20/07/2016, 11.12
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Finito il Ramadan, il boia saudita torna a colpire: quasi 100 condanne a morte nel 2016

Le autorità hanno giustiziato due persone, portando a quota 98 il totale per quest’anno. Eseguita la sentenza a carico di un saudita condannato per omicidio e di un immigrato pakistano per traffico di droga. Attivisti internazionali: nel 2016 più esecuzioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità saudite hanno giustiziato ieri due condannati a morte, arrivando a sfiorare quota cento (98 il totale) per numero di pene capitali eseguite nel 2016 nel regno ultra-conservatore. Attivisti e associazioni pro diritti umani ricordano che lo scorso anno in Arabia Saudita sono state eseguite 158 condanne; Riyadh è il terzo Paese al mondo per numero di esecuzioni, dopo Iran e Pakistan. Mancano le cifre ufficiali relativa alla Cina, la nazione in cui il boia colpisce con maggiore frequenza con migliaia di giustiziati ogni anno. 

Una delle due condanne eseguite ieri è avvenuta nella regione sud-occidentale di Asir. Ali Assiri, cittadino saudita, è stato giustiziato per aver accoltellato a morte un membro della propria tribù. 

La seconda riguarda un immigrato pakistano, Mohammed Mokhtar, condannato a morte per traffico di eroina. Egli è stato ucciso nella città orientale di Dammam. 

Per tutto il Ramadan, tempo di digiuno e preghiera musulmano, non si sono registrate esecuzioni; tuttavia, il boia è tornato a colpire per ben tre volte dalla fine del mese sacro per l’islam. 

Attivisti e ong pro diritti umani sottolineano che nel 2016 il numero di esecuzioni risulta “di gran lunga maggiore” rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ai primi di gennaio Riyadh ha giustiziato 47 persone accusate di “terrorismo”; fra questi vi era pure il dignitario sciita Sheikh Nimr al-Nimr, figura importante di contestazione contro il regime saudita. L’uccisione ha originato uno scontro - non solo diplomatico - fra sauditi (sunniti) e Iran (sciita), che ha infiammato ancor più il già complicato quadro mediorientale.

La maggior parte delle condanne a morte nel Paese arabo vengono eseguite tramite decapitazione .

Da anni le principali associazioni per i diritti umani e molti governi occidentali si battono per imporre al regno saudita (sunnita wahabita) processi più equi ed esecuzioni meno crudeli. L’Arabia Saudita – in cui vige una stretta osservanza della sharia, la legge islamica - è l'unico Paese al mondo dove la condanna a morte può essere eseguita con la decapitazione in pubblica piazza.

La pena capitale nel regno è prevista per i colpevoli di omicidio, rapina a mano armata, stupro e traffico di droga, ma anche per stregoneria e sodomia. Non meno crudeli sono le condanne per crimini minori, come il furto e il reato di opinione, che oltre al carcere, prevedono il taglio della mano o del piede e la fustigazione in piazza.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Centesima condanna a morte nel 2017 in Arabia Saudita
03/10/2017 08:54
Non si ferma il boia saudita: migrante indonesiano decapitato per (presunto) omicidio
21/03/2018 09:00
Arabia Saudita, decapitata un'altra indonesiana. "Shock e dolore" a Jakarta
17/04/2015
Arabia Saudita, giustiziata "a sorpresa" una migrante indonesiana. Proteste di Jakarta
15/04/2015
Premi Nobel scrivono al re saudita: Fermi l’esecuzione di 14 attivisti sciiti
14/08/2017 10:36