26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/04/2011
INDIA
Giovanni Paolo II amava l’India in maniera speciale
di Nirmala Carvalho
Papa Wojtyla ha promulgato “Ecclesia in Asia”, un documento basilare per l’inculturazione della fede cristiana nel grande continente. Padre Mascarenhas: “Voleva una reale inculturazione della fede, un’evangelizzazione genuina e un dialogo interreligioso genuino e pieno di significato”.

New Delhi (AsiaNews) – Nel novembre del 1999 Giovanni Paolo II ha visitato New Delhi; e la sua visita di quattro giorni ha provocato grande interesse fra le persone di ogni religione. Durante la visita, oltre all’accoglienza tributata nel Palazzo presidenziale, che la Chiesa india ha definito cordiale, Giovanni Paolo II ha deposto una corona sul luogo della cremazione del Mahatma Gandhi, a Rajghat. Nel libro degli ospiti ha scritto e firmato alcune parole, una citazione di Gandhi: “Una civiltà non può sopravvivere se tenta di essere esclusiva”.

L’impegno del Papa è cominciato con un incontro con i vescovi del Sinodo per l’Asia e la promulgazione del documento sinodale, “Ecclesia in Asia” (Chiesa in Asia) nella cattedrale del Sacro Cuore a New Delhi nella sera del 6 novembre 1999.

Il Sinodo per l’Asia si è riunito in Vaticano dal 19 aprile al 14 maggio 1998. Si è concluso il 6 novembre del 1999, quando a New Delhi il Papa ha firmato, e promulgato un esortazione apostolica, che includeva le raccomandazioni del Sinodo dei vescovi. Al Sinodo hanno partecipato 250 leader delle Chiese. La delegazione indiana, la più ampia numericamente, comprendeva 24 membri. La seconda era quella filippina, con 20 membri. Erano stati invitati anche tre prelati dalla Cina (un cardinale, un vescovo, un vescovo coadiutore); ma non sono riusciti a essere presenti.

Il documento di 140 pagine del Papa: “Esortazione post-sinodale”, analizza il panorama sociale, politico, culturale, di sviluppo e morale al cambio di millennio e segna il percorso per la Chiesa. Chiede alla Chiesa di proclamare la Buona Novella “con affettuoso rispetto e stima”. Questo è interpretato maliziosamente dai critici della Chiesa come un appello alla conversione al cristianesimo.

La messa di quattro ore tenuta allo stadio Jawaharlal Nehru il 7 novembre segna la conclusione dell’assemblea speciale del Sinodo, ed è stata considerevolmente indianizzata. L’altare speciale, modellato a forma di mani in preghiera, era affiancato da un ritratto di Madre Teresa, dipinto da un giovane artista, Adarsh Alphons, sulla sinistra; a destra c’era il Vangelo. Un’enorme lampada indiana di rame troneggiava davanti, mentre delle lampade di terracotta decoravano la piattaforma. Un gruppo di tribali, uomini e donne, da Ranchi danzavano al suono di musica tradizionale, e guidavano la processione di preti e vescovi. I vescovi dei riti orientali davano un colore particolare, con le loro vesti liturgiche. Più di 300 vescovi e 1000 sacerdoti concelebravano con il Papa. Giovanni Paolo II ha detto che sperava in una grande messe di fede cristiana in Asia, e ha lanciato un messaggio di amore e speranza per il continente. Inoltre ha detto che era giusto che l’esortazione fosse firmata e promulgata in India, terra di molte delle civiltà dell’Asia.

P. Theodore Mascarenhas, sfx, responsabile per Asia, Africa e Oceania al Pontificio consiglio per la cultura, ha detto ad AsiaNews che Giovanni Paolo “era un grande amico dell’India, fondamentalmente perché capiva e amava la cultura indiana. Era un uomo carismatico, di grande cuore e apertura culturale”. P. Mascarenhas ricorda in particolare l’elogio fatto dal Papa nell’enciclica “Fide set Ratio” alle terre asiatiche “così ricche in tradizioni religiose e filosofiche di grande antichità”.

Secondo p. Mascarenhas, Giovanni Paolo II apprezzava particolarmente la cultura indiana. “Il grande Papa, mettendo piede il 1mo febbraio 1986 in India disse che lo scopo della sua visita era di ‘giungere a una comprensione più profonda delle ricche culture della vostra terra’. Giovanni Paolo II amava l’India in un modo speciale e personalmente penso che ciò accadesse perché era affascinato dalle sue culture, ammirava i suoi valori spirituali e morali e credeva che quella grande nazione avesse molto da offrire all’umanità”.

Giovanni Paolo II ha nominato un cardinale indiano, Simon Lordusamy, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali; la prima volta per un indiano. “Il Papa aveva grande interesse per l’India e le sue culture. Ma soprattutto voleva una reale inculturazione della fede, un’evangelizzazione genuina e un dialogo interreligioso genuino e pieno di significato”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/04/2011 INDIA
Una “Jesus Fest” di cinquemila giovani indiani per la beatificazione di Karol Wojtyla
di Nirmala Carvalho
01/04/2009 INDIA - VATICANO
Dalla clausura in India: “Papa Wojtyla Santo Subito!”
di Sr Mary Joseph Krishnan
25/01/2007 VATICANO-VIETNAM
Santa Sede e Hanoi: storia di un rapporto sofferto
di Franco Pisano
13/05/2014 THAILANDIA-VATICANO
Vescovi thai offrono al re le reliquie dei due Papi santi
di Claudio Corti
26/04/2011 INDIA – VATICANO
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
VATICANO
L’amore per gli altri, l’eredità di Giovanni Paolo II ai giovani
VATICANO – ASIA
Da Vietnam, Corea, Palestina e Israele per salutare il nuovo beato Giovanni Paolo II
THAILANDIA
Chiesa di Thailandia, vivo il ricordo di Papa Woytila
CAMBOGIA
Vicario Apostolico a Phnom Penh: papa Wojtyla, immagine dell’uomo libero
INDIA
L’India ha molto da imparare da Giovanni Paolo II
ISRAELE – VATICANO
Giovanni Paolo II, acclamato “Rabbino capo”dagli ebrei di Israele
LIBANO
Giovanni Paolo II “salvatore” dell’unità del Libano
INDIA – VATICANO
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate