16 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2017, 08.56

    MYANMAR - BANGLADESH - CINA

    Dramma Rohingya, il Myanmar respinge l’offerta di mediazione cinese



    Naypyidaw non vuole ingerenze esterne nella risoluzione della controversia che riguarda la minoranza musulmana interna. Portavoce Aung San Suu Kyi: “Risolvere la questione sul piano bilaterale”. Dietro l’interesse di Pechino la realizzazione di un oleodotto del valore di 1,5 miliardi di dollari. 

     

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Il governo birmano, nazione a larga maggioranza buddista, ha respinto l’offerta di mediazione con il Bangladesh avanzata da Pechino, per risolvere l’annosa questione della minoranza musulmana Rohingya. È quanto ha affermato un portavoce dell’esecutivo di Naypyidaw, che non vuole ingerenze esterne, né l’intervento del potente vicino cinese, per affrontare uno dei nodi più spinosi della politica interna al Paese e che ha coinvolto la stessa Nobel per la pace, oggi ministro degli Esteri e leader del governo, Aung San Suu Kyi. 

    Da tempo sono aumentate in modo esponenziale le violenze fra il Tatmadaw (esercito governativo birmano) e quello che i soldati definiscono “un gruppo militante di musulmani Rohingya” nello Stato Rakhine. I Rohingya sono una minoranza musulmana - di poco più di un milione di persone - originaria del Bangladesh, alla quale il Myanmar non riconosce la cittadinanza e definisce in modo spregiativo “Bengali”.

    Dall’inizio di ottobre, il bilancio è di almeno 90 persone uccise e circa 34mila sfollati con il governo birmano che avrebbe cercato di cancellare i numerosi casi di abusi emersi. La popolazione Rohingya denuncia esecuzioni sommarie, arresti arbitrari, stupri, case date alle fiamme nel contesto di una campagna ribattezzata “operazione di pulizia”. Il governo di Naypyidaw nega l’accusa di genocidio pur impedendo l’accesso all’area a giornalisti indipendenti e operatori umanitari.

    Nei giorni scorsi la Cina si è proposta come mediatrice fra Myanmar e Bangladesh, che si rimbalzano accuse e responsabilità mentre decine di migliaia di persone continuano a versare in condizioni critiche. La maggioranza vive in campi profughi nei pressi del confine fra i due Paesi; finora Naypyidaw e Dhaka non hanno raggiunto un accordo sulla gestione - e la cura - della minoranza musulmana. 

    Zaw Htay, portavoce del gabinetto del Consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, ha sottolineato che “Myanmar e Bangladesh stanno già cercando di risolvere la questione Rakhine”. La politica del governo birmano, ha aggiunto, è di “risolvere questo problema sul piano bilaterale fra Myanmar e Bangladesh” senza ingerenze esterne o intervento di terzi. 

    “Possiamo comprendere l’offerta della Cina per una mediazione - conclude il portavoce - poiché essa nutre interessi nella regione, partendo dall’oleodotto di Kyaukphyu. Tuttavia, come ho detto in passato, la nostra idea è di dirimere la controversia fra noi”. 

    Insomma, il governo birmano risponde all’offerta di Pechino proprio come la Cina risponde alle potenze straniere quando sono in gioco interessi o questioni - vedi il buddismo tibetano o le controversie nel mar Cinese orientale e meridionale - che la coinvolgono, opponendo il principio della non ingerenza esterna. 

    In questo caso Pechino intende intervenire non certo per ragioni di carattere umanitario, ma per un mero interesse economico e commerciale. In gioco vi è l’oleodotto che collega la cittadina portuale di Kyaukphyu, nella baia del Bengala, con la città di Kunming, capoluogo della provincia dello Yunnan. Un progetto strategico del valore di circa 1,5 miliardi di dollari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/11/2012 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: più soldati, per fermare le violenze fra birmani e Rohingya
    La Nobel per la pace auspica una maggiore presenza militare per riportare la pace nello Stato di Rakhine. Gli interessi di governo e opposizione ostacolano una soluzione politica della vicenda. Motivi economici e commerciali dietro gli scontri interconfessionali. Nuovo naufragio di una nave carica di profughi.

    22/03/2013 MYANMAR
    Meikhtila, sale a 20 morti il bilancio degli scontri fra buddisti e musulmani
    Nella notte i buddisti incendiano altre moschee. Per smorzare le violenze le autorità impongono il coprifuoco nella città. A scatenare gli scontri un alterco fra un negoziante musulmano e birmano buddista.

    21/03/2013 MYANMAR
    Meikhtila: due morti, una moschea devastata negli scontri fra buddisti e musulmani
    All’origine delle violenze un banale alterco fra un musulmano venditore di oro e un cliente buddista. Centinaia le persone coinvolte; accuse alla polizia che non sarebbe intervenuta per arginare l’assalto. Allerta del governo centrale, nel timore di un’escalation. Delegazioni di buddisti e attivisti cercano di riportare la calma.

    23/08/2012 MYANMAR
    Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya
    Per tutto il mese sacro di digiuno islamico, le autorità hanno messo i sigilli ai luoghi di culto. Nemmeno la festa finale di Eid ul-Fitr ha portato alla riapertura. Musulmani birmani e attivisti: “pressioni” sui musulmani perché lascino il Paese. Hrw: persecuzione “sponsorizzata dallo Stato”.

    17/01/2014 MYANMAR
    Buddisti birmani attaccano un villaggio Rohingya, decine di morti fra cui donne e bambini
    Lo denuncia il movimento attivista Arakan Project, che rilancia fonti locali del villaggio di Du Char Yar Tan. Centinaia di agenti presidiano la zona per scongiurare altre violenze. Il comizio di un leader estremista buddista il mese scorso ha causato un’escalation di tensione. Il governo birmano smentisce il racconto dei media e nega la presenza di vittime.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®