26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/01/2017, 11.54

    GIAPPONE – COREA DEL SUD

    E’ crisi diplomatica per una statua che rappresenta una “donna conforto”



    Collocata davanti al consolato giapponese di Busan, in Corea del sud è stata presa dal Giappone  come una provocazione. Il gesto compiuto da uno dei gruppi che contestano l’accordo tra Seoul e Tokyo.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Una statua che ricorda le “comfort women” coreane - le donne che durante la guerra furono costrette a prostituirsi per i giapponesi – sta creando una crisi diplomatica tra Giappone e Corea del sud.

    La collocazione della statua - che rappresenta, a grandezza naturale, una giovane - di fronte al consolato giapponese di Busan è stata presa da Tokyo come una provocazione, in risposta alla quale sono stati richiamati l’ambasciatore e il console generale a Busan.

    "Il fatto che la statua della ragazza è stata collocata – ha spiegato il segretario del governo giapponese, Yoshihide Suga - ha un'influenza sfavorevole sulle relazioni tra il Giappone e la Repubblica di Corea, ed è estremamente deplorevole".

    Da parte sua il ministero degli esteri coreano ha rilasciato una dichiarazione nella quale afferma che "Il nostro governo sottolinea ancora una volta che, anche se ci sono problemi difficili tra i due Paesi, entrambi i governi hanno bisogno di sviluppare continuamente i loro rapporti". L’affermazione fa probabilmente riferimento all’accordo che i due Paesi avevano raggiunto nel 2015 a proposito delle “donne conforto”.

    Il Giappone ha accettato di dare un miliardo di yen (8,6 milioni di dollari) a un fondo per aiutare i sopravvissuti. Ma l'accordo è stato criticato da gruppi di difesa delle ex donne conforto. E’ stato uno di questi gruppi a collocare la statua.

    Si stima che fino a 200mila donne, principalmente coreane – altre provenivano da  Cina, Taiwan e Indonesia - sono state costrette a lavorare come schiave sessuali per i soldati giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/12/2015 COREA – GIAPPONE
    Accordo storico con Seoul: Tokyo si scusa per le “donne conforto”
    La questione delle “schiave del sesso” inviate nelle caserme giapponesi prima e durante la II Guerra mondiale era aperta dal 1965. Oggi il Sol Levante offre “scuse di cuore” per quanto accaduto e versa 1 miliardo di yen a un fondo per il benessere delle sopravvissute. L’intesa apre la strada a una maggiore cooperazione fra le due nazioni, schiacciate dalla Cina.

    24/07/2014 GIAPPONE - COREA
    Il governo di Tokyo "si scuserà in maniera ufficiale" con le donne conforto coreane
    Lo ha detto Junichi Ihara, capo dell'Ufficio affari asiatici del ministero giapponese degli Esteri, alla fine di un incontro con Lee Sang-deok, suo omologo sudcoreano. La questione delle donne sfruttate sessualmente dai soldati nipponici divide le due nazioni dalla fine della II Guerra mondiale. Oggi ne rimangono in vita 54: alcune incontreranno il Papa durante il suo viaggio in Corea del Sud.

    16/12/2011 COREA DEL SUD – GIAPPONE
    Vescovi sudcoreani chiedono giustizia per le “donne-conforto”
    La Commissione di Giustizia e Pace parla di un crimine terribile, un’offesa contro l’umanità e contro Dio. Centinaia di persone hanno partecipato alla millesima marcia di protesta settimanale, che si è tenuta davanti all’ambasciata nipponica. Cittadino giapponese: “sempre più persone devono conoscere questo dramma”.

    27/09/2012 GIAPPONE - COREA
    L'imperatore Akihito spera di visitare la Corea
    Da tempo l'erede del trono del Crisantemo esprime questo desiderio. Ma questioni territoriali, opportunità politiche e ferite antiche bloccano il suo programma di distensione per la regione estremo-orientale.

    13/01/2016 COREA DEL SUD – GIAPPONE
    Chiesa coreana: L’accordo sulle ‘donne conforto’ calpesta i diritti umani delle vittime
    La Commissione episcopale Giustizia e Pace critica con durezza l’intesa fra Tokyo e Seoul sulle vittime della tratta di esseri umana per scopi sessuali: “Un testo nato secondo la logica dell’economia e della diplomazia, va rivisto nell’ottica del Giubileo della misericordia”. L’accordo “non cerca la pace, perché per ottenere una vera pace bisogna riconoscere le proprie colpe e scusarsi. Questo è l’inizio della vera conversione”. L’incontro fra mons. You e le sopravvissute (foto).



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®