17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/12/2017, 08.56

    ISRAELE-USA

    Ex-ambasciatori israeliani a Trump: non riconosca Gerusalemme come capitale d’Israele



    La situazione di Gerusalemme deve essere trattata nel processo di risoluzione globale. I leader arabi e non solo mettono in guardia sui pericoli della decisione. Trump annuncerà la decisione quest’oggi. A rischio la pace nella regione.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Ex-ambasciatori, universitari e attivisti, in tutto 25 israeliani hanno scritto a Donald Trump per fermare la sua possibile decisione   di riconoscere in modo unilaterale Gerusalemme come capitale di Israele. L’appello è stato recapitato con una lettera consegnata a Jason Greenblatt, emissario per il Medio oriente del presidente Usa.

    La missiva è firmata dal “The Policy Working Group”, che comprende ex-diplomatici israeliani come Ilan Baruch, Alon Liel e Elie Barnavi. “Siamo profondamente preoccupati dalle recenti notizie secondo le quali il presidente Trump starebbe davvero valutando di riconoscere in modo unilaterale Gerusalemme come capitale di Israele… Lo status di Gerusalemme, la città che ospita i luoghi santi delle tre religioni monoteiste, è al cuore del conflitto israelo-palestinese”, ricorda il gruppo, che sottolinea che tale situazione debba essere trattata all’interno di un processo di risoluzione globale del conflitto.

    “Una dichiarazione del presidente [americano] che riconosca Gerusalemme come capitale d’Israele, del tutto incurante delle aspirazioni palestinesi al riguardo, aggraverebbe lo squilibrio fra le due parti, pregiudicherebbe gravemente le possibilità di pace e potrebbe infiammare tutta la regione”, avvertono i firmatari.

    L’Autorità palestinese, interlocutrice della comunità internazionale e di Israele, rivendica Gerusalemme est come la capitale di un futuro Stato palestinese indipendente. Per i palestinesi, la decisione di trasferire l’ambasciata equiparerebbe a un “bacio della morte” allo soluzione dei due Stati.

    Ieri l’inquilino della Casa Bianca ha informato il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il re di Giordania della sua “intenzione” di procedere al controverso trasferimento contro cui diversi Paesi della regione si sono opposti. Quest’oggi, all’1.00 di Washington, il presidente americano annuncerà in modo formale la propria decisione a dispetto degli ammonimenti giunti da tutto il mondo arabo, ma anche da Francia, Germania, e altri Paesi.

    “Signor Trump, Gerusalemme è una linea rossa per i musulmani”, ha avvertito il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Mahmoud Abbas, da parte sua, ha messo in guardia Trump sulle “pericolose conseguenze di una simile decisione sul processo di pace, sulla sicurezza e la stabilità nella regione e nel mondo”. L’Arabia Saudita ha espresso “profonda inquietudine”, mentre il direttore della Lega araba, Ahmed Abul Gheit, giudica “pericolosa” una possibile risoluzione americana su Gerusalemme.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/05/2017 14:38:00 ISRAELE - PALESTINA - USA
    Mahmoud Abbas: ‘non è un conflitto di religioni. Il problema è l’occupazione’.

    Oggi l’incontro fra Abbas e il presidente Usa Donald Trump. Il presidente dell’Autorità palestinese chiede la fine dell’occupazione e degli insediamenti. Per Trump, il problema è il terrorismo. La Cisgiordania sciopera a sostegno dei prigionieri in digiuno da più di un mese. Bernard Sabella: serve leadership politica, non armi, e capire le cause del terrorismo per sconfiggerlo.



    22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti

    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.



    26/07/2017 12:16:00 PALESTINA - ISRAELE
    Autorità palestinesi religiose e politiche continuano il boicottaggio della Spianata

    Israele ha rimosso i metal detector, ma ha annunciato nuove misure di controllo. Per Mahmoud Abbas si deve tornare a prima del 14 luglio per “tornare alla normalità” e riaprire il dialogo. La Corte suprema israeliana accorda la richiesta di un’Ong per i diritti umani alla restituzione dei corpi degli assalitori del 14 luglio.



    06/12/2017 19:34:00 USA-ISRAELE-PALESTINA
    Donald Trump: ‘è tempo di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale di Israele’

    Il discorso oggi dalla Casa Bianca. Gerusalemme è “il cuore di una democrazie più di successo”. L’appello a “calma” e “moderazione”. Gerusalemme da sempre punto nevralgico del conflitto israelo-palestinese



    09/10/2017 15:57:00 ISRAELE - PALESTINA
    Il 'grido' per la pace delle donne palestinesi ed israeliane

    Hanno partecipato in 30mila alla marcia partita a settembre da Sderot fino a Gerusalemme. Sobhy Makhoul: sono donne ferite nel cuore, la loro voce vera e sincera in un mondo quasi sordo. 





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®