15/11/2005, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

East Java, telefonate minatorie a una chiesa cattolica

Una voce anonima avvisava di un'imminente bomba contro la chiesa di Betlemme. Polizia in allerta dopo la scoperta del piano terroristico contro obiettivi cristiani nel Paese.

Jakarta (AsiaNews) – Nuove concrete minacce ai cattolici in Indonesia. La chiesa di Betlemme nel villaggio di Puhsarang - a Kediri, provincia di East Java - ha ricevuto oggi una telefonata minatoria che avvertiva di un imminente attacco dinamitardo. La chiesa di Betlemme ha acquistato fama tra i cattolici in Indonesia, dopo l'edificazione del santuario mariano di Puhsarang, ai piedi del monte Wilis.

Il capo della polizia di Kediri, il commissario Nursamsul ha raccontato che Kiki, centralinista presso la chiesa di Betlemme, ha ricevuto una telefonata anonima, nella quale si avvisava che alle 2 del pomeriggio (ora di Jakarta) una bomba avrebbe colpito il complesso della chiesa. "Appena informati della minaccia – spiega un altro funzionario di polizia, Suryantono – la nostra squadra è corsa sul luogo per controllare". Suryantono ha aggiunto che, al momento, 21 poliziotti sono impegnati nelle indagini sul caso.

La chiesa di Puhsarang non ha ancora il titolo di parrocchia; dipende da quella di Vincentius a Paulo, nel centro di Kediri. Padre Sulistyo, che è stato anche alla guida della parrocchia cittadina, ha dichiarato che quella di oggi non è la prima telefonata minatoria alla chiesa di Betlemme.

Le forze di sicurezza nell'East Java hanno preso in modo molto serio l'episodio, dispiegando subito una squadra della polizia anti-terrorismo per "pulire" il complesso della chiesa. Documenti e fonti di intelligence hanno di recente confermato che il terrorista Azahari bin Husin - suicidatosi l'8 novembre scorso durante un'operazione della polizia indonesiana per catturarlo - stava progettando una serie di attentati esplosivi alle chiese di Malang durante le feste del prossimo Natale. Malang, una zona turistica a 80 km a sud di Surabaya, capitale dell'East Java, è nota per ospitare molti centri di ordini religiosi cattolici come quello dei verbiti e delle carmelitane.

La settimana scorsa il vescovo della diocesi di Malang ha confermato ad AsiaNews la minaccia terrorista contro diverse chiese cattoliche, che dovevano essere distrutte una settimana dopo la fine delle feste dell'Idul Fitri (la fine del Ramadan, il 3-4 novembre)  "L'informazione – ha detto mons. Herman Joseph Pandoyoputro - è circostanziata e mi è stata fornita da molte fonti fra cui la pubblica sicurezza ed un importante leader musulmano".

Fra gli obiettivi, la cattedrale del Monte Carmelo di Jalan e la parrocchia di S. Antonio a Pasuran, già distrutta dalle bombe nel Natale del 2000, quando una serie attentati colpirono 5 chiese a Jakarta e in altre città del Paese.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
West Sumatra, islamisti fomentano la “cristianofobia”: nel mirino scuole, chiese e negozi
23/11/2012
Ex presidente indonesiano si schiera a difesa di una chiesa cattolica
22/10/2004
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
North Sumatra: centinaia di islamisti attaccano comunità protestante, interrotta la funzione
02/12/2013