31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/12/2006, 00.00

    FILIPPINE

    E’ iniziata la tradizionale novena della "messa del gallo"

    Santosh Digal

    Per nove giorni fino al Natale milioni di persone di ogni età si trovano in chiesa prima di andare a lavorare. E’ un importante momento per prepararsi alla gioia della Natività insieme alla famiglia. Anche all’estero i filippini sono fedeli alla novena.

    Manila (AsiaNews) – E’ iniziato il 16 dicembre il tradizionale “Simbang Gabi”, con milioni di filippini nell’intero Paese che hanno sfidato un aspro vento per riunirsi in chiesa di prima mattina per l’inizio della novena che conclude l’Avvento.

    La novena prepara alla natività di Cristo ed esprime la fede che Dio si è incarnato in Gesù, è morto e risorto. E’ detta anche “Misa de Gallo” (Messa del Gallo) o “Misa de Aguinaldo” (Messa del Dono), perché ha luogo al primo albeggiare e conferma la forte anima cattolica dei filippini; è un “sacrificio per amore” che richiede di alzarsi presto in giorni di normale lavoro.

    Il padre gesuita Victor S. Salanga spiega ad AsiaNews che “le messe della novena sono celebrate all’alba o la notte prima e i filippini vi partecipano per prepararsi al dono della nascita di Gesù”.

    Jasica De Cruz, 24 anni, impiegata al Palazzo presidenziale a Manila, dice che “è la nostra preparazione spirituale per la nascita del Salvatore, immenso dono di Dio all’umanità. Il suono delle campane che ci chiama alla Messa, le lanterne che illuminano la via, la carole che sentiamo, tutto ci rammenta che il Natale è prossimo”.

    L‘arcidiocesi di Manila dice che il Simbang Gabi è “un momento pieno di significato, perché rafforza i legami familiari nel periodo in cui la nostra fede è confermata. I fedeli sentono di più la presenza del Signore, perché si preparano al Natale, la natività di Cristo”.

    E’ l’inizio di un periodo di gioia da comunicare durante le tradizionali vacanze con la famiglia, come avviene nel Paese da generazioni. La tradizione risale al 1565, quando il conquistador spagnolo Miguel Lopez de Legazpi celebrò la prima festa della Natività nel Paese. Questa novena all’alba è iniziata nel 1587 in Messico, quando il frate Diego de Soria, priore del convento di S. Agostino Acolman, chiese al Papa il permesso di tenere le messe di Natale per i contadini che si alzavano presto per andare a lavorare.

    Quest’anno alla Messa dell’alba le chiese di Manila sono piene di fedeli, giovani e anziani che pregano Dio con gioia e partecipazione. Molti dicono che si sono alzati alle 3 del mattino, per essere presenti in chiesa tra i primi e per evitare il traffico caotico della mattina presto.

    Anche per i 7,3 milioni di lavoratori filippini all’estero il Simbang Gabi è un’importante ragione per tornare a casa per Natale. Chi non può tornare, cerca di mantenere la tradizione dove lavora. A Dubai la novena si svolge presso la chiesa St. Mary. Il parroco Nen Bunag dice che ci partecipano circa 4mila filippini ogni notte. E’ iniziata un giorno prima, dal 15 al 23 dicembre, perché “la chiesa è molto impegnata per la preparazione delle celebrazioni del 24 e del 25 dicembre”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/12/2009 FILIPPINE
    Novena di Natale per gli alluvionati, milioni di filippini alla “messa del gallo”
    Iniziata ieri mattina all’alba, la tradizionale novena del Simbang Gabi o messa del gallo terminerà il prossimo 24 dicembre. Il gesto è celebrato anche dai dieci milioni di filippini residenti all’estero. Organizzate in tutte le parrocchie dell’arcidiocesi di Manila raccolte di fondi e generi di prima necessità per aiutare oltre 4 milioni di sfollati.

    17/12/2008 FILIPPINE
    Filippine, con la “messa del gallo” si aprono le celebrazioni del Natale
    La Novena nel Paese è caratterizzata dalle messe prima dell’alba, una tradizione che affonda le radici ai tempi della colonizzazione spagnola. I fedeli pregano per le loro famiglie, la pace nel Paese e nel mondo intero. La polizia intensifica i controlli per prevenire episodi di violenza.

    02/12/2009 FILIPPINE - EMIRATI
    Crollo di Dubai: a rischio 250mila lavoratori migranti filippini
    La crisi impedisce ai migranti di pagare i debiti contratti con le banche locali. Per molti è già scattata l’incarcerazione. Nell’emirato l’80% della forza lavoro è costituita da lavoratori stranieri.

    23/12/2013 EMIRATI ARABI UNITI
    Natale ad Abu Dhabi, chiese "stracolme in tutta la regione: pregheremo per la pace"
    Per mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell'Arabia meridionale, decine di migliaia di persone hanno partecipato in questi giorni alle celebrazioni in vista del Natale. Nella sola Dubai oltre 20mila fedeli erano presenti alla novena natalizia organizzata nella chiesa della Vergine Maria. Le comunità cattoliche di Emirati Arabi, Oman e Yemen dedicano il Natale alle popolazioni colpite da violenze e guerre.

    05/09/2006 EMIRATI ARABI UNITI
    A Dubai, per allinearsi ai mercati internazionali è stato spostato il weekend
    La decisione, in vigore dal primo settembre, potrebbe essere motivata anche dal fatto che la maggioranza dei residenti non è musulmana. Ma mancano i dati ufficiali di un Paese in crescita frenetica, che sta divenendo il centro commerciale dell'intero mondo arabo.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®