31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/02/2005
VATICANO – ITALIA
Don Giussani, un padre per la missione
di Bernardo Cervellera

Ho conosciuto don Giussani quando avevo 17 anni. L'incontro con lui è stato l'incontro con un padre che ti introduce nella verità della vita e nell'impegno per il mondo. A quel tempo io vivevo una fede pietista in chiesa e un impegno comunista nel Movimento studentesco, nella tipica schizofrenia del cristianesimo anni '60.

Devo a don Giussani la riscoperta della Chiesa non come regole e sussulti morali, ma come la palpitante presenza di Gesù Cristo vivo ancora oggi. E devo a lui la scoperta tutta nuova che la fede ha a che fare con tutto ciò che l'uomo è e fa, con i suoi bisogni individuali e sociali. Don Giussani ha trasformato la mia innata curiosità in interesse verso il bene del mondo e la mia tiepida fede in passione a proporre la persona di Gesù Cristo come il cuore e il destino del mondo.

Di lì a pochi anni Giovanni Paolo II avrebbe scolpito nella sua prima enciclica il programma della Chiesa per il terzo millennio: Gesù Cristo è il centro del cosmo e della storia. Un programma così simile, anzi identico a quello proposto da don Giussani.

Da tutto questo è nata la mia vocazione missionaria nel PIME. Grazie a don Giussani ho cominciato i primi passi nell'incontro con le chiese perseguitate dell'Europa dell'Est, continuato poi con il Vietnam, la Cambogia, la Cina.

Prima di intraprendere il mio primo viaggio "extraeuropeo" in India e Bangladesh, sono andato a trovarlo. E mi ha detto: "Quando incontri questi popoli chiediti sempre: Chi è l'uomo che mi sta davanti?  E anche : Chi è Gesù Cristo per quest'uomo?".

Nell'avvicinarsi e condividere le altezze e gli abissi delle persone e dei popoli si riscopre in modo nuovo come Cristo è la salvezza di tutti, offerta attraverso la nostra testimonianza. Questo metodo missionario di don Giussani, così in sintonia con il metodo del PIME, ha portato a una pluridecennale collaborazione fra il PIME e CL sui campi della fame, per il Libano, per i profughi vietnamiti e cambogiani, per offrire ai giovani un ideale che non sia solo ideologia o riflusso.

Nel periodo che ho passato in Cina, ad Hong Kong e a Taiwan, quando già era malato, mi ha scritto una volta poche righe: Grazie perché porti per noi la testimonianza della fede fra questi popoli. Vogliamo partecipare in tutti i modi alla tua missione, che è nostra.

In realtà, caro don Giussani, sono io e tutta la Chiesa che ti ringraziamo: grazie alla tua testimonianza siamo più certi della ricchezza che portiamo e del nostro compito in questo terzo millennio.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/02/2005 VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
di Chiara Lubich
23/02/2005 VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
di Piero Gheddo
23/02/2005 RUSSIA - VATICANO - ITALIA
Don Giussani: la testimonianza di Cristo rompe i ghiacci dell'ateismo siberiano
21/02/2006 vaticano
Il Papa ricorda mons. Giussani ad un anno dalla morte
24/02/2005 vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
di Bernardo Cervellera
Articoli del dossier
vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
vaticano
Ratzinger: don Giussani, ha guadagnato molti cuori a Cristo
VATICANO
Papa: don Giussani promotore di un incontro personale con Cristo
VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
RUSSIA - VATICANO - ITALIA
Don Giussani: la testimonianza di Cristo rompe i ghiacci dell'ateismo siberiano
TERRA SANTA - KAZAKHSTAN
L'incontro con Cristo per ogni uomo, l'eredità di don Giussani in Asia
VATICANO-ITALIA
Don Giussani: Il card. Ratzinger presiederà i funerali a nome del Papa
vaticano - italia
È morto don Luigi Giussani, fondatore di CL

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate