Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/07/2012, 00.00

    INDIA

    Dopo il “China killer”, New Delhi lancia un nuovo missile nucleare



    Agni-I ha una gittata di 700 chilometri, sufficiente (in teoria) per raggiungere il Pakistan. Ad aprile, l’India ha testato un missile della stessa famiglia, l’Agni-V, capace di arrivare in Cina grazie a un raggio di 5mila chilometri.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Questa mattina l'India ha testato con successo l'Agni-I, missile per il trasporto di armi nucleari capace di raggiungere obiettivi in Pakistan, grazie a una gittata di 700 chilometri. Il lancio è avvenuto a Wheeler Island, al largo delle coste dell'Orissa, ed è stato effettuato dal Defense Research Developmente Organisation (Drdo).

    Lungo 15 metri e pesante 12 tonnellate, Agni-I ha uno speciale sistema di navigazione che permette di raggiungere l'obiettivo con un alto grado di accuratezza e precisione. Il missile può trasportare fino a una tonnellata di carico.

    Il successo di oggi rappresenta l'ennesimo, nuovo tassello nella corsa agli armamenti di New Delhi. Ad aprile infatti l'India ha lanciato Agni-V, missile per il trasporto di armi nucleari a lungo raggio, soprannominato "China killer" perché capace di raggiungere le grandi città di Pechino e Shanghai, grazie alla sua gittata di oltre 5mila chilometri.

    L'India ha iniziato a sviluppare la serie di missili "Agni" nel 1983, tra le armi più sofisticate del proprio arsenale. Il nome Agni deriva dal sanscrito ed era quello del dio indù del fuoco.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/05/2008 INDIA
    New Delhi mostra i muscoli e testa un missile nucleare che puo' colpire Cina e Pakistan
    L’Agni-III ha percorso 3mila chilometri in 13 minuti, ed ha colpito con precisione il suo bersaglio. Ha una capacita’ pari a 300 kilotoni. Per alcuni analisti, si tratta di un avvertimento a Cina e Pakistan.

    19/04/2012 INDIA
    New Delhi lancia con successo il missile nucleare “China killer”
    L’Agni-V è partito questa mattina alle 8:05 (ora locale) dall’Orissa e ha raggiunto in 20 minuti l’obiettivo prefissato, un punto al largo dell’Indonesia. Il direttore dei test lo ha definito “perfetto”. Con una gittata di oltre 5mila chilometri, il missile può raggiungere anche Pechino e Shanghai.

    18/04/2012 INDIA
    New Delhi pronta a lanciare un missile nucleare, fino in Cina
    L’Agni-V avrà una gittata di oltre 5mila km e potrà raggiungere tutta l’Asia e alcune parti dell’Europa. Se il lancio andrà a buon fine, l’India diventerà il settimo Paese con missili balistici intercontinentali nel proprio arsenale, insieme a Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Cina, Francia e Israele.

    16/04/2007 INDIA
    Le ambizioni segrete dei missili indiani a gittata intercontinentale
    Fonti scientifiche ufficiali indiane si dicono pronte a realizzare un missile intercontinentale con 5.500 km di gittata, ma si parla anche di un razzo di 15mila km. di raggio. Preoccupata la Cina, vulnerabile al nuovo missile indiano. New Delhi risponde che lavora solo per la propria sicurezza e prosegue le ricerche.

    09/05/2008 PAKISTAN
    Islamabad risponde a Delhi: testato un nuovo missile nucleare
    L’esercito pakistano conferma le prove dell’Hatf-VIII, missile cruise in grado di montare ordigni nucleari. Due giorni fa, l’India aveva sperimentato un arma balistica con gittata pari a tremila chilometri, in grado di colpire Pakistan e Cina.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®