26 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/06/2012
NEPAL
Esami di fine anno scolastico: boom di suicidi fra gli studenti nepalesi
di Kalpit Parajuli
Almeno dieci giovani, soprattutto ragazze, si sono tolti la vita negli ultimi tre giorni. Fra le cause l'eccessiva pressione delle famiglie che legano al successo dei figli la propria posizione nella società. Nel 2012 sale del 10% il numero dei bocciati alle prove d'esame. L'eccezione delle scuole cattoliche.

Kathmandu (AsiaNews)  - Boom di suicidi fra gli studenti nepalesi sotto pressione per gli esami di fine anno scolastico. Negli ultimi tre giorni 10 giovani si sono tolti la vita per non aver superato le prova finale. Pratikchya Sharma, 15 anni, di Nepalgunj  (Mid-Western Region) si è impiccata nella sua camera quando ha saputo di essere stata bocciata. Come lei, un'altra giovane, Sarita Rana, del disteetto di Palpa, si è tolta la vita per non aver superato la prova finale. In una scuola superiore di Shree Ram, uno studente si è ucciso con il veleno quando ha scoperto di aver fallito gli scritti di tre materie. I casi non riguardano però le scuole cattoliche, considerate le migliori del Paese, dove la maggior parte degli studenti è accompagnata dai propri insegnanti durante tutto il periodo degli esami.

Manprasad Wagle, psicologo, individua fra le cause dei suicidi l'aumento della povertà provocata dalla crisi politica e sociale del Paese. "Le scuole statali - aggiunge - hanno anche loro una parte di responsabilità, la pressioni sui giovani è eccessiva e non vi è nessuno che li aiuti ad affrontare in modo sereno le prove d'esame".   

L'esperto spiega che nella società indù il successo o l'insuccesso scolastico dei figli è un una discriminante sociale per tutta la famiglia. "Quando uno viene bocciato all'esame - afferma Wagle - viene guardato con disprezzo da amici e familiari e ciò fa perdere ogni speranza ai giovani spingendoli a togliersi la vita". Ciò riguarda soprattutto le donne. Chi riesce ad avere un'istruzione avrà più possibilità di sposare un uomo colto e facoltoso.

Il School Leaving Certificate (SLC) è certificate di diploma che consente il passaggio all'Università. Per il 2012 si sono presentati  quasi 500mila candidati, di questi circa il 47% non ha superato la prova. Il numero di fallimenti è salito del 10% rispetto al 2011. 

Le scuole cattoliche rappresentano un'eccezione nel sistema educativo nepalese. Gestite dai gesuiti esse sono considerate le migliori del Paese. Quest'anno il 100% degli studenti ha superato le prove d'esame e non vi sono stati casi di suicidio. Ciò è dovuto al metodo di insegnamento che privilegia l'educazione dello studente e la sua crescita umana e spirituale rispetto al mero nozionismo.

A tutt'oggi i gesuiti gestiscono  tre istituti superiori e un'università  e 33 fra scuole primarie, secondarie e superiori, amministrate insieme alle comunità cattoliche locali. Oltre agli istituti scolastici i missionari hanno aperto diversi ospedali e cliniche, fra i più importanti vi sono i Child Care Centres di Pokhara e Jawalakhel, il Freedom Centre, istituto per la riabilitazione dei drogati di Nakkhipot  (Lalitpur, Nepal centrale)  e il Human Development Research Centre di Sanepa (Lalitpur).

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/07/2010 NEPAL
Cristiani del Nepal da emarginati ad attori politici
di Kalpit Parajuli
29/12/2010 NEPAL
Il governo del Nepal protegge il Natale per far fronte alla crisi economica
di Kalpit Parajuli
08/04/2011 NEPAL
Kathmandu, tensioni fra indù e cristiani per la diatriba sui cimiteri
di Kalpit Parajuli
26/03/2013 NEPAL
Giovani cattolici nepalesi pronti alla missione sulla scia di Papa Francesco
di Kalpit Parajuli
25/11/2013 NEPAL
Anno della Fede: migliaia di cattolici, indù e buddisti alla processione del Cristo Re
di Kalpit Parajuli

In evidenza
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.
VATICANO
Papa: I cristiani sono perseguitati e il mondo cerca di nasconderloAll'Angelus, Francesco prega per le vittime della strage contro le chiese in Pakistan. Prima della preghiera mariana, sottolinea: "Dio ci ama, ci ama davvero, e ci ama così tanto! Ecco l'espressione più semplice che riassume tutto il Vangelo, tutta la fede, tutta la teologia: Dio ci ama di amore gratuito e sconfinato". Un pensiero per le vittime del tifone che ha colpito Vanuatu: " Prego per i defunti, per i feriti e i senza tetto. Ringrazio quanti si sono subito attivati per portare soccorsi e aiuti". E un fortissimo appello contro la persecuzione dei cristiani: "Il Signore porti la pace. I cristiani sono perseguitati e il mondo cerca di nasconderlo.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate