18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/05/2010, 00.00

    CINA

    Crescono gli internauti che aggirano la censura cinese



    Un noto blogger fa un’indagine tra chi naviga nei siti proibiti. Ne deriva un identikit molto diverso dal previsto: non oppositori alle autorità ma gente che vuole solo lavorare su internet. Un mercato potenziale vastissimo.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) –L’80% dei cinesi che aggirano la “Grande Barriera” di censura su internet lo fanno solo per accedere a servizi essenziali come Google. Uno sguardo sui molti internauti che navigano nei siti “proibiti”.

    Da sempre Pechino pratica una stretta censura su internet e sono bloccate ricerche con parole-chiave di temi “sensibili”, come massacro-Piazza-Tiananmen, 4-giugno, Taiwan e molte altre. Dalle Olimpiadi di Pechino di agosto 2008 la censura è aumentata, nella metà del 2009 è stato bloccato l’accesso a network sociali come Twitter e Facebook, quest’anno è esplosa la polemica con Google che ha rifiutato le censure sul suo motore di ricerca ed è stata oscurata.

    Il risultato è  un forte aumento di chi aggira la censura. Jason Ng, noto blogger, ad aprile ha lanciato un’indagine tra i frequentatori di molti microblog, raccogliendo un campione di oltre 5.300 risposte.

    Ad aggirare la censura sono soprattutto giovani tra i 22 e i 25 anni di buona cultura. I due terzi degli intervistati la aggirano tutti i giorni, soprattutto per accedere a motori di ricerca necessari per il lavoro come Google. Al 2° posto ci sono i network sociali come Facebook, al 3° i siti esteri di informazione. Circa il 30% delle risposte ammette che visitano siti pornografici.

    Non si tratta di pericolosi contestatori, anzi oltre la metà ha risposto che accetterebbe la censura, se una legge la definisse in modo certo e se fosse applicata in modo trasparente. Circa l’85% ha espresso la convinzione di non fare qualcosa davvero illegale e che lo avrebbe insegnato agli amici. Appena il 38% degli intervistati ritiene che la censura debba essere abolita del tutto.

    I dati sono con certezza incompleti, data la limitatezza del campione. Esperti ritengono che, comunque, lo studio fornisce un primo quadro della situazione.

    L’analista Wen Yunchao, noto come Beifeng, osserva al South China Morning Post che per le autorità è impossibile bloccare del tutto le reti private, specie quelle estere, perché le ditte multinazionali e le ambasciate estere ne fanno uso. Questo potrebbe favorire la creazione di siti che riproducono le notizie e gli accessi a queste reti estere. Wen ritiene che sarebbe “un ottimo affare”, perché il servizio potrebbe essere reso accessibile solo a pagamento ed è convinto che il mercato potenziale sia molto vasto e in espansione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2010 CINA
    L’ira di Pechino su Google liberato dalla censura
    Da stanotte alle 3 le ricerche su Google sono senza censura, offerte via Hong Kong. La Cina accusa la compagnia di “aver tradito le sue promesse”. Dubbi sul futuro: Google non può perdere l’enorme mercato cinese; la Cina non può permettersi un’informazione senza censura. Internauti chiedono a Pechino di pubblicare quali sono i contenuti che esso vuole censurare. E domandano a Google di rivelare quanta censura esso ha praticato in questi anni.

    13/04/2006 Cina
    Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera

    Il Dipartimento propaganda del Partito Comunista proibisce l'uso di agenzie di stampa internazionali o i canali satellitari come fonte per le notizie estere. Google: "Non si può fare altro che rispettare le leggi, anche quelle sulla censura"



    21/04/2006 Cina
    Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese

    Il direttore esecutivo della compagnia ha ammesso che il loro partner cinese "filtra e censura i messaggi che passano sul portale". Si allunga la lista delle compagnie che, per non perdere il mercato cinese, dimenticano la libertà di espressione, "filosofia base" di Internet.



    25/03/2010 CINA - STATI UNITI
    Dopo Google, un altro gigante del Web lascia la Cina
    Go Daddy, che gestisce i domini online, annuncia di voler chiudere i propri uffici nel Paese asiatico e attacca i nuovi regolamenti “troppo restrittivi. Non vogliamo diventare un agente della polizia cinese”. Ma alcuni analisti di Borsa sospettano che dietro le fughe si nascondano dei conti in rosso, e non i diritti umani.

    05/12/2017 11:56:00 CINA
    Alla Conferenza mondiale su internet, applausi ambigui per Xi Jinping e per il controllo sul web

    Presenti 1500 rappresentanti da 80 Paesi. Il presidente cinese offre aperture al mercato online, ma ribadisce la “sovranità” della Cina nel cyberspazio. L’internet cinese è quello più controllato al mondo. Ma è anche il più sviluppato.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®