29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/11/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani

    Shafique S. Khokhar

    Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.
    Faisalabad (AsiaNews) - I cristiani ringraziano "riconoscenti" la comunità musulmana, perché ha svolto "indagini approfondite" prima di condannare una persona per blasfemia - reato punito con la morte o l'ergastolo in Pakistan - e ha impedito il ripetersi di "scontri su una questione molto delicata". P. Naveed Arif, sacerdote della chiesa del Santo Rosario a Faisalabad, non nasconde ad AsiaNews la propria soddisfazione per l'esito della vicenda, che definisce "un esempio di armonia interconfessionale" con l'islam.

    Nelle scorse settimane, infatti, una donna cristiana è stata prosciolta dall'accusa di aver diffamato il nome del profeta Maometto ed è uscita di galera dietro pagamento di una cauzione. "Auspico che la cultura della pace e dell'armonia religiosa - aggiunge il sacerdote - possa prevalere in ogni controversia che si verifica in qualsiasi zona del Pakistan, perché il cristianesimo ci insegna pace e concordia, non intolleranza e violenza".

    La vicenda ha per protagonista Agnes Bibi (nella foto), 50 anni, originaria di Abin-e-Mariam Colony, a Faisalabad. Coinvolta in una disputa su di una proprietà contesa - pare fra cristiani e musulmani - la donna per delegittimare una parte ha finito con l'essere accusata di blasfemia. Il 16 febbraio 2011 la viene aperto un fascicolo di inchiesta a suo carico e il 19 febbraio finisce in prigione, al termine di un interrogatorio davanti al magistrato.

    Il 5 marzo parte una indagine più approfondita sul caso, che dopo mesi di ricerche e interrogazioni di testimoni si conclude con una modifica dell'ipotesi di reato: da blasfemia a "istigazione all'odio interconfessionale", in base all'articolo 153-A del Codice penale pakistano.

    Agnes Bibi racconta ad AsiaNews di aver pregato molto in prigione per il suo rilascio ed è felice della libertà su cauzione concessa dal giudice. Bashir Masih, 52enne marito della donna, spiega di aver chiesto un prestito per pagare la somma stabilita dal giudice e permettere alla moglie di tornare a casa. "Mia moglie è molto malata - aggiunge - e devo racimolare una somma di denaro per pagare le cure".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/12/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.

    04/11/2011 PAKISTAN
    Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
    Cornelius Mohsin, imprenditore con la passione della politica, vive da anni negli Usa. Amico e collaboratore di Shahbaz Bhatti, potrebbe tornare nel Paese di origine e contribuire alla nascita di un movimento politico che promuova i diritti delle minoranze e una migliore scolarizzazione. Il progetto è accolto con favore dal vescovo di Islamabad, che assicura il sostegno dei cattolici.

    31/01/2011 PAKISTAN
    Lahore: 40mila in piazza per difendere la legge sulla blasfemia. Slogan contro il papa
    Critiche a Benedetto XVI per essersi “unito alla propaganda Occidentale” contro lo Stato islamico. I manifestanti pronti a sacrificare la vita in nome di Maometto. Il nuovo governatore del Punjab invitato a solidarizzare con l’assassino di Salman Taseer. Doppio attentato nel nord-ovest: 5 morti e 19 feriti.

    29/01/2011 PAKISTAN
    Karachi, donne in piazza a sostegno della legge sulla blasfemia
    L’ala femminile della Jamaat-e-Islami (JI) ha sfilato per le vie della città, lanciando slogan contro quanti vogliono modificare la “legge nera”. I leader fondamentalisti chiedono l’espulsione dei rappresentanti vaticani per “l’ingerenza” di Benedetto XVI. Il 30 gennaio cristiani in preghiera per Asia Bibi e la pace nel Paese.

    05/05/2011 PAKISTAN
    Paul Bhatti: contro l’estremismo in Pakistan, “interventi chirurgici” nel lungo periodo
    Il consigliere speciale racconta ad AsiaNews le prime settimane di lavoro, nel dicastero del fratello assassinato. “Incontri interreligiosi ed educazione” per promuovere l’idea di convivenza interconfessionale. Il governo nomina un musulmano ministro per le Minoranze religiose. Che dichiara: legami “solidi” con le minoranze, lavorerò per la “sicurezza” di tutti.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®