12/03/2011, 00.00
ETIOPIA
Invia ad un amico

Etiopia: radicali musulmani bruciano dodici chiese protestanti. Un morto, decine di feriti

I disordini sono esplosi in seguito all’accusa, probabilmente falsa, di dissacrazione del Corano. Le forze di polizia non sono riuscite a impedire la distruzione dei luoghi di culto. Il governo obbligato a mandare l’esercito. Responsabile il gruppo radicale Kwarej, che vuole creare uno stato islamico in quella zona, a maggioranza musulmana.
Addis Abeba (AsiaNews/Agenzie) – Negli ultimi giorni estremisti musulmani avrebbero scatenato attacchi violenti contro cristiani evangelici nella zona di Asendabo, nel cuore del Paese. Dodici chiese protestanti, due case di predicatori evangelici e le abitazioni e le proprietà di cristiani della zona sarebbero state distrutte. I leader cristiani hanno chiesto protezione alle forze di polizia; ma a quanto sembra le aggressioni e gli incendi sono proseguiti anche dopo che agenti della polizia federale sono giunti nella città.

I musulmani avrebbero cominciato i loro attacchi il 2 marzo, dopo aver accusato di cristiani di aver dissacrato il Corano. Una folla di musulmani, gridando “Allahu akbar” (Dio è il più grande) ha attaccato tre chiese evangeliche incendiandole. Quando la polizia federale è giunta, i disordini sono continuati, e gli agenti, sopraffatti dal numero, non sono riusciti a evitare che altri luoghi di culto seguissero la stessa sorte.

Con il passare dei giorni le violenze non sono diminuite. Secondo fonti evangeliche, un cristiano avrebbe perso la vita, parecchi altri sarebbero feriti, e oltre a decine di abitazioni e luoghi preghiera sarebbero state bruciate una scuola, un orfanatrofio e gli uffici di una chiesa. Circa tremila cristiani sarebbero sfollati a causa dell’ondata di violenza.

Un leader cristiano locale ha dichiarato a International Christian Concern che gli attacchi sono stati organizzati dai membri di Kwarej, un gruppo islamico radicale che avrebbe per obiettivo la nascita di uno stato musulmano nel Paese, a maggioranza copta. I responsabili degli attacchi proverrebbero da diverse regioni del Paese, comprese quelle vicine alla Somalia. “E’ molto triste che un gruppo islamico radicale cerchi di destabilizzare la convivenza fra cristiani e musulmani. Chiediamo a tutti i responsabili di aiutarci, che le autorità prevengano il ripetersi di simili attacchi in futuro” ha dichiarato il responsabile di una chiesa locale.

Il governo etiopico avrebbe mandato l’esercito nella zona, perché la polizia non era in grado di gestire la situazione. Sembra che siano stati compiuti parecchi arresti di presunti responsabili musulmani nella regione, una delle poche a zone a maggioranza islamica.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arabia Saudita, arrestati 53 etiopi cristiani: pregavano in una casa privata
20/02/2013
Radicali islamici in Etiopia attaccano i cristiani e li obbligano a convertirsi
05/02/2011
Operai cinesi in Etiopia: Pechino alle prese con la sua politica in Africa
26/04/2007
Etiopi cristiani decapitati, uccisi e filmati dallo Stato islamico
20/04/2015
Papa: il sangue dei “tanti martiri” diventa “seme dell’unità dei cristiani”
29/02/2016 11:57