22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/09/2011, 00.00

    INDONESIA – STATI UNITI

    Estremisti indonesiani attaccano una famiglia americana accusata di proselitismo

    Mathias Hariyadi

    Solo l’intervento della polizia ha evitato conseguenze gravi per i genitori e i due figli piccoli. L’assalto è avvenuto nelle Sulawesi del Sud, dietro ordine di un leader radicale della zona. Da due settimane l’uomo lavorava come insegnante di inglese in una scuola protestante della zona.
    Jakarta (AsiaNews) – Solo l’intervento della polizia ha salvato la vita a una famiglia americana, attaccata da una folla inferocita aizzata da una guida religiosa locale. A scatenare l’ira dei fondamentalisti islamici, l’accusa rivolta al capofamiglia di proselitismo in un’area a maggioranza musulmana. L’ennesimo incidente di natura confessionale – nei giorni scorsi si sono registrati scontri fra cristiani e musulmani nelle Molucche, con morti e feriti – conferma i timori di una deriva estremista in Indonesia, dove è a rischio il valore supremo – garantito dalla Costituzione – di una società pluralista.

    La vicenda risale alla notte del 5 settembre ed è avvenuta nella zona a ovest di Palu, capoluogo provinciale delle Sulawesi del Sud. Una famiglia statunitense di quattro persone – il padre David Ray Graeff, di 41 anni, la moglie Georgia, 41, e i loro due figli Benjamin e Daniel – viveva da due settimane nella zona residenziale di Bukit Kabonena Permai, dove l’uomo insegnava lingua e letteratura inglese alla scuola teologica protestante del villaggio di Uwera, distretto di Sigi.

    Nella notte una folla di estremisti – aizzati dal leader islamico Muhammad Saleh bin Abubakar Alaydrus, del gruppo di preghiera islamico Nurul Khairaat – ha attaccato la famiglia, accusandola di proselitismo in una zona a maggioranza musulmana. La presenza degli americani veniva considerata una “seria minaccia” e durante il raid gli assalitori hanno incendiato beni e proprietà, fra cui un minivan, della famiglia. Solo l’intervento della polizia, già dislocata nell’area per prevenire episodi di violenza, ha evitato conseguenze peggiori. Come conferma Ari Dono Sukmanto, vice-capo della polizia delle Sulawesi del Sud, secondo cui è stato necessario allontanare la famiglia per scongiurare possibili morti o feriti.

    L’assalto nelle Sulawesi del Sud e gli scontri nelle Molucche di questi giorni mettono sempre più in discussione la “buona reputazione” dell’Indonesia, in un’ottica di “società pluralista” e multiconfessionale. È quanto emerge dai commenti agli articoli sui maggiori quotidiani nazionali, a conferma dei timori della società civile per una possibile “islamizzazione” del Paese. Tra l’altro Muhammad Saleh bin Abubakar Alaydrus, leader islamico che ha ordinato l’attacco alla famiglia cristiana americana a Palu, nel dicembre 2001 ha aderito al trattato di pace governativo di Malino che metteva fine alle violenze fra cristiani e musulmani nelle Molucche.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/03/2011 PAKISTAN – STATI UNITI
    Due cristiani uccisi, chiese bruciate: la risposta degli estremisti al rogo del Corano in Florida
    A Hyderabad e Lahore una folla di fondamentalisti islamici ha preso di mira i luoghi di culto cristiani. Profanate diverse copie della Bibbia. Manifestazioni e slogan anti-americani in diverse città del Pakistan. Gli estremisti promettono nuove violenze, se Washington non condannerà a morte il pastore Jones. Vescovo di Islamabad: gesto di un “fanatico”.

    28/05/2013 INDONESIA – STATI UNITI
    Yudhoyono ignora le proteste e vola negli Usa a ricevere il premio pro-diritti umani
    Associazioni umanitarie, minoranze religiose e musulmani moderati contestano l’assegnazione e manifestano in piazza. Contrario anche l’ex presidente di Muhammadiyah. Il presidente indonesiano parla di riconoscimento per “i traguardi” di una nazione e non di “successo di un singolo individuo”.

    29/03/2011 PAKISTAN
    Terza chiesa attaccata: estremisti pakistani in guerra, per il rogo del Corano in Florida
    Ieri pomeriggio un gruppo armato ha assaltato la chiesa cattolica di San Tommaso, nel distretto militare di Wah, a 45 km da Islamabad. I fondamentalisti hanno scagliato pietre e tentato di bruciare l’edificio. Vescovo della capitale: siamo cristiani pakistani, non abbiamo legami con gli Stati Uniti. Giovani cristiani: nessuna speranza nel futuro.

    08/06/2013 INDONESIA
    Nuove polemiche sul Premio pro diritti umani e libertà religiosa al presidente Yudhoyono
    Nel ritirare l’onorificenza, il capo di Stato ricorda i traguardi del suo governo fra cui crescita economia e lotta al terrorismo islamista. Secca la replica del gesuita p. Suseno: alle parole non corrispondono i fatti. E aggiunge: “sono i fondamentalisti a battere lo Stato”, non il contrario.

    20/05/2013 INDONESIA
    Portavoce presidente: Yudhoyono garante di libertà religiosa. Nuove violenze contro ahmadi
    Una moschea nell’East Java nel mirino degli estremisti, che vogliono bloccare la pratica del culto ai musulmani “eretici”. Continua la polemica fra il palazzo presidenziale e i leader delle minoranze. Nel mirino la lettera aperta di un sacerdote e filosofo gesuita; secondo Jakarta fomenta lo scontro e mette in cattiva luce il Paese.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®