19/10/2012, 00.00
LAOS
Invia ad un amico

Giuramenti tribali e animismo, cristiani laotiani costretti a rinnegare la fede

È quanto accaduto a tre pastori protestanti e alle loro famiglie. Arrestati dai poliziotti del distretto di Phin, vengono rilasciati per ordine delle autorità provinciali. Invece che riconsegnarli ai parenti, i funzionari locali – su indicazione dei leader del villaggio e del consiglio degli anziani – li sottopongono a pratiche rituali e a vessazioni. Per costringerli ad abiurare.

Vientiane (AsiaNews) - Sedute incentrate sulla religione animista, rituali e giuramenti, pur di strappare i cristiani alla loro fede. Secondo quanto riferiscono fonti di Human Rights Watch for Lao Religious Freedom (Hrwlrf), sarebbe questo l'ultimo tentativo delle autorità laotiane nei confronti di tre pastori protestanti, arrestati nel settembre scorso con generiche - e infondate - accuse di propaganda anti-governativa e attività cospiratore a sfondo confessionale. Visto che non vi sono motivazioni di natura legale per mantenerli in stato di custodia, i funzionari hanno chiesto l'intervento dei capi villaggio della loro area i quali hanno proposto di sottomettere i cristiani a "rituali e pratiche" tipiche della tradizione volte a "rinnegare la loro fede".

L'11 settembre scorso le forze di polizia del distretto di Phin, nella provincia meridionale di Savannakhet, hanno fermato tre pastori protestanti - Bounlert, Adang e Onkaew - trasferendoli nel carcere di Savannakhet. Dopo settimane di indagini preliminari, le autorità provinciali non hanno rinvenuto alcun elemento per giustificare l'arresto, disponendo così il rilascio.

Il 10 ottobre scorso durante il trasporto dalla prigione alle loro case nei villaggi del distretto di Phin, si sono però perse le tracce dei tre leader cristiani. Le famiglie hanno atteso a lungo, e invano, il loro arrivo. I pastori Bounlert, Adang e Onkaew sono stati trattenuti, dietro disposizione dei funzionari locali, nel carcere distrettuale di Phin, dove hanno subito altri maltrattamenti, vessazioni, minacce e altri abusi alla ricerca di "nuove prove" per incriminarli.

Infine la svolta di ieri pomeriggio, quando i vertici della polizia hanno convocato i capi villaggio di Allowmani e il gruppo degli anziani, assieme ai familiari del pastore Bounlert. Capo villaggio e anziani hanno chiesto di sottoporre i cristiani a rituali animisti e a giuramenti della tradizione popolare della zona eseguiti con "acqua sacra", con lo scopo preciso di "farli abiurare dalla loro fede" per poi "farli rientrare nelle loro case".

Non trovando espedienti legali o prove di accusa nei loro confronti, gli ufficiali di Phin intendono usare la tradizione popolare per vincere le resistenze dei cristiani. Tuttavia, i tre pastori e le loro famiglie hanno opposto un netto rifiuto, dicendo di essere pronti ad affrontare ogni conseguenza ma che non abbandoneranno mai la loro fede, rivendicando il diritto alla libertà religiosa garantito dalla Costituzione del Laos.  

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arrestato per aver pregato, cristiano laotiano muore in carcere senza cure
21/09/2015
Laos, leader cristiano ucciso durante un tentativo di sequestro. Coinvolto un poliziotto
15/09/2015
Khammouane: due cristiani laotiani arrestati con l’accusa di “diffondere la fede"
07/09/2015
Laos, famiglie cristiane in fuga dal loro villaggio: hanno rifiutato di convertirsi al buddismo
28/03/2014
Cristiani in Laos: epurazioni e arresti per chi pratica la fede
26/06/2012