Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/09/2012, 00.00

    ISRAELE - IRAN

    Denuclearizzare il Medio Oriente: il rifiuto di Israele e le bugie di Teheran

    Joshua Lapide

    Una conferenza sulla denuclearizzazione dovrebbe tenersi ad Helsinki alla fine del 2012. Ma Israele afferma che la situazione è "volatile ed ostile". L'incontro fra Teheran e la Ue sul programma nucleare iraniano è stato "positivo", ma L'Iran è noto per nascondere gli sviluppi del suo progetto. Israele, unica potenza nucleare della regione.

    Gerusalemme (AsiaNews) - Israele ha espresso profonda opposizione all'iniziativa di una conferenza che mira a edificare un Medio oriente libero dal nucleare.  Shaul Horev, direttore del Comitato per l'energia nucleare in Israele, ha espresso le sue riserve sul progetto dicendo che esso è prematuro, dato che la situazione dell'area è "volatile ed ostile".

    La conferenza dovrebbe tenersi a Helsinki alla fine del 2012 o all'inizio del 2013 ed è stata spesso sponsorizzata da Barack Obama.

    Secondo quanto riporta Haaretz,  Horev  attribuisce la responsabilità della difficile situazione del Medio oriente a Siria e Iran. Quest'ultimo, soprattutto, dà la "vuota impressione" che voglia collaborare con la comunità internazionale, ma continua il suo programma nucleare. Secondo Israele e molti Paesi occidentali, Teheran sta sviluppando centrali e centri di arricchimento di uranio per costruire armi atomiche. Ma gli iraniani continuano a rivendicare scopi pacifici per il loro il loro programma.

    L'Iran ha promesso di continuo di essere aperto ai controlli dell'Agenzia atomica dell'Onu (Aiea), ma in passato ha spesso nascosto siti nucleari o deviato alcune ispezioni. A tutt'oggi il dialogo fra Teheran e Aiea si trova in stallo. Ciò ha spinto Stati Uniti e altri Paesi, fra cui l'Unione europea, a incrementare sanzioni contro l'Iran. Nei giorni scorsi, si è tenuto a Istanbul un incontro fra rappresentanti iraniani ed europei, definito come "utile e costruttivo" e come "una grande opportunità per sottolineare ancora una volta all'Iran l'urgente bisogno di fare dei progressi".

    Al momento Israele è l'unica potenza nucleare della regione, sebbene lo Stato non abbia mai confermato tale realtà. Il suo programma nucleare è andato via via sviluppandosi con l'aiuto della Francia, ed è concentrato sul reattore di Dimona, nel sud del Negev. Nell'86 un tecnico della centrale di Dimona, Mordechai Vanunu, ha rivelato al mondo molti dettagli sul programma nucleare del suo Paese. A causa di questo egli è stato arrestato per 18 anni e ancora oggi subisce limitazioni della libertà.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2010 MEDIO ORIENTE - ONU
    Onu: Per un Medio oriente denuclearizzato (compresi Israele e Iran)
    Accordo per una Conferenza sul Medio oriente a cui dovrebbero partecipare anche Teheran e Tel Aviv. Il documento finale chiede esplicitamente a Israele di firmare il trattato di non proliferazione. Ma non dice nulla sulle preoccupazioni della comunità internazionale verso l’Iran. Mordechai Vanunu sempre sotto controllo.

    10/04/2010 ISRAELE
    L’arsenale nucleare israeliano fra 100 e 300 testate, quasi come la Gran Bretagna
    Lo rivela la Jane’s, agenzia per la difesa con base a Londra. Dal 2005 Israele possiede anche missili a lunga gittata (7800 km). Nell’86 Mordechai Vanunu ha rivelato il programma nucleare di Tel Aviv ed è stato imprigionato. Ancora oggi subisce limitazioni alla libertà.

    25/05/2012 IRAN - ONU - MEDIO ORIENTE
    Baghdad, nessun accordo fra Iran e i 5+1
    La due giorni di Baghdad (Iraq) delude le iniziali speranze per il raggiungimento di un'intesa. I temi sono lo smantellamento del programma nucleare iraniano e le sanzioni Onu. Un nuovo round di negoziati è in programma per il 18 giugno a Mosca. Proseguono i lavori fra Arabia Saudita e Bahrain per l'unione degli Stati del Golfo in funzione anti-Iran.

    11/09/2015 ISRAELE
    L’ex tecnico nucleare israeliano Mordechai Vanunu ai domiciliari per una intervista
    Dovrà rimanere in casa per sette giorni per aver concesso un’intervista all’emittente privata Channel 2. Avrebbe violato i termini di scarcerazione fissati nel 2004, al momento del rilascio dopo 18 di prigione. Il 60enne, convertito al cristianesimo, chiedeva di potersi unire alla moglie norvegese, sposata tre mesi fa.

    05/08/2015 ISRAELE
    Nuovo appello di Mordechai Vanunu: Basta restrizioni, voglio vedere mia moglie
    Ottava petizione all’Alta corte di giustizia del tecnico convertito al cristianesimo che rivelò l’esistenza dell’arsenale nucleare israeliano. Libero dal 2004, non può recarsi all’estero. Per uscire di casa, deve avvertire 48 ore prima.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®