29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2016, 08.52

    SIRIA

    Damasco autorizza l’ingresso di 20 osservatori Onu ad Aleppo est



    Il governo e diversi partiti hanno accettato la risoluzione del Consiglio di sicurezza, che prevede la presenza di esperti indipendenti. L’obiettivo è favorire l’evacuazione e garantire la distribuzione di aiuti umanitari. Russia, Iran e Turchia lavorano per estendere il più possibile la tregua nei combattimenti. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il governo siriano e diversi partiti presenti nell’arco parlamentare hanno accettato la risoluzione 2328 votata il 19 dicembre scorso “all’unanimità” dal Consiglio di sicurezza Onu, che prevede l’invio di 20 osservatori indipendenti ad Aleppo est. A loro verrà affidato il compito di monitorare e supervisionare le operazioni di evacuazione della città. Dal 15 dicembre scorso almeno 25mila persone hanno abbandonato il settore orientale, a lungo controllato da gruppi ribelli e jihadisti, sebbene violenze e scontri hanno interrotto a più riprese le operazioni e fatto vacillare l’accordo mediato da Russia e Turchia.

    Al contempo, le Nazioni Unite si aspettano che tutte le parti coinvolte nel conflitto, governo e ribelli, autorizzino la distribuzione di aiuti umanitari ad Aleppo, città per oltre quattro anni divisa in due parti: Occidentale, dove vivono 1,2 milioni di persone, sotto il controllo del governo; la zona orientale, con circa 250mila persone, nelle mani delle milizie ribelli e di gruppi jihadisti. 

    Dal luglio scorso nell’area vivono migliaia di civili in condizioni di assedio. 

    Il portavoce Onu Stéphane Dujarric conferma di aver ricevuto “l’autorizzazione per inviare 20 impiegati nazionali e internazionali” ad Aleppo, per ricoprire “un ruolo chiave nella sorveglianza”. La possibilità di accedere a quanti hanno “bisogno di aiuti umanitari”, aggiunge, “è urgente”. 

    Un team delle Nazioni Unite è già pronto alla diga di Ramouseh, controllata dai governativi. “La protezione dei civili che stanno abbandonato queste zone - conclude il funzionario Onu - resta la nostra priorità”. 

    Intanto Russia, Iran e Turchia concordano sul bisogno di estendere il più possibile la tregua in Siria. I leader dei tre Paesi vogliono lavorare per garantire il buon esito dei colloqui di pace e rafforzare il cessate il fuoco nelle aree in cui si combatte ancora.

    In un documento congiunto diffuso ieri al termine dell’incontro Mosca, Teheran e Ankara affermano di essere pronte a “contribuire alla preparazione di un accordo” fra governo siriano e opposizioni e di ricoprire il ruolo di “garanti”. Infine, essi chiedono “libero accesso” agli aiuti umanitari e “il libero movimento di civili su tutto il territorio siriano”. 

    Esclusi dall’accordo finalizzato alla tregua i gruppi jihadisti fra cui lo Stato islamico e il Fateh al-Sham, ex Fronte di al Nusra, emanazione di al Qaeda in Siria. 

    Al termine dell’incontro il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov ha elogiato il nuovo asse che si è venuto a formare sulla Siria, sebbene Mosca e Teheran sostengano Damasco mentre Ankara è vicina alla galassia del movimenti ribelli. La collaborazione, ha aggiunto Lavrov, “ha già permesso non solo l’evacuazione di civili” ma anche il trasferimento “della maggior parte dei combattenti” dell’opposizione armata attraverso “percorsi concordati”. Per il futuro l’obiettivo è di “rafforzare la cooperazione”. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2016 11:23:00 SIRIA
    Aleppo, con canti e balli la popolazione celebra la fine dei combattimenti

    Negli ultimi giorni fuggiti 6mila combattenti con le loro famiglie. In città sono rimasti due milioni di civili, che festeggiano la vittoria dell’esercito governativo. Canti e balli in una piazza del quartiere armeno. La polizia ha intercettato e disinnescato un ordigno. Jihadisti ed estremisti cercano la vendetta. Ma le persone non sembrano intimorite e vogliono ricominciare a vivere. 

     



    20/12/2016 08:57:00 SIRIA - ONU
    Il Consiglio di sicurezza Onu approva all’unanimità l’invio di osservatori ad Aleppo

    Previsto l’invio “immediato” per monitorare le operazioni di evacuazione. Dal 15 dicembre almeno 14mila persone hanno abbandonato il settore orientale. Damasco deve però pronunciarsi ancora sull’ingresso. L’inviato speciale Onu per la Siria annuncia un nuovo incontro a Ginevra per l’8 febbraio. 

     



    19/12/2016 08:56:00 SIRIA
    Aleppo: Riprende l'evacuazione, migliaia di civili in attesa

    Nelle ultime ore ambulanze e autobus hanno lasciato l’area controllata dai ribelli. Fra le persone ancora in attesa vi sono molti malati e bambini feriti. Miliziani di al Nusra hanno attaccato i mezzi impegnati nello sgombero di al Fuaa e Kafrya. Oggi all’Onu si vota la risoluzione sul monitoraggio internazionale delle operazioni di evacuazione. 

     



    17/12/2016 10:49:00 SIRIA
    Aleppo, interrotte le operazioni di evacuazione. Per ribelli e jihadisti accordo o morte

    In due giorni circa 6mila fra ribelli e civili hanno lasciato l’ultima porzione della città in mano agli oppositori. Sparatorie e violazioni agli accordi hanno fermato le operazioni di evacuazione. Mosca e Ankara vogliono portare i colloqui di pace da Ginevra ad Astana. La causa siriana dal cuore dell’Europa al cuore dell’Asia. 

     



    16/12/2016 12:09:00 SIRIA
    Caritas Aleppo: occorrono cibo e assistenza per chi fugge e per chi rimane ad Aleppo est

    Il governo siriano sospende le operazioni di evacuazione e accusa i ribelli di sparare sui civili in fuga. Direttore Caritas: estremo bisogno di aiuti, “l’allerta è massima”. Necessario fornire assistenza psicologica ai bambini e curare i disabili. L’obiettivo è “entrare nel settore orientale e aiutare direttamente sul posto”.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®