22 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/09/2012
ISRAELE - IRAN
Denuclearizzare il Medio Oriente: il rifiuto di Israele e le bugie di Teheran
di Joshua Lapide
Una conferenza sulla denuclearizzazione dovrebbe tenersi ad Helsinki alla fine del 2012. Ma Israele afferma che la situazione è "volatile ed ostile". L'incontro fra Teheran e la Ue sul programma nucleare iraniano è stato "positivo", ma L'Iran è noto per nascondere gli sviluppi del suo progetto. Israele, unica potenza nucleare della regione.

Gerusalemme (AsiaNews) - Israele ha espresso profonda opposizione all'iniziativa di una conferenza che mira a edificare un Medio oriente libero dal nucleare.  Shaul Horev, direttore del Comitato per l'energia nucleare in Israele, ha espresso le sue riserve sul progetto dicendo che esso è prematuro, dato che la situazione dell'area è "volatile ed ostile".

La conferenza dovrebbe tenersi a Helsinki alla fine del 2012 o all'inizio del 2013 ed è stata spesso sponsorizzata da Barack Obama.

Secondo quanto riporta Haaretz,  Horev  attribuisce la responsabilità della difficile situazione del Medio oriente a Siria e Iran. Quest'ultimo, soprattutto, dà la "vuota impressione" che voglia collaborare con la comunità internazionale, ma continua il suo programma nucleare. Secondo Israele e molti Paesi occidentali, Teheran sta sviluppando centrali e centri di arricchimento di uranio per costruire armi atomiche. Ma gli iraniani continuano a rivendicare scopi pacifici per il loro il loro programma.

L'Iran ha promesso di continuo di essere aperto ai controlli dell'Agenzia atomica dell'Onu (Aiea), ma in passato ha spesso nascosto siti nucleari o deviato alcune ispezioni. A tutt'oggi il dialogo fra Teheran e Aiea si trova in stallo. Ciò ha spinto Stati Uniti e altri Paesi, fra cui l'Unione europea, a incrementare sanzioni contro l'Iran. Nei giorni scorsi, si è tenuto a Istanbul un incontro fra rappresentanti iraniani ed europei, definito come "utile e costruttivo" e come "una grande opportunità per sottolineare ancora una volta all'Iran l'urgente bisogno di fare dei progressi".

Al momento Israele è l'unica potenza nucleare della regione, sebbene lo Stato non abbia mai confermato tale realtà. Il suo programma nucleare è andato via via sviluppandosi con l'aiuto della Francia, ed è concentrato sul reattore di Dimona, nel sud del Negev. Nell'86 un tecnico della centrale di Dimona, Mordechai Vanunu, ha rivelato al mondo molti dettagli sul programma nucleare del suo Paese. A causa di questo egli è stato arrestato per 18 anni e ancora oggi subisce limitazioni della libertà.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2010 MEDIO ORIENTE - ONU
Onu: Per un Medio oriente denuclearizzato (compresi Israele e Iran)
10/04/2010 ISRAELE
L’arsenale nucleare israeliano fra 100 e 300 testate, quasi come la Gran Bretagna
25/05/2012 IRAN - ONU - MEDIO ORIENTE
Baghdad, nessun accordo fra Iran e i 5+1
24/05/2006 MEDIO ORIENTE - IRAN
Di fronte al nucleare iraniano il mondo arabo si divide
08/04/2010 MEDIO ORIENTE
Hariri: il conflitto israelo-palestinese più “esplosivo” del nucleare iraniano

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate