23/06/2012, 00.00
MEDIO ORIENTE
Invia ad un amico

Crolla il turismo nei Paesi della Primavera araba

In Tunisia ed Egitto il calo rispetto al 2010 è pari al 30%. Abu Dhabi, Dubai e Turchia le nuove mete dei turisti occidentali e arabi.

Dubai (AsiaNews/ Agenzie) - Instabilità politica, insicurezza ed estremismo islamico fanno crollare il turismo nei Paesi della Primavera araba. Uno studio della World Tourism Organization (Unwto) mostra un calo generale dei viaggi in Medio Oriente nel 2011 del 9%. In Nord Africa il dato  supera il 10%. I Paesi più colpiti sono Tunisia ed Egitto, con il 31% e il 32% di visitatori in meno rispetto all'anno passato. In entrambi gli Stati l'economia del turismo copre circa il 10% del Prodotto interno lordo.

Taleb Rifai, direttore dell'Unwto, sottolinea che grazie al lento ritorno alla normalità nei primi mesi del 2012  la Tunisia ha registrato un lieve aumento delle prenotazioni. Durante i mesi delle rivolte  il settore aveva subito cali anche del 90% e fra circa un anno si potranno avere i numeri registrati nel 2010. In Egitto le prenotazioni sono ancora ferme ai valori registrati a fine 2011.  Altro fattore destabilizzante è la crisi siriana in corso da oltre un anno, che ha causato un crollo dei flussi turistici dei Paesi confinanti. Nei primi mesi del 2012 la Giordania ha registrato un calo delle presenze del  14%; in Libano del 21%.

Khaled al-Mazrui, responsabile del Fujairah International Airport negli Emirati arabi uniti, sottolinea che la Primavera araba ha modificato le mete dei turisti stranieri e locali "La gente - afferma - soprattutto gli stranieri, cercano luoghi sicuri  e un trattamento di qualità come criterio per scegliere la propria destinazione". Ciò ha spinto molti turisti occidentali, ma anche arabi a visitare la Turchia e gli Emirati arabi. Fra il 2011 e marzo 2012 gli alberghi extralusso di Dubai e Abu Dhabi hanno registrato un incremento delle prenotazioni del 10%.  La Turchia è stata invece la nazione che ha avuto il maggior aumento dei turisti provenienti dai Paesi arabi con + 400% rispetto al dato del 2010. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Primavera araba, siccità e cambiamenti climatici dietro il boom migratorio
24/01/2019 08:45
Cresce la corruzione nei Paesi arabi, Libano e Yemen i peggiori di tutti
03/05/2016 08:58
L’ascesa della politica economica islamista: i nuovi capitalisti
15/05/2012
Anatomia della paura. Una democrazia sunnita in difesa dei cristiani
30/09/2011
Medio oriente: crollano aspettative di vita per guerre e rivolte
27/08/2016 08:43