29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/06/2012, 00.00

    NEPAL

    Esami di fine anno scolastico: boom di suicidi fra gli studenti nepalesi

    Kalpit Parajuli

    Almeno dieci giovani, soprattutto ragazze, si sono tolti la vita negli ultimi tre giorni. Fra le cause l'eccessiva pressione delle famiglie che legano al successo dei figli la propria posizione nella società. Nel 2012 sale del 10% il numero dei bocciati alle prove d'esame. L'eccezione delle scuole cattoliche.

    Kathmandu (AsiaNews)  - Boom di suicidi fra gli studenti nepalesi sotto pressione per gli esami di fine anno scolastico. Negli ultimi tre giorni 10 giovani si sono tolti la vita per non aver superato le prova finale. Pratikchya Sharma, 15 anni, di Nepalgunj  (Mid-Western Region) si è impiccata nella sua camera quando ha saputo di essere stata bocciata. Come lei, un'altra giovane, Sarita Rana, del disteetto di Palpa, si è tolta la vita per non aver superato la prova finale. In una scuola superiore di Shree Ram, uno studente si è ucciso con il veleno quando ha scoperto di aver fallito gli scritti di tre materie. I casi non riguardano però le scuole cattoliche, considerate le migliori del Paese, dove la maggior parte degli studenti è accompagnata dai propri insegnanti durante tutto il periodo degli esami.

    Manprasad Wagle, psicologo, individua fra le cause dei suicidi l'aumento della povertà provocata dalla crisi politica e sociale del Paese. "Le scuole statali - aggiunge - hanno anche loro una parte di responsabilità, la pressioni sui giovani è eccessiva e non vi è nessuno che li aiuti ad affrontare in modo sereno le prove d'esame".   

    L'esperto spiega che nella società indù il successo o l'insuccesso scolastico dei figli è un una discriminante sociale per tutta la famiglia. "Quando uno viene bocciato all'esame - afferma Wagle - viene guardato con disprezzo da amici e familiari e ciò fa perdere ogni speranza ai giovani spingendoli a togliersi la vita". Ciò riguarda soprattutto le donne. Chi riesce ad avere un'istruzione avrà più possibilità di sposare un uomo colto e facoltoso.

    Il School Leaving Certificate (SLC) è certificate di diploma che consente il passaggio all'Università. Per il 2012 si sono presentati  quasi 500mila candidati, di questi circa il 47% non ha superato la prova. Il numero di fallimenti è salito del 10% rispetto al 2011. 

    Le scuole cattoliche rappresentano un'eccezione nel sistema educativo nepalese. Gestite dai gesuiti esse sono considerate le migliori del Paese. Quest'anno il 100% degli studenti ha superato le prove d'esame e non vi sono stati casi di suicidio. Ciò è dovuto al metodo di insegnamento che privilegia l'educazione dello studente e la sua crescita umana e spirituale rispetto al mero nozionismo.

    A tutt'oggi i gesuiti gestiscono  tre istituti superiori e un'università  e 33 fra scuole primarie, secondarie e superiori, amministrate insieme alle comunità cattoliche locali. Oltre agli istituti scolastici i missionari hanno aperto diversi ospedali e cliniche, fra i più importanti vi sono i Child Care Centres di Pokhara e Jawalakhel, il Freedom Centre, istituto per la riabilitazione dei drogati di Nakkhipot  (Lalitpur, Nepal centrale)  e il Human Development Research Centre di Sanepa (Lalitpur).

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2010 NEPAL
    Cristiani del Nepal da emarginati ad attori politici
    Leader cattolici e protestanti chiedono maggiore spazio nelle istituzioni, in risposta allo stallo politico ed economico che da mesi affligge il Paese. Mons. Sharma vescovo di Kathmandu, afferma: “Nessun leader mostra un vero interesse verso la popolazione. È quindi giunto il momento per i cristiani del Nepal di impegnarsi in modo attivo nella politica”.

    29/12/2010 NEPAL
    Il governo del Nepal protegge il Natale per far fronte alla crisi economica
    L’iniziativa ha permesso a cattolici e protestanti di celebrare il Natale senza le minacce degli estremisti indù. Ministro degli esteri: “I tempi sono cambiati. Ogni attività cristiana, che non danneggia il Paese è la benvenuta in Nepal."

    08/04/2011 NEPAL
    Kathmandu, tensioni fra indù e cristiani per la diatriba sui cimiteri
    Le autorità indù contestano il diritto dei cristiani a seppellire i morti nell’area vicino al tempio di Pashupatinath. Leader protestanti al 17mo giorno di sciopero della fame chiedono un nuovo spazio per le sepolture. Vescovo cattolico di Kathmandu:“Quando i vivi non hanno terra a sufficienza non deve esserci alcuna obiezione a cremare i morti".

    26/03/2013 NEPAL
    Giovani cattolici nepalesi pronti alla missione sulla scia di Papa Francesco
    Quasi mille persone partecipano alla messa per la Domenica delle Palme nella cattedrale di Kathmandu. La maggior parte sono giovani. Fra essi anche molti non cristiani. La missione della Chiesa cattolica nel Paese colpito da crisi politica, economica e dei valori.

    25/11/2013 NEPAL
    Anno della Fede: migliaia di cattolici, indù e buddisti alla processione del Cristo Re
    La celebrazione si è tenuta lo scorso 23 novembre per le vie di Kathmandu. Fedeli cristiani, ma anche molti indù e buddisti hanno marciato portando candele, immagini del Papa e di Gesù.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®