13/03/2014, 00.00
UCRAINA - RUSSIA
Invia ad un amico

Crimea, alla vigilia del referendum la Chiesa ucraina fa appello all'integrità del Paese

Le Chiese ortodosse ucraine-Patriarcato di Kiev e Patriarcato di Mosca avvertono dei rischi di una secessione. L'arcivescovo Kliment accusa l'Europa di rimanere a guardare. Il metropolita Onufry: la Russia non divida l'Ucraina, sarà una ferita sanguinosa e che si rifletterà in modo doloroso sui rapporti tra i due popoli fratelli.

Mosca (AsiaNews) - Oggi in Crimea gli ucraini sono in pericolo di vita. A lanciare l'allarme è l'arcivescovo Kliment di Simferopol e Crimea della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Kiev, a pochi giorni dal referendum che il 16 marzo deciderà sull'annessione della penisola alla Russia. "Tutta la propaganda parla di questo: se sei ucraino sei un banderovez (ultranazionalista, dal nome del politico del secolo scorso, Stepan Bandera, considerato in Ucraina occidentale un padre della patria e dall'Est e dai russi un ammiratore di Hitler) e quindi bisogna ucciderti", racconta l'arcivescovo al portale Sobitia Krima.

Kliment è sceso in piazza già due volte in questi giorni a Simferopol, capitale della repubblica autonoma di Crimea, per pregare per la pace e l'integrità del Paese con alcuni sacerdoti, attivisti del movimento Euromaidan Crimea e rappresentanti della comunità tatara (il 12% della popolazione). Si tratta dei principali tre gruppi che oggi hanno il coraggio di sfidare gli aggressivi uomini del cosiddetto "esercito di autodifesa" filorusso, i quali imperversano per le strade delle città, scoraggiando con minacce - e a volte impedendo con la forza - qualunque espressione di sostegno al governo centrale di Kiev e contraria all'"occupazione russa". "Maidan" o "Ucraina" sono concetti ormai considerati "provocatori" in Crimea, l'unica regione a maggioranza russa e dove il parlamento locale ha già votato di fatto per la secessione e aspetta di "tornare a casa", riunendosi a Mosca, come sostengono i volantini della campagna elettorale.

"L'Europa occupa la posizione di osservatore come fece nel 1933, quando in Ucraina ci fu l'Holodomor" (la terribile carestia staliniana) e nel 1941, quando gli ebrei venivano fucilati", denuncia Kliment, sottolineando che "nel frattempo la situazione è diventata ancora più minacciosa". L'arcivescovo ortodosso ricorda gli attacchi ai giornalisti e il sequestro, da parte di attivisti filorussi, di due degli organizzatori del movimento Euromaidan Crimea: Anatoli Kovalsky e Andrei Schekun, di cui si sono perse tracce dal 9 marzo. 

Toni meno allarmati dal reggente della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca, il metropolita Onufry, che lancia comunque un appello a mantenere l'armonia sociale e l'integrità del Paese. "Dobbiamo aiutare la gente a capire che tutti i problemi devono essere risolti in modo pacifico, che non si può offendere il prossimo e tanto meno ucciderlo", dichiara il metropolita in un'intervista al Giornale del Patriarcato di Mosca. A suo dire, quello che succede oggi in Ucraina "mette alla prova il nostro amore per Dio e per il prossimo". Onufry invita a trovare nella preghiera e nel rapporto più stretto con Dio "il modo giusto di uscire da qualsiasi situazione politica". Fino al 15 marzo, intanto, su iniziativa del metropolita Lazar di Simferopol e Crimea (Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca), si pregherà per la pace in tutte le chiese e i monasteri di Crimea.

Onufry ricorda, poi, che l'Ucraina è un Paese "multinazionale": "Qui vivono tatari, russi, romeni, moldavi, ucraini. Dobbiamo imparare a rispettare la cultura degli altri. La causa dell'attuale tensione risiede per lo più nel fatto che una parte, a un certo punto, ha iniziato a imporre la sua cultura, il suo modo di pensare a tutti gli altri". "Dobbiamo, invece, imparare a rispettarci l'un l'altro - ammonisce - la parte orientale dell'Ucraina (più vicina alla Russia) quella occidentale (a maggioranza ucraina e che chiede l'Europa) e viceversa".

"Il mio più fervente desiderio come vescovo della Chiesa ortodossa ucraina è che la Russia faccia tutto il possibile per preservare l'integrità territoriale dell'Ucraina - conclude - in caso contrario verrà inferta una sanguinosa ferità all'unità dei nostri due popoli, che si rifletterà in modo doloroso sulle nostre relazioni reciproche". (N.A.) 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Crimea, Chiesa e filo-ucraini manifestano per la pace
07/03/2014
La Chiesa ortodossa ucraina, legata a Mosca, chiede di restituire la Crimea a Kiev
19/08/2014
La Chiesa ortodossa ucraina a Putin: Evita guerra e divisione nel nostro Paese
08/04/2014
Gerusalemme, la Pasqua ortodossa si tinge dello scisma russo-ucraino
27/04/2019 09:32
A Minsk un fragile accordo. Onufry, metropolita di Kiev chiede preghiere e cancella le feste del Carnevale
13/02/2015