita nelle nostre mani”. Il tribunale supremo, dopo aver effettuato valutazioni mediche, ha decretato che non vi sono rischi fisici per la madre nel continuare la gravidanza tali da giustificare l’aborto. “Tutti sanno – hanno scritto nella sentenza – che i bambini con la sindrome di Down sono senz'altro meno intelligenti, ma essi sono brave persone”. Ad AsiaNews il dott. Pascoal Carvalho, medico cattolico e membro della Pontificia accademia per la vita, afferma: “Non vi è dubbio che i genitori soffrano quando vengono diagnosticate anomalie al feto, ma l’aborto non deve essere mai considerato l’opzione migliore”.

    La sentenza della Corte suprema è del 28 febbraio. La madre, una donna di 37 anni, aveva presentato appello per interrompere la gestazione. In India la legge stabilisce che si può abortire fino alla 20ma settimana di gravidanza nel caso in cui essa costituisca un pericolo per la madre e per il feto. Invece in questo caso i giudici non hanno ritenuto opportuno concedere il permesso. In precedenza in un episodio simile avevano acconsentito all’interruzione per una donna incinta di 24 settimane con gravi rischi per la sua salute.

    Il dott. Carvalho afferma che “la vita è sacra, e lo è fin dal momento del concepimento. Ogni attacco contro la vita umana svilisce il nostro atteggiamento nei confronti della vita nel suo complesso. Oggi ci troviamo di fronte ad una cultura della morte e proprio per questo dobbiamo riaffermare il rispetto per la vita, soprattutto per coloro che non sono ancora nati, anche con la sindrome di Down”. “La vita è un continuo – sottolinea il medico – e ogni tentativo di sopprimerla ci porta a negare il suo valore. L’aborto è un attacco contro la vita fin dal suo principio”.

    Egli riferisce che le nuove Direttive etiche e religiose per i servizi sanitari cattolici [emanate nel 1994 dalla Conferenza nazionale dei vescovi cattolici Usa, che riprendono gli insegnamenti dell’Istruzione Donum vitae del 1987 – ndr] permettono la diagnosi prenatale solo quando i “metodi impiegati, con il consenso dei genitori adeguatamente informati, salvaguardano la vita e l’integrità dell’embrione e di sua madre, non facendo loro correre rischi sproporzionati” [Donum vitae, parte 1 n. 2 – ndr].

    I problemi, continua il dott. Carvalho, “sorgono quando le diagnosi evidenziano malformazioni o anomalie nel bambino. La tendenza predominante nel mondo di oggi è abortire”. “Nonostante questo – conclude – non dobbiamo mai perdere di vista che ogni persona rimane un individuo unico, fatto a immagine e somiglianza di Dio. Il bambino non ancora nato, innocente, indifeso invoca a gran voce la nostra protezione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/07/2009 INDIA
    La Corte Suprema revoca l’ordine di aborto per una 19enne orfana e disabile mentale
    Violentata da due operatori della casa di accoglienze governativa in cui era ospitata, la giovane è alla 20ma settimana di attesa. Il tribunale del Punjab aveva ordinato l’interruzione di gravidanza perché la ragazza non poteva accudire il figlio e lo avrebbe considerato un “giocattolo”. La 19enne chiedeva di poter partorire.

    09/05/2016 09:09:00 INDIA
    Vescovi indiani: Condanna totale per lo stupro e l’omicidio di una ragazza dalit

    Jisha era una studentessa di giurisprudenza di 28 anni. È stata violentata, ferita 38 volte e poi uccisa. L’Ufficio per le donne della Conferenza episcopale indiana si è unito alle proteste della società civile. Medico cattolico: “La vita delle donne è considerata meno importante di quella degli uomini. Il loro sfruttamento inizia ancor prima della nascita, con gli aborti selettivi; poi continua con l’industria dell’utero in affitto”.



    26/01/2017 11:16:00 INDIA
    Chiesa indiana: Le donne hanno bisogno di assistenza medica, non di “aborto sicuro”

    In India muoiono 10 donne ogni giorno per interruzioni di gravidanza oltre le 20 settimane. Ogni anno il numero di aborti raggiunge quasi sette milioni. I motivi sono soprattutto economici e sociali. Ridurre gli aborti selettivi delle bambine; fare prevenzione; garantire protezione alle donne che tendono a ricorre a pratiche dannose.



    30/07/2008 INDIA
    Coppia indiana chiede l’aborto per disfunzioni cardiache del nascituro
    La legge del Paese proibisce aborti dopo la 20esima settimana. Il feto, ormai alla 25esima, presenta problemi al cuore che richiederebbero l’inserimento di un pacemaker dopo il parto e successivi interventi chirurgici. Fermo “no” della Chiesa che difende il principio assoluto del “diritto alla vita”.

    31/07/2015 INDIA
    India, dopo lo stupro un aborto al sesto mese: “Ma il bimbo è innocente”
    La Corte suprema ha dato il permesso a una ragazza di 14 anni di interrompere la gravidanza, anche se è alla 25ma settimana. In India il termine legale per abortire è la 20ma. Vescovo ausiliare di Mumbai ad AsiaNews: “Uno stupro che culmina in una gravidanza è come gettare sale su una ferita”. Ma “il piccolo è innocente: meglio farlo nascere. I nostri orfanotrofi cattolici sono sempre disponibili a prendersi cura di questi bambini”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®