07/01/2012, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Figlie di Nostra Signora delle Missioni, 150 anni tra le donne del Bangladesh

di Sumon Francis Gomes
La congregazione fondata da suor Euphrasie Barbier ha orfanotrofi, scuole, ostelli femminili e sanatori in sette distretti del Paese. Arcivescovo di Dhaka: “Donne istruite sono un beneficio per l’intera società”.
Dhaka (AsiaNews) – Le Figlie di Nostra Signora delle Missioni (Rndm) hanno celebrato i loro 150 anni in Bangladesh. Alla messa giubilare hanno partecipato circa 500 cattolici locali, oltre a quattro vescovi e numerosi sacerdoti e religiose di altri istituti. Il tema dell’evento era “Fare tesoro del passato; dare forma al nostro futuro”. Durante la celebrazione, i partecipanti hanno rivolto un ricordo particolare a suor Euphrasie Barbier, fondatrice della congregazione dedita, in particolar modo, all’apostolato dell’educazione tra le donne bengalesi.

“Le sorelle – ha detto mons. Patrick D’Rozario, arcivescovo di Dhaka – hanno servito il Paese per oltre 128 anni con altruismo e profondo spirito di sacrificio, dedicandosi ai più bisognosi e all’educazione delle giovani ragazze e delle donne. Questa congregazione è nata con la convinzione che le donne possono essere istruite, a grande beneficio di tutta la società”.

Invitato alla celebrazione come ospite speciale, Promod Mankhin, ministro per gli Affari culturali e unico cristiano (cattolico) al governo, ha detto in bengalese “Manush Manusher Janna”, che significa “l’essere umano è per l’essere umano”. “Questo – ha spiegato – è lo stile di vita seguito dalle sorelle Rndm per noi. Negli anni, la congregazione ha fatto e continua a fare quello che il governo avrebbe dovuto fare moltissimi anni fa”.

Il 25 marzo 1883 suor Euphrasie Barbier è arrivata a Chittagong, in Bangladesh, insieme a cinque consorelle. Da quella città, si sono spostate in sette distretti, creando scuole, sanatori, orfanotrofi e ostelli per ragazze. Le Figlie di Nostra Signora delle Missioni hanno dedicato la loro pastorale ai poveri, i giovani e le bambine. Inoltre, le religiose lavorano per lo sviluppo socio-economico, prestando attenzione ai bisogni di rifugiati, lavoratori migranti e malati di Hiv/Aids.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dhaka, un ambulatorio delle "suore blu" per i poveri di qualsiasi religione
06/12/2010
Khulna, suore del Pime festeggiano il Natale con i lebbrosi (Foto)
29/12/2017 13:43
Chiesa in India oltre i pregiudizi per sconfiggere la lebbra
29/01/2005
Tejgaon, suore di Madre Teresa: la compassione di Dio a disabili e poveri di strada
02/12/2017 09:15
Mirpur, 25 anni della parrocchia di Maria Regina degli Apostoli (Foto e Video)
11/05/2018 13:36