17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/07/2017, 08.52

    CINA

    Dottori stranieri invitati in Cina a curare il ‘sovversivo’ Liu Xiaobo, Premio Nobel per la pace

    Wang Zhicheng

    Gli esperti di medicina provengono da Stati Uniti e Germania. Speranze che il dissidente possa essere portato all’estero per le cure. Lettera aperta ai leader del G20 perché premano su Xi Jinping, che sarà presente all’incontro di Amburgo. Visitatori all’ospedale non hanno trovato il malato.

    Pechino (AsiaNews) - La Cina ha invitato medici esperti dagli Stati Uniti e dalla Germania per aiutare nelle cure il dissidente Liu Xiaobo, malato di cancro terminale.

    Liu, 61 anni, è stato condannato a 11 anni di prigione per “sovversione contro il potere dello Stato” per aver scritto la petizione di Carta ’08, che chiedeva riforme politiche, democrazia e libertà religiosa per il Paese. Mentre era in prigione, nel 2010 Liu è stato insignito del Premio Nobel per la pace.

    Soggetto a isolamento per molto tempo, lo scorso maggio gli è stato diagnosticato un cancro allo stadio terminale e per questo, pur rimanendo un prigioniero “sovversivo” (come lo ha definito la stampa del Partito), è stato ricoverato in un ospedale a Shenyang (Liaoning). Molti suoi amici accusano il governo di aver intenzionalmente ritardato la diagnosi e le cure.

    Secondo una fonte vicina alla famiglia - citata da Reuters - l’invito a dottori dagli Usa e dalla Germania può far pensare che la Cina stia pensando di trasferire Liu in uno di questi due Paesi, ma le rispettive ambasciate a Pechino non hanno espresso alcun commento.

    L’idea di un possibile trasferimento all’estero di Liu è suggerita anche da fonti locali di AsiaNews.

    Finora, alle richieste di diplomatici dagli Stati Uniti e dall’Unione europea, il ministero degli esteri ha risposto che la malattia di Liu è “un affare interno della Cina” e che i Paesi stranieri non dovrebbero immischiarsi.

    Nel fine settimana, il 7 e l’8 luglio, il presidente Xi Jinping dovrebbe recarsi ad Amburgo per un incontro del G20. Molti gruppi per i diritti umani stanno preparando manifestazioni e petizioni.

    Un insieme di gruppi per i diritti umani ha diffuso oggi una lettera aperta chiedendo ai leader del G20 di premere sulla Cina per il rilascio senza condizioni di Liu Xiaobo, garantendogli la libertà di andare all’estero, dove lui vuole.

    Secondo fonti diplomatiche, la Cina è nervosa che il problema di Liu Xiaobo possa portare danni di immagine a Xi, che sta cercando di presentare se stesso e il suo Paese come modelli per la difesa dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici, come pure per la globalizzazione e il libero commercio.

    Ieri, anche Zeid Ra'ad al-Hussein, Alto commissario Onu per i diritti umani ha incontrato rappresentanti cinesi, chiedendo clemenza e rispetto per Liu.

    Un fatto preoccupante è che in questi giorni molte persone hanno cercato di visitare Liu all’ospedale di Shenyang, ma il personale dell’ospedale ha detto loro che Liu non c’è. Sui social sono però presenti foto che ritraggono il malato insieme alla moglie (v. foto) e attorniato da alcuni medici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2017 08:35:00 CINA
    I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte

    Interrotte le cure contro il cancro al fegato; applicate solo le cure contro il dolore. L’invito a specialisti dagli Stati Uniti e dalla Germania è fermo per questioni burocratiche. Gli amici di Liu sospettano che le autorità vogliano abbandonarlo alla morte.



    26/06/2017 10:56:00 CINA
    Il dissidente Liu Xiaobo esce dalla prigione: è malato di cancro terminale al fegato

    Gli è stato concesso di curarsi fuori del carcere. Non cercherà trattamenti medici all’estero. Nel 2009 era stato condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato”: aveva compilato il manifesto di Carta ’08. Mentre era in prigione, nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la pace.



    26/07/2017 12:44:00 CINA
    Bao Tong: Liu Xiaobo è stato un grande patriota cinese

    Il grande statista parla della sua amicizia con il grande dissidente, che le autorità hanno lasciato morire di cancro. Le pacifiche e non violente proposte espresse da Liu nell’importante documento di Carta ’08 sono quasi tutte contenute nella costituzione cinese. Eppure Liu è stato condannato per “sovversione contro lo Stato”. I suggerimenti per la nazionalizzazione dell’esercito e del federalismo.



    03/07/2017 11:15:00 CINA
    Bao Tong: Il governo cinese responsabile per la mancanza di cure a Liu Xiaobo

    Per il grande statista le autorità carcerarie hanno trascurato in modo deliberato la gravità della malattia per molto tempo. Un “omicidio deliberato”. Bao e altri amici domandano a Xi Jinping di liberare Liu Xiaobo con un’amnistia. Ma per il Global Times Liu deve ancora scontare la prigione perché “sovversivo”.



    29/06/2017 12:19:00 CINA
    Attivisti per i diritti umani: Liu Xiaobo torturato. Pechino gli faccia scegliere dove curarsi

    Appello alla comunità internazionale perché offra cure mediche e accoglienza alla famiglia. La privazione di cure mediche è una forma di tortura che mette in pericolo la vita delle persone. Da maggio, la moglie chiedeva fosse permesso a Liu di curarsi all’estero. Attivista pro-democrazia: “La sua miglior possibilità è un trapianto di fegato, ma non è prevedibile che ciò accada in Cina”. L’offerta di Taiwan ad accoglierlo e curarlo. Pechino risponde: no alle ingerenze degli altri Paesi, “Liux Xiaobo è un cittadino cinese”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®