09/06/2011, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Donne nepalesi vittime di prostituzione e schiavitù nei Paesi arabi

di Kalpit Parajuli
Centinaia le donne emigrate per lavoro in Kuwait, Iraq, Afghanistan e altri Paesi islamici, di cui non si hanno più notizie da anni. Chi riesce a fare ritorno mostra segni di deperimento fisico, ferite ed è spesso infettata da Aids.
Kathmandu (AsiaNews) – Centinaia di donne nepalesi emigrate nei Paesi arabi in cerca di lavoro e un salario migliore, mancano all’appello. Secondo mariti e parenti sarebbero vittime di sfruttamento della prostituzione e schiavitù. Le migranti che riescono a fare ritorno, mostrano deperimento fisico, ferite, danni psicologici e spesso sono infettate da Aids. Per risolvere questa drammatica situazione, il governo del Nepal vuole proporre il blocco delle migrazioni verso Iraq, Kuwait e Afghanistan dove si registra la maggior parte dei casi. Nel 2010 sono 242 le donne emigrate per lavoro di cui non si hanno più notizie.

Devi Lal Sunar, del villaggio di Sanoshree (distretto di Bardia), da tre anni non ha notizie della moglie Shanti ed è preoccupato per le sue condizioni. “Dieci anni fa – afferma – una vicina di casa ha convinto mia moglie a partire per il Kuwait, aiutandola ad emigrare attraverso l’India”. Devi racconta che l’ultimo contatto con la moglie Shanti è avvenuto circa tre anni fa. Al telefono la donna raccontava che il proprietario di casa non le consentiva di uscire, la minacciava e torturava quando tentava di contattare casa e non le dava lo stipendio. “Ho chiamato più volte in Kuwait – dice - ma risponde sempre una voce con accento indiano che nega di conoscere mia moglie”.  L’uomo afferma di aver fatto di tutto per riportare sua moglie a casa e in questi anni ha venduto gran parte delle sue proprietà e ora non ha più soldi per sfamare i suoi due figli.

Lila Thapa, donna di 35 anni, di recente ha fatto ritorno nel suo villaggio di Katarnia (Bardia), dopo sette di lavoro come domestica in Kuwait. “Lavorare nei Paesi arabi è molto rischioso e difficile – racconta – casi di abusi e sfruttamento sono all’ordine del giorno”. La donna sottolinea di non aver mai subito abusi sessuali, tuttavia afferma di essere stata sfruttata e mal pagata per tutto il suo soggiorno in Kuwait.  

Secondo Maiti Nepal, associazione contro il traffico delle donne, le denunce di sparizione sono in continuo aumento.  In otto anni si è passati da tre casi nel 2002 a 242 nel 2010. La crescita è dovuta soprattutto all’aumento delle migrazioni verso i Paesi arabi, che attirano donne fra i 25 e i 35 anni con offerte di lavoro come infermiere, colf e badanti. Molte di loro vengono però vendute come prostitute in bordelli o vengono impiegate in case private come domestiche-schiave e sottoposte a continui abusi da parte dei datori di lavoro.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nepal, il governo blocca l'emigrazione delle donne nei Paesi del Golfo
10/08/2012
Afghanistan, il luogo peggiore dove essere donna
16/06/2011
Migliaia di donne e bambini vietnamiti venduti come “schiavi del sesso”
11/03/2010
Kuwait, lavoratori stranieri venduti come schiavi sui social network
02/11/2019 10:41
Nepal, i soldi dei migranti sostengono l'economia. A costo di schiavitù e violenze
20/12/2013