22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/02/2013, 00.00

    EGITTO

    Egitto, un Consiglio delle chiese cristiane per continuare la missione di Cristo



    I massimi rappresentanti delle confessioni cristiane del Paese si sono riuniti ieri al Cairo. Fra i partecipanti anche Tawadros II, patriarca della Chiesa copta ortodossa. Lo scopo è unire i cristiani per aiutarli ad affrontare le sfide del nuovo Egitto dominato dai Fratelli Musulmani. La nascita del Consiglio nazionale delle Chiese cristiane è frutto della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani tenutasi nei giorni scorsi in tutto l'Egitto.

    Il Cairo (AsiaNews) - Nasce al Cairo il Consiglio nazionale delle Chiese cristiane. I massimi rappresentanti delle confessioni presenti in Egitto si sono riuniti ieri presso la cattedrale copta ortodossa di san Marco, nel quartiere cairota di al- Abbasiya, per sottoscrivere gli statuti. Alla riunione hanno partecipato i responsabili delle cinque confessioni cristiane dell'Egitto: copto-ortodossa, cattolica [con le sue sette denominazioni : copto-cattolica, greco-melchita, maronita, siriaca, caldea, armena e latina] greco-ortodossa, anglicana e evangelica. Presenti, tra gli altri, il Patriarca copto-ortodosso Tawadros II, quello copto-cattolico Ibrahim Isaac Sidrak e Theodoros II, patriarca greco-ortodosso di Alessandria. 

    La creazione di questo Consiglio giunge al termine della Settimana di preghiera per l'Unità dei cristiani, iniziata lo scorso 10 febbraio. L'evento si è sempre tenuto alla fine di gennaio, ma quest'anno è stato posticipato a causa delle celebrazioni per il secondo anno della Primavera araba.

    Durante tutta la settimana, le veglie di preghiera si sono tenute in differenti chiese: copto-ortodosse, cattoliche, evangeliche, episcopali, anglicane e greco-ortodosse. E questo per realizzare il messaggio di Cristo: ''Ho dato loro la gloria che tu hai dato a me, affinché siano uno come noi siamo uno. Io sono in loro e tu in me''. Come è emerso dalle parole degli organizzatori dell'evento e dalla sintesi di p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica: "Dando una sguardo al difficile momento che sta affrontando l'Egitto, abbiamo bisogno di solidarizzare, rinforzare il nostro rapporto e aiutarci a riporre la nostra speranza nel Dio vivente. L'unità è di estrema importanza nel perseguire la missione della Chiesa testimone di Cristo".

    In occasione della visita dell'Assemblea dei patriarchi e vescovi cattolici, Tawadros II ha affermato: "Il credo e la fede hanno i teologi, ma noi abbiamo la carità e l'amore e il mio cuore è aperto a tutti".

    Questo percorso sta dando speranza a tutti i cristiani d'Egitto. Essi sentono che il sostegno reciproco rafforza tutti, specialmente in questi giorni difficili in cui il fondamentalismo islamico domina la società aumentando le divisioni, le discriminazioni e il rifiuto dell'altro. (AA)

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2013 EGITTO
    Egitto, Chiese cristiane: con le loro bugie i media occidentali aiutano gli islamisti
    In due comunicati distinti le comunità copta-ortodossa e cattolica condannano le violenze di questi giorni e offrono sostegno alle istituzioni. L'invito ai media occidentali per diffondere un'immagine vera dell'Egitto senza fomentare scontri confessionali. Solo l'unità fra cristiani e musulmani può salvare il Paese.

    19/02/2013 EGITTO
    Egitto, Benedetto XVI un esempio per cattolici e ortodossi
    I pastori delle sette denominazioni cattoliche egiziane considerano le dimissioni del Papa un grande gesto di fede e responsabilità. La via indicata dal Sinodo del Medio Oriente unica strada per affrontare le sfide emerse con la Primavera araba. Per i greco-ortodossi la decisione del Papa darà nuovo impulso alla Chiesa.

    28/02/2013 EGITTO
    Egitto, le Chiese cristiane abbandonano "l'inutile" dialogo con il presidente
    Cattolici, copti-ortodossi ed evangelici evitano la strumentalizzazione politica e preferiscono mantenere un ruolo spirituale. In un comunicato i leader religiosi si scusano e offrono digiuni e preghiere per la buona riuscita dei colloqui.

    02/12/2013 EGITTO
    Nella nuova Costituzione egiziana libertà religiosa, ma troppo potere ai militari
    Presentata ieri, la bozza del documento riconosce il rispetto dei diritti umani, la libertà religiosa e di culto. Cristiani, donne, portatori di handicap e altre categorie avranno quote di rappresentanza, ma il testo non precisa ancora la loro entità. Polemiche sui troppi poteri dati all'esercito e al governo ad interim. P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica: "La nuova costituzione sarà solo un 'buon testo' scritto per accontentare tutti, oppure un efficace strumento legislativo in grado di cambiare il Paese?".

    13/08/2012 EGITTO
    Chiesa cattolica egiziana: "Positive" le dimissioni del gen. Tantawi
    La decisione del presidente Mohammed Morsi segna la fine del doppio potere esercito-istituzioni civili. Il cambio dei vertici del Consiglio Supremo delle Forze Armate segue la tragedia del valico di Rafah (Sinai) costata la vita a sette soldati. Restano alti i timori di un'islamizzazione della società da parte dei Fratelli musulmani.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®