26 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/10/2005
CINA - Vaticano
Funerali del vescovo sotterraneo accettati dal governo cinese

Alla cerimonia concelebrano sacerdoti della Chiesa ufficiale e non ufficiale. Il vescovo, che ha trascorso 24 anni in prigione, aveva fama di santità.



Hanyang (AsiaNews) – Ai funerali del vescovo sotterraneo di Hanyang, morto ieri, parteciperanno sacerdoti della chiesa ufficiale e non ufficiale. Il governo provinciale ha perfino accettato che la cerimonia solenne avvenga in pubblico.

Le esequie di Mons. Pietro Zhang Bairen vescovo non ufficiale di Hanyang (Hubei), saranno celebrati sabato 15 ottobre alle ore 9 (ora locale) a Zhangjiatai, vicino al luogo dove è nato. Da un punto di vista formale, i funerali di un vescovo sotterraneo dovrebbero essere proibiti come un raduno illegale. Ma fonti cattoliche locali hanno confermato ad AsiaNews che membri del governo regionale hanno accettato che la cerimonia venga eseguita in pubblico.

Mons. Zhang non era riconosciuto come vescovo dall'Amministrazione statale degli affari religiosi. Proprio oggi, comunque, responsabili dell'Ufficio in Hubei sono andati in visita a Zhangjiatai e hanno parlato con p Chen, il sacerdote che presiederà i funerali, accettando la celebrazione. "Fate quello che dovete fare – hanno detto – ma garantite calma e tranquillità in questi giorni e al funerale".

Mons. Zhang, 91 anni, è morto ieri alle 18.05 ora di Pechino, per una grave malattia cardiaca ormai incurabile, data la sua tarda età. Da più di un anno il vescovo era costretto a letto.

Il vescovo sarà seppellito nella campagna di Zhangjiatai, nel distretto di Xiantao. Alla messa funebre parteciperanno sacerdoti della chiesa non ufficiale e della chiesa ufficiale, ma non sarà presente il vescovo di Wuhan, mons. Dong Guangqing.

La città di Wuhan (Hubei) era suddivisa in 3 diocesi: Hankou, Wuchang, Hanyang. Negli anni '80 il governo cinese ha ristrutturato la suddivisione delle diocesi per farle coincidere con le strutture provinciali e i distretti governativi. Per questo le 3 diocesi sono state fuse nell'unica diocesi di Wuhan. Il vescovo Zhang e i suoi 4  sacerdoti hanno però continuato a servire i fedeli fino ad oggi.

Mons. Zhang era stato consacrato vescovo da mons. Liu Hede, vescovo non ufficiale della diocesi di Hankou nel 1986.

Alcuni suoi fedeli lo ricordano come una persona dolce e paziente, ma tenace negli elementi della fede. A causa della sua obbedienza al papa, dal 1955 ha passato 24 anni in prigione o ai lavori forzati. Dopo la sua consacrazione, egli ha subito controlli e fermi da parte della polizia. Non si è mai difeso, né fuggito, ma è rimasto sempre fedele al suo rapporto con il pontefice. Dal 2000 si era ammalato gravemente e il governo aveva allentato il controllo. I fedeli attribuiscono alla sua santità e alla preghiera alcune guarigioni di ammalati che il vescovo aveva visitato. Per questo la sua fama si era diffusa in tutte le campagne dell'Hubei.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/06/2006 Cina
Niente funerali solenni per mons. Guo Wenzhi, vescovo sotterraneo di Qiqihar
05/01/2006 Cina - Vaticano
Scomparso mons. Han Dingxian, vescovo sotterraneo dell'Hebei
11/08/2005 cina - gmg
GMG: la prima volta della Chiesa sotterranea cinese
di Gao Qingnian
05/09/2005 Cina
Arrestato sacerdote della Chiesa sotterranea
31/01/2005 CINA - VATICANO
Confermata la morte di mons. Gao, vescovo sotterraneo di Yantai

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate