7 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/03/2008
CINA - SUDAN
Dalla Cina il 90% delle armi del Darfur
Pechino, in violazione del veto Onu, vende armi e riceve in cambio petrolio. Human Rights First denuncia che, per fermare il genocidio, si deve anzitutto fermare questa vendita.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il 90% delle armi leggere acquistate dal Sudan - e usate anche nella guerra del Darfur - sono vendute dalla Cina, in violazione dell’embargo dell’Onu. Lo denuncia in un rapporto la ong per la tutela dei diritti Human Rights First (Hrf), indicando dati precisi e le fonti.

Secondo Hrf nel periodo 2004/2006 gli altri fornitori d’armi hanno molto diminuito la vendita, mentre Pechino ha ceduto armi per 55 milioni di dollari da quando è cresciuta la violenza nel Darfur e ne è ora quasi il solo fornitore al Sudan, che paga in petrolio.

Negli anni scorsi Pechino ha dapprima negato qualsiasi vendita di armi allo stato africano. Quando non lo ha più potuto fare, ha insistito che ne vende meno di altri Paesi e che, comunque, le sue armi non sono usate per il genocidio nel Darfur. Ma questo – dice Betsy Apple per Hrf – “non è per nulla credibile”, dato che è quasi la sola fornitrice d’armi a Khartoum.

Le attività della Cina in Sudan servono anzitutto a sviluppare le infrastrutture necessarie per estrarre e trasportare il petrolio: pozzi, oleodotti, raffinerie, ma anche strade e strutture portuali. Nel 2000, prima della crisi nel Darfur, il Sudan produceva petrolio per 1,2 miliardi di dollari, nel 2006 è arrivato a 4,7 miliardi (+291%) e un ex ministro sudanese delle Finanze dice che almeno il 70% dei profitti beneficiano l’esercito, visto come uno dei principali responsabili del massacro. Vendendo più petrolio, può acquistare più armi: dal 1999 al 2005 l’acquisto di armi è cresciuto di 680 volte.

La Cina fornisce al Sudan anche esperti militari e Hrf nota che le loro visite in loco sono coincise con “periodi di maggiore violenza nel Darfur”. Pechino aiuta inoltre a sviluppare la produzione di armi e veicoli militari, anche tramite ditte specializzate e con l’invio di ingegneri e specialisti.

Hrf conclude che “se la Cina vuole davvero la pace nel Darfur, deve anzitutto fermare la vendita di armi”. Pechino dice che sta facendo “quanto può per la pace nel Darfur”, ma è una dichiarazione “falsa, finché sarà il primo fornitore d’armi al governo del Sudan”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/07/2008 CINA - SUDAN
Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
18/02/2009 CINA - SUDAN
La Cina saluta con enfasi l’accordo tra Sudan e un gruppo ribelle del Darfur
28/05/2007 CINA - SUDAN
“Un ruolo più costruttivo” per Pechino contro il massacro del Darfur
05/03/2009 CINA - SUDAN
La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir
02/08/2007 CINA - NAZIONI UNITE
Pechino plaude la decisione Onu di inviare 26mila soldati in Darfur

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate