23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2017, 13.12

    CINA

    Esperti: Lo Stato elimini il controllo sulla popolazione



    L’abolizione della politica del figlio unico ha portato a un aumento delle nascite, ma non eviterà il rapido invecchiamento della popolazione. Nei prossimi cinque anni il numero di nuovi nati oscillerà fra i 17 e i 20 milioni l’anno. Il governo dovrebbe eliminare del tutto il Family Planning.

    Pechino (AsiaNews/Caixin) – Il noto demografo Liang Zhongtang afferma che gli incentivi proposti alle coppie perché esse facciano un secondo figlio – compresi tagli delle tasse e un congedo extra di maternità – non porteranno a un significativo aumento delle nascite in Cina.

    I commenti dell’esperto giungono fra le crescenti preoccupazioni sull’invecchiamento della popolazione e le discussioni del governo per risolvere il problema.

    Gli allettanti incentivi sono stati proposti questa settimana all’Assemblea nazionale del popolo a Pechino, e in coincidenza con il raduno di alcuni maggiori consiglieri governativi, in modo da alleggerire gli oneri finanziari per le coppie che decidono di avere un secondo figlio.

    Ma Liang dubita che gli incentivi basteranno per indurre le coppie ad avere un secondo figlio, poiché le giovani donne cinesi preferiscono averne uno solo – o addirittura nessuno.

    Liang, da molto tempo critico nei confronti della pianificazione familiare cinese, si appella al governo perché esso conceda alle coppie la possibilità di avere più di due figli o in modo più semplice, che lo Stato si distacchi dalla politica di pianificazione familiare. Se i sussidi non funzionano, “perché il governo non può semplicemente stracciare del tutto la politica di pianificazione familiare, visto che è desiderio comune vedere più bambini in Cina?”.

    Liang è professore presso l’Accademia di scienze sociali di Shanghai ed è un ex membro di un organo consultivo per la Commissione sul Family Planning e la Sanità nazionale.

    Nel 2014 dopo decenni, la Cina ha alleggerito il limite di un figlio per coppia e ha permesso alle coppie di avere un secondo figlio nel caso in cui uno dei genitori fosse figlio unico. Prima, entrambi i genitori dovevano essere figli unici per avere il permesso di avere un secondo figlio. L’anno scorso, il governo ha iniziato a permettere a tutte le coppie di avere due figli.

    Secondo la Commissione, il numero delle nascite è cresciuto da 1,31 milioni nel 2015 a 18,76 milioni nel 2016, circa l’8%. Di tutti i bambini nati, circa il 45%, cioè 8 milioni, sono secondi figli.

    La Commissione nazionale per la Sanità prevede che il numero di nuovi nati oscillerà fra i 17 e i 20 milioni l’anno per i prossimi cinque anni.

    Secondo uno studio di Liang Jiangzhang, opinionista demografico e Huang Wenzheng, ricercatore dell’università Johns Hopkins, il numero di bambini che ogni donna – fra 15 e 49 anni – ha durante l’età fertile, aumenterà dall’attuale 1,4 a 1,6 fino a circa 1,8.

    I due demografi sostengono che il livello è ancora al di sotto della media internazionale di 2,1 figli per donna in età fertile, necessario a sostenere la popolazione nazionale, che conta circa 1,4 miliardi di persone.

    Liang Zhongtang afferma che l’aumento del tasso di nascite in Cina è dovuto in gran parte dalla fretta delle donne nel decidere di avere un secondo figlio prima della vecchiaia.

    L’aumento del numero medio di bambini partoriti si stabilizzerà nel prossimo anno e non aiuterà ad evitare l’invecchiamento della popolazione.

    Secondo le statistiche ufficiali, alla fine del 2015 più del 16% della popolazione cinese aveva 60 anni o più, mentre il 10,5% ne aveva più di 65. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2015 CINA
    Pechino, più di 30mila famiglie chiedono di avere un secondo figlio
    Dopo il rilassamento della famigerata legge sul figlio unico, varato nel 2013, la capitale ha visto un'impennata di richieste. I numeri, dicono gli analisti, "sono ancora bassi ma cresceranno". Entro la fine del 2015 la Cina toccherà gli 1,38 miliardi di abitanti.

    11/01/2017 15:17:00 CINA
    Dopo la fine della legge sul figlio unico, la Cina deve migliorare le condizioni degli ospedali

    Il nuovo “piano sanitario quinquennale” comprende cure mediche per l’infanzia, istruzione primaria, aumento del personale e dei posti letto.  



    15/02/2017 09:02:00 CINA
    Costretto alla vasectomia perché padre di tre figli nel primo matrimonio

    Anche dopo il cambiamento della legge sul figlio unico, le campagne di sterilizzazione forzata continuano a colpire i cittadini cinesi.



    23/01/2017 14:48:00 CINA
    La politica dei due figli: oltre 18 milioni di nuovi nati. Ma i problemi restano.

    Nel 2016 ci sono stati l’11,5% di nascite in più rispetto al 2015. Tuttavia i costi di mantenimento dei figli e il basso reddito familiare medio non fermeranno il rapido invecchiamento della popolazione.



    26/08/2010 CINA
    Giovane madre cinese rapita e sterilizzata per far rispettare la legge del figlio unico
    La donna è scomparsa dal 15 luglio ed è stata sottoposta a sterilizzazione forzata. A causa dell’operazione si trova ancora in ospedale. La madre, che ha denunciato la scomparsa è stata arrestata per 10 giorni. I danni della legge sul figlio unico.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®