20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 12.37

    IRAN

    Elezioni municipali in Iran, la strada della politica per le donne



    Sono il 6,2% le candidate femminili alle municipali, per lo più donne comuni. A Teheran, dove il 21% delle candidature sono donne, si gioca una partita importante fra conservatori e riformisti, che puntano a deporre l’attuale sindaco conservatore.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Oggi in Iran si tengono le elezioni presidenziali. Al contempo, gli elettori sono anche chiamati ad eleggere le amministrazioni municipali. Se nelle prime non ci sono candidature femminili, nelle municipali il 6,2% dei candidati sono donne, per lo più di origini comuni: per loro, è la possibilità di intervenire nei municipi, di organizzare e partecipare ai progetti municipali e orientarli verso un miglioramento della vita quotidiana degli iraniani.

    La partecipazione femminile alle elezioni presidenziali è osteggiata dal Consiglio dei guardiani della Costituzione, che ne convalida le candidature. Per le elezioni municipali il Consiglio di monitoraggio, composto da cinque deputati di cui tre moderati e riformatori, è meno rigoroso.

    La partecipazione femminile è eterogenea in funzione dei territori, e varia di città e regione. A Teheran è ben al di sopra della media nazionale, con 21% delle candidature femminili. In una zona rurale si sono registrati casi esemplari: nella città di Afzalabad, nel sud-est della provincia povera e conservatrice di Sistan-Balouchistan, le 10 candidature per i quattro seggi del consiglio locale sono tutte femminili. Sempre nella stessa regione, nel novembre del 2013 il villaggio di Kalat ha eletto la mia prima donna sindaco, mentre nella città di Ghasrghand veniva eletta la prima governatrice. Tuttavia, le donne alla testa dei municipi restano un’eccezione e in ogni caso solo l’1% dei sindaci in Iran sono donne.

    Le elezioni locali a Teheran assumono un ulteriore significato nella contesa fra riformisti e conservatori: i nuovi membri del consiglio potrebbero rimuovere l'attuale sindaco conservatore di Teheran, Mohammad Bagherb Ghalibaf, candidato alla presidenza prima di ritirarsi, e sostituirlo con un riformista. Nel febbraio dello scorso anno, l’ex-presidente riformista Mohammad Khatami (1997-2005) aveva sostenuto nelle elezioni legislative la lista dell’attuale presidente Hassan Rohani, che aveva ottenuto 30 seggi. Qualora i riformisti ottengano altrettanto sostegno per queste municipali, essi potrebbero essere in grado di sollevare Ghalibaf dalla guida del municipio per la prima volta dopo 12 anni di amministrazione, negli ultimi mesi contestata per “corruzione” e “cattiva gestione”. I candidati indipendenti si sono ritirati dalla corsa proprio perché “non si disperdano i voti”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/12/2006 IRAN
    Fa temere brogli il ritardo dei risultati del voto a Teheran
    Dal ministero degli interni non è stato diffuso alcun dato. I candidati riformisti temono la possibilità che ci sia manomissione dei risultati elettorali, che dovrebbero essere negativi per ahmadinejad.

    22/05/2017 12:40:00 IRAN
    Rouhani: economia, Riyadh e Washington, le sfide interne e globali del confermato presidente

    Migliaia di persone in piazza hanno celebrato la vittoria del candidato moderato, confermato per un secondo mandato. Il programma di riforme condizionato ai successi in campo economico e alla lotta alla corruzione. Il voto delle municipali nei grandi centri premia i candidati riformisti e moderati.

     



    20/05/2017 10:41:00 IRAN
    Elezioni in Iran: Hassan Rouhani vince il secondo mandato

    Ha ottenuto il 57% dei voti. Grande partecipazione degli iraniani: ha votato il 70% degli elettori. Sconfitto il conservatore Ebrahim Raisi.



    03/06/2017 09:18:00 IRAN
    Teheran, i dati premiano le riforme di Rouhani: l’economia iraniana segna un +8,3%

    I dati dell’Ufficio centrale di statistica confermano la crescita del Paese dalla rimozione (parziale) delle sanzioni. Il Pil passa da 16,6 miliardi di dollari a 18,04. Decisivo l’aumento delle esportazioni nei prodotti petroliferi. Indici positivi anche per il settore agricolo, industria e manifattura. Attesa per i dati della Banca centrale.



    04/05/2005 KUWAIT
    Kuwait al voto senza le donne

    Il parlamento ha bocciato il testo di legge per il suffragio universale.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®