30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/02/2012, 00.00

    CINA

    Gamberetti alla "colla", nuovo scandalo alimentare in Cina



    La scoperta nel mercato ittico di Tianjin, dopo la denuncia dei consumatori. Ai crostacei veniva iniettato il liquido per aumentarne il peso e la consistenza "fino al 30%". Non vi sono conferme ufficiali sulla tossicità, ma il procedimento di innesto presenta dei rischi. Un nuovo allarme dopo il latte alla melamina, il formaggio cancerogeno e il dentifricio antigelo.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - L'agenzia per la sicurezza alimentare di Tianjin, municipalità nel nord della Cina, ha aperto un'inchiesta ai danni di un mercato ittico della zona, per una possibile contaminazione del pesce. In particolare, le indagini sono scattate dopo una segnalazione diffusa su internet e si concentrano sulle partite di gamberetti "iniettate con un agente chimico simile a una colla gelatinosa" volto ad aumentarne il peso e la consistenza. Fonti locali raccontano che, nei giorni scorsi, una donna di nome Zhang ha acquistato circa 2,5 kg di gamberi all'apparenza grandi e freschi: dopo averli lavati, i crostacei hanno perso consistenza e perso un liquido "anomalo" dall'interno.  

    Anche se non vi sono al momento conferme ufficiali, secondo gli esperti si tratterebbe di gelatina utilizzata per far sembrare i gamberetti (nella foto) più freschi e pesanti "almeno del 30%". I rivenditori affermano che è un additivo alimentare "legale" e non costituisce una minaccia per la salute. Tuttavia, per disinnescare polemiche e proteste la Camera di commercio di Tianjin ha promosso una "10 giorni di campagna" per analizzare le criticità alimentari e valutare la qualità dei prodotti ittici del mercato locale.

    Un venditore di pesce, dietro anonimato, ha confermato all'agenzia ufficiale cinese Xinhua che la gelatina "veniva iniettata nella testa e nella pancia" dei gamberetti, per farne risaltare le qualità alla vista. I produttori sembrano minimizzare i rischi e gettano acqua sul fuoco; tuttavia, ad oggi nessuna autorità garante ha certificato che questo particolare tipo di gelatina sia immune da rischi per l'uomo, in particolare durante la procedura di "innesto" nell'alimento. Già nel 2011 il governo locale ha ordinato la chiusura di un'azienda che iniettava gelatina nei crostacei per aumentarne il peso, sequestrando 170 kg di prodotto.

    Il Paese del Dragone non è nuovo a scandali alimentari, che si ripetono a dispetto dei proclami governativi che parlano di controlli e sicurezza: lo scorso anno l'industria casearia cinese Mengniu ha ammesso la presenza di un livello mortale di aflatossina, una delle sostanze più cancerogene esistenti al mondo; nel 2008 sono morti sei bambini e altri 300mila si sono ammalati per aver consumato latte alla melamina; e ancora, dentifrici all'antigelo, soia cancerogena, uova bollite che rimbalzano e molti altri prodotti tossici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2008 CINA
    Cina, latte avvelenato: pena di morte per chi viola le leggi
    Lo prevede la nuova normativa che regola la produzione nel settore caseario. Essa riguarderà l’intera filiera, dal singolo allevatore al rivenditore finale. Mentre il governo annuncia pene esemplari e nuovi fondi alla ricerca, per i genitori è quasi impossibile ottenere giustizia.

    29/10/2008 CINA
    Melamina nelle uova di altre due ditte cinesi
    Si teme che carni e uova di pollame cinese siano tutte intrise della sostanza, molto usata nei mangimi animali. Il presidente di una delle ditte in questione è un alto funzionario. In Asia si continuano a trovare prodotti contaminati.

    06/08/2013 NUOVA ZELANDA – CINA
    Latte contaminato, la Fonterra apre agli ispettori del governo
    Il colosso caseario “farà di tutto” per trovare i prodotti che contengono il batterio del botulismo. Ma nonostante tutto, la popolazione cinese continua a preferire il latte straniero: “Almeno loro ammettono l’errore, da noi chi parla degli scandali alimentari finisce in galera”.

    02/02/2010 CINA
    Nuovo allarme melamina, Pechino lancia una campagna di emergenza nazionale
    Le autorità hanno avviato una ricerca a tappeto per tracciare prodotti caseari e latte contaminato. Alcune aziende di cinque province avrebbero conservato le scorte nei magazzini, per poi rimetterle sul mercato. Al momento non risultano vittime o nuovi casi di intossicazione.

    08/01/2015 CINA
    Cina, il governo ammette: "La situazione della sicurezza alimentare è terribile"
    La Food and Drug Administration: "Servono controlli più severi se vogliamo migliorare la qualità e la sicurezza di generi alimentari e di farmaci". Necessarie maggiori ispezioni, test casuali e visite "non annunciate".



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®