15/06/2004, 00.00
india
Invia ad un amico

Fondi per i poveri usati per persecuzioni anticristiane

Gruppo estremista indù vuole conquistare 100 mila villaggi

New Delhi (AsiaNews) – Donazioni straniere a favore di orfani e vedove vengono utilizzate dai militanti del Vishwa Hindu Parishad (VHP) per distribuire armi e materiale propagandistico contro cristiani e musulmani. Il gruppo estremista indù vuole triplicare la sua influenza nell'ambiente tribale indiano nei prossimi 2 anni. Il VHP è l'ala religiosa del Bharatiya Janata Party (BJP), l'ex partito al potere in India, che controlla ancora gli stati centrali dell'India, Gujurat, Rajasthan, Madhya Pradesh, Chhatisgarh e Jharkhand e nei quali governerà per i prossimi 4 anni (eccetto il Jharkhand). Il VHP agisce in stretto contatto con il Vanvasi Kalyan Ashram, noto per incitare i tribali contro cristiani e musulmani e per aver attaccato istituzioni e personale cristiani.

Secondo John Dayal, segretario generale dell'All India Christian Council, una larga parte dei fondi del VHP provengono da indiani espatriati in Gran Bretagna, negli Stati Uniti e in altri paesi, come pure da funzionari, governi e organizzazioni ecclesiastiche che credono di inviare denaro per aiutare vedove e orfani.

In realtà, secondo gruppi per i diritti umani e le minoranze, i fondi vengono destinati per finanziare le campagne di odio contro le minoranze religiose e per diffondere materiale estremista indù. Nel peggiore dei casi, il denaro va a finanziare la distribuzione di particolari lance a più punte, simboli della divinità indù Shiva. Questi fondi sono anche utilizzati per il cosiddetto movimento Ghar Wapsi, "Ritorno a casa", promosso dall'ex ministro degli esteri del BJP, Ju Deo. Il Ghar Wapsi compie azioni coercitive e violente di riconversione all'induismo dei tribali cristiani.

Shyam Gupta, segretario centrale aggiunto del VHP, responsabile dei progetti per la zona dei tribali, ha affermato che l'obiettivo è incrementare la presenza del VHP dai 10 mila attuali a 30 mila villaggi entro il 2006, e di arrivare a 100 mila (un quarto dei villaggi indiani) nel 2001. Il VHP aveva ideato un programma nazionale di espansione, ma la sconfitta elettorale del BJP ne ha cambiato la strategia: ora il VHP punta sugli stati dove il BJP è ancora al potere.

Il principale progetto del VHP è istituire scuole nei villaggi, che operano senza la certificazione o la supervisione del governo. Queste scuole diventano strumento di indottrinamento sistematico dei bambini grazie alla propaganda di odio contro i non indù.

Nonostante ripetute richieste di attivisti dei diritti umani, il governo del BJP si rifiuta di fornire qualsiasi dato sui fondi ricevuti dal VHP. (JC)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Appello dei cristiani indiani al primo ministro Singh: proteggeteci
15/12/2008
Per la prima volta due membri delle minoranze religiose tra i leader della regione tribale pakistana
16/07/2016 08:33
Mumbai, tifosi italiani sfidano gli estremisti e festeggiano la Coppa del Mondo
10/07/2006
Rimandato l'inizio del processo sul Gujarat
11/06/2004
Arcivescovo di Trichur: "Vogliamo la verità sull'assassinio di p. Job"
10/09/2004