5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/11/2011
PAKISTAN
Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
di Shafique S. Khokhar
Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

Faisalabad (AsiaNews) - I cristiani ringraziano "riconoscenti" la comunità musulmana, perché ha svolto "indagini approfondite" prima di condannare una persona per blasfemia - reato punito con la morte o l'ergastolo in Pakistan - e ha impedito il ripetersi di "scontri su una questione molto delicata". P. Naveed Arif, sacerdote della chiesa del Santo Rosario a Faisalabad, non nasconde ad AsiaNews la propria soddisfazione per l'esito della vicenda, che definisce "un esempio di armonia interconfessionale" con l'islam.

Nelle scorse settimane, infatti, una donna cristiana è stata prosciolta dall'accusa di aver diffamato il nome del profeta Maometto ed è uscita di galera dietro pagamento di una cauzione. "Auspico che la cultura della pace e dell'armonia religiosa - aggiunge il sacerdote - possa prevalere in ogni controversia che si verifica in qualsiasi zona del Pakistan, perché il cristianesimo ci insegna pace e concordia, non intolleranza e violenza".

La vicenda ha per protagonista Agnes Bibi (nella foto), 50 anni, originaria di Abin-e-Mariam Colony, a Faisalabad. Coinvolta in una disputa su di una proprietà contesa - pare fra cristiani e musulmani - la donna per delegittimare una parte ha finito con l'essere accusata di blasfemia. Il 16 febbraio 2011 la viene aperto un fascicolo di inchiesta a suo carico e il 19 febbraio finisce in prigione, al termine di un interrogatorio davanti al magistrato.

Il 5 marzo parte una indagine più approfondita sul caso, che dopo mesi di ricerche e interrogazioni di testimoni si conclude con una modifica dell'ipotesi di reato: da blasfemia a "istigazione all'odio interconfessionale", in base all'articolo 153-A del Codice penale pakistano.

Agnes Bibi racconta ad AsiaNews di aver pregato molto in prigione per il suo rilascio ed è felice della libertà su cauzione concessa dal giudice. Bashir Masih, 52enne marito della donna, spiega di aver chiesto un prestito per pagare la somma stabilita dal giudice e permettere alla moglie di tornare a casa. "Mia moglie è molto malata - aggiunge - e devo racimolare una somma di denaro per pagare le cure".

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/12/2011 PAKISTAN
Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
di Shafique Khokhar
04/11/2011 PAKISTAN
Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
di Jibran Khan
31/01/2011 PAKISTAN
Lahore: 40mila in piazza per difendere la legge sulla blasfemia. Slogan contro il papa
di Jibran Khan
29/01/2011 PAKISTAN
Karachi, donne in piazza a sostegno della legge sulla blasfemia
di Jibran Khan
05/05/2011 PAKISTAN
Paul Bhatti: contro l’estremismo in Pakistan, “interventi chirurgici” nel lungo periodo

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate