24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/04/2014, 00.00

    UZBEKISTAN

    Dietro pressioni degli imam, sepolture vietate ai cristiani nei cimiteri di Stato uzbeki



    Tre casi nelle scorse settimane hanno rilanciato il problema della libertà religiosa nel Paese asiatico. I leader religiosi islamici hanno bloccato i funerali, perché i membri di altre fedi “non possono essere sepolti con i musulmani”. Ignorate le proteste dei parenti, secondo cui l’Uzbekistan è uno Stato laico.

    Tashkent (AsiaNews/Forum18) - Alcuni imam uzbeki, con il sostegno delle autorità locali, hanno negato il permesso di sepoltura a fedeli non-musulmani nei cimiteri di proprietà dello Stato; nelle ultime settimane si sono verificati già tre casi, che hanno coinvolto cristiani protestanti e rilanciato il problema della libertà religiosa in Uzbekistan. È quanto denuncia il sito d'informazione Forum18, impegnato a documentare le violazioni alla libertà religiosa in Asia centrale. Il rifiuto ha colpito tre persone che, in passato, si erano convertite dall'islam. Per questo, in punto di morte, è stato imposto alle famiglie il bando dai tradizionali luoghi di sepoltura delle famiglie. 

    In Asia centrale il culto dei morti è radicato nel profondo ed è importante essere sepolti nei luoghi in cui riposano gli altri parenti, con il saluto partecipe della comunità locale. Il primo episodio documentato da F18 risale al 9 aprile, anche se è emerso solo in questi giorni, e riguarda il cristiano Gayrat Buriyev, 68 anni, originario di un villaggio poco distante la capitale Tashkent. L'imam locale ha rifiutato la sepoltura nel cimitero statale, insultando a più riprese la famiglia del defunto; i parenti si sono appellati alle autorità amministrative, senza alcun risultato. 

    Dietro il mancato permesso, vi è la decisione dell'uomo di convertirsi al cristianesimo: i cimiteri "appartengono allo Stato", ha affermato l'imam, e quanti passano ad altre religioni "non possono riposare nello stesso cimitero con i musulmani". Fonti locali riferiscono che il leader religioso islamico avrebbe a più riprese "apostrofato con insulti e improperi" la famiglia dello scomparso e affermato di agire "in base alla sharia, la legge islamica". 

    A nulla sono valse le rimostranze dei parenti, secondo cui l'Uzbekistan è (o dovrebbe essere) uno Stato laico e i cimiteri sono pubblici. Per l'imam "è un cimitero musulmano" e i cristiani non sono ammessi. 

    Due casi analoghi si sono verificati anche nella regione autonoma di Karakalpakstan, nel nord-ovest del Paese. Funzionari dell'amministrazione locale hanno imposto alle famiglie di due donne - cristiane protestanti, morte nel febbraio scorso - la sepoltura nel cimitero russo-ortodosso, dopo che l'imam locale aveva vietato l'uso del camposanto statale. Anche in questa vicenda è risultata fondamentale l'azione del leader islamico locale, secondo cui "quanti accettano una religione diversa, non possono essere sepolti nello stesso cimitero con i musulmani". 

    L'88% delle popolazione uzbeka è di fede musulmana sunnita mentre i cristiani costituiscono l'8%. Nel Paese, la libertà confessionale è soggetta a forte limitazione da parte del governo. La legge uzbeka considera "illegale" la detenzione di letteratura religiosa "solo se questa è collegata all'estremismo e incita l'odio". Ma le autorità giudiziarie spesso dispongono di distruggere il materiale confiscato nelle abitazioni dopo il "parere positivo" di alcuni "esperti del settore", che di regola definiscono "estremisti" tutti i libri che parlano di religione. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/12/2014 UZBEKISTAN
    Dai media di Stato uzbeki una campagna contro la libertà di culto e le religioni
    I giornali ufficiali continuano la campagna contro comunità e fedeli; nel mirino protestanti e testimoni di Geova. Fra le varie accuse, quella di trasformare "i bambini in zombie". Alle vittime delle calunnie non è concesso diritto di replica. In un caso gli articoli diffamatori hanno portato al licenziamento di quattro cristiani.

    27/05/2008 UZBEKISTAN
    Una campagna in tv contro cristiani e Testimoni di Geova
    Trasmissioni televisive denigrano gruppi religiosi, con invito ai cittadini a non consentire conversioni di parenti. In realtà il governo vuole controllare ogni forma di religione, anzitutto l’islam che è quella più diffusa.

    17/08/2013 UZBEKISTAN
    Autorità uzbeke contro i cristiani: raid in campi estivi per bambini e famiglie
    Gli episodi sono avvenuti nelle scorse settimane a Tashkent e Samarcanda. Gli agenti hanno preso di mira gli annuali campi estivi organizzati dalla Baptist Union. I battisti sono accusati di violare norme riguardanti la proprietà e la diffusione di materiale religioso. A Samarcanda la polizia ha interrogato per oltre sei ore anche i bambini.

    12/02/2010 UZBEKISTAN
    Falsa accusa di spaccio di stupefacenti per un cristiano battista
    I fedeli temono che la polizia voglia così colpire le loro comunità. Sistematiche le persecuzioni contro i battisti, non riconosciuti dallo Stato. Ma anche contro gruppi islamici.

    22/05/2009 UZBEKISTAN
    Vietati la bibbia e “The Passion” di Mel Gibson, nel Karakalpakstan
    La decisione presa dalle autorità regionali senza ben spiegarne le ragioni. Nella zona sono vietate le religioni non islamiche ed è sistematico il sequestro della letteratura religiosa e la condanna di chi la detiene anche per usi personali.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®