25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/04/2011
INDIA
Giovanni Paolo II amava l’India in maniera speciale
di Nirmala Carvalho
Papa Wojtyla ha promulgato “Ecclesia in Asia”, un documento basilare per l’inculturazione della fede cristiana nel grande continente. Padre Mascarenhas: “Voleva una reale inculturazione della fede, un’evangelizzazione genuina e un dialogo interreligioso genuino e pieno di significato”.

New Delhi (AsiaNews) – Nel novembre del 1999 Giovanni Paolo II ha visitato New Delhi; e la sua visita di quattro giorni ha provocato grande interesse fra le persone di ogni religione. Durante la visita, oltre all’accoglienza tributata nel Palazzo presidenziale, che la Chiesa india ha definito cordiale, Giovanni Paolo II ha deposto una corona sul luogo della cremazione del Mahatma Gandhi, a Rajghat. Nel libro degli ospiti ha scritto e firmato alcune parole, una citazione di Gandhi: “Una civiltà non può sopravvivere se tenta di essere esclusiva”.

L’impegno del Papa è cominciato con un incontro con i vescovi del Sinodo per l’Asia e la promulgazione del documento sinodale, “Ecclesia in Asia” (Chiesa in Asia) nella cattedrale del Sacro Cuore a New Delhi nella sera del 6 novembre 1999.

Il Sinodo per l’Asia si è riunito in Vaticano dal 19 aprile al 14 maggio 1998. Si è concluso il 6 novembre del 1999, quando a New Delhi il Papa ha firmato, e promulgato un esortazione apostolica, che includeva le raccomandazioni del Sinodo dei vescovi. Al Sinodo hanno partecipato 250 leader delle Chiese. La delegazione indiana, la più ampia numericamente, comprendeva 24 membri. La seconda era quella filippina, con 20 membri. Erano stati invitati anche tre prelati dalla Cina (un cardinale, un vescovo, un vescovo coadiutore); ma non sono riusciti a essere presenti.

Il documento di 140 pagine del Papa: “Esortazione post-sinodale”, analizza il panorama sociale, politico, culturale, di sviluppo e morale al cambio di millennio e segna il percorso per la Chiesa. Chiede alla Chiesa di proclamare la Buona Novella “con affettuoso rispetto e stima”. Questo è interpretato maliziosamente dai critici della Chiesa come un appello alla conversione al cristianesimo.

La messa di quattro ore tenuta allo stadio Jawaharlal Nehru il 7 novembre segna la conclusione dell’assemblea speciale del Sinodo, ed è stata considerevolmente indianizzata. L’altare speciale, modellato a forma di mani in preghiera, era affiancato da un ritratto di Madre Teresa, dipinto da un giovane artista, Adarsh Alphons, sulla sinistra; a destra c’era il Vangelo. Un’enorme lampada indiana di rame troneggiava davanti, mentre delle lampade di terracotta decoravano la piattaforma. Un gruppo di tribali, uomini e donne, da Ranchi danzavano al suono di musica tradizionale, e guidavano la processione di preti e vescovi. I vescovi dei riti orientali davano un colore particolare, con le loro vesti liturgiche. Più di 300 vescovi e 1000 sacerdoti concelebravano con il Papa. Giovanni Paolo II ha detto che sperava in una grande messe di fede cristiana in Asia, e ha lanciato un messaggio di amore e speranza per il continente. Inoltre ha detto che era giusto che l’esortazione fosse firmata e promulgata in India, terra di molte delle civiltà dell’Asia.

P. Theodore Mascarenhas, sfx, responsabile per Asia, Africa e Oceania al Pontificio consiglio per la cultura, ha detto ad AsiaNews che Giovanni Paolo “era un grande amico dell’India, fondamentalmente perché capiva e amava la cultura indiana. Era un uomo carismatico, di grande cuore e apertura culturale”. P. Mascarenhas ricorda in particolare l’elogio fatto dal Papa nell’enciclica “Fide set Ratio” alle terre asiatiche “così ricche in tradizioni religiose e filosofiche di grande antichità”.

Secondo p. Mascarenhas, Giovanni Paolo II apprezzava particolarmente la cultura indiana. “Il grande Papa, mettendo piede il 1mo febbraio 1986 in India disse che lo scopo della sua visita era di ‘giungere a una comprensione più profonda delle ricche culture della vostra terra’. Giovanni Paolo II amava l’India in un modo speciale e personalmente penso che ciò accadesse perché era affascinato dalle sue culture, ammirava i suoi valori spirituali e morali e credeva che quella grande nazione avesse molto da offrire all’umanità”.

Giovanni Paolo II ha nominato un cardinale indiano, Simon Lordusamy, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali; la prima volta per un indiano. “Il Papa aveva grande interesse per l’India e le sue culture. Ma soprattutto voleva una reale inculturazione della fede, un’evangelizzazione genuina e un dialogo interreligioso genuino e pieno di significato”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/04/2011 INDIA
Una “Jesus Fest” di cinquemila giovani indiani per la beatificazione di Karol Wojtyla
di Nirmala Carvalho
01/04/2009 INDIA - VATICANO
Dalla clausura in India: “Papa Wojtyla Santo Subito!”
di Sr Mary Joseph Krishnan
25/01/2007 VATICANO-VIETNAM
Santa Sede e Hanoi: storia di un rapporto sofferto
di Franco Pisano
13/05/2014 THAILANDIA-VATICANO
Vescovi thai offrono al re le reliquie dei due Papi santi
di Claudio Corti
26/04/2011 INDIA – VATICANO
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
VATICANO
L’amore per gli altri, l’eredità di Giovanni Paolo II ai giovani
VATICANO – ASIA
Da Vietnam, Corea, Palestina e Israele per salutare il nuovo beato Giovanni Paolo II
THAILANDIA
Chiesa di Thailandia, vivo il ricordo di Papa Woytila
CAMBOGIA
Vicario Apostolico a Phnom Penh: papa Wojtyla, immagine dell’uomo libero
INDIA
L’India ha molto da imparare da Giovanni Paolo II
ISRAELE – VATICANO
Giovanni Paolo II, acclamato “Rabbino capo”dagli ebrei di Israele
LIBANO
Giovanni Paolo II “salvatore” dell’unità del Libano
INDIA – VATICANO
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate