25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/12/2010
CINA
Gli espropri terrieri sono la principale ragione delle proteste sociali in Cina
Lo dice l’annuale “Libro Blu” dell’Accademia scienze sociali. Dal 1990 negli espropri forzati autorità e imprese hanno “guadagnato” 225 miliardi di euro a danno dei contadini. Cresce lo scontento per i prezzi, il divario dei salari tra città e campagne, la sfiducia nella politica economica del governo.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Le dispute terriere e in specie gli espropri forzati sono il problema sociale di maggior impatto nella Cina attuale e il 73% delle petizioni e proteste dei contadini riguardano la loro terra. E’ quanto indica l’Accademia cinese delle scienze sociali (Acsc), massimo organo consultivo statale, nel suo “Libro blu per la società cinese” del 2011.

Il forte sviluppo urbano e industriale ha causato un selvaggio aumento dei costi di terreni per nuovi quartieri e zone industriali e spesso le autorità locali hanno operato espropri di massa. Ma - rileva il rapporto - di frequente questo è avvenuto a esclusivo vantaggio delle autorità esproprianti e delle ditte costruttrici. I contadini cacciati da terre e case non hanno ricevuto indennizzi adeguati per trovare una nuova abitazione e un nuovo lavoro.

Il 65% delle “proteste di massa” nelle zone rurali riguarda espropri terrieri. Il rapporto dice che decine di migliaia di contadini, le cui famiglie abitavano e coltivavano quella terra da generazioni, sono state spostate in appartamenti-dormitorio. Dal 1990 le autorità hanno espropriato oltre 6,7 milioni di ettari di terra agricola. A novembre Yu Jianrong dell’Acsc ha calcolato che questi terreni valevano circa 2mila miliardi di yuan (circa 225 milairdi di euro) più degli indennizzi pagati ai contadini.

Questo ha causato proteste sociali anche violente. L’intero Paese è rimasto attonito per il caso di Tang Fuzhen, 47 anni, che nel novembre 2009 si è data fuoco nel Sichuan ed è morta, per protestare contro la prevista demolizione della fabbrica del marito.

Da anni il governo ha fissato il limite di 120 milioni di ettari coltivati per assicurare l’autosufficienza alimentare, limite ormai raggiunto.

Sempre il “Libro Blu” indica che è molto diffuso il malcontento per i forti aumenti di prezzi e per il perdurante divario tra ricchi e poveri nel Paese. Secondo gli indici di stima, il “livello di soddisfazione” è sceso dal 3,59 dell’anno scorso a 3,37 nelle piccole città e da 3,55 a 3,42 nelle zone rurali (il livello massimo è 5). Nella grandi città l’indice è di 3,41. La minor “soddisfazione” riguarda vari settori-chiave della vita quotidiana, quali lavoro, sicurezza sociale, tempo libero. Peraltro i rurali si preoccupano anzitutto del lavoro e di non peggiorare l’attuale tenore di vita, mentre gli abitanti delle città sono preoccupati per la futura vita da pensionati.

L’economista Yu Bin del Centro ricerca e sviluppo del Consiglio di Stato ha osservato che continua ad aggravarsi il divario tra i redditi urbani e rurali, anche se nei primi 9 mesi del 2010 il reddito nelle campagne è cresciuto del 9,7% rispetto al 7,5% delle città.

Lo studio indica anche una crescente minor fiducia delle gente nelle capacità del governo, con riguardo alla situazione economica.

Peggiori i risultati di un’indagine svolta dalla centrale Banca di Cina su un campione di circa 20mila persone in 50 città. Ben il 73,9% degli intervistati si è detto “scontento” dei prezzi, ritenuti “troppo alti e difficili da accettare”, dato peggiore dal 1999. L’81,7% degli intervistati si aspetta ulteriori aumenti dei prezzi e “solo” il 55,5% prevede un aumento dei propri redditi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/03/2011 CINA
L’aumento del greggio costringerà Pechino ad attuare più giustizia sociale
09/07/2007 CINA
I governi locali requisiscono con l’imbroglio le terre dei contadini
14/11/2011 CINA
Guangdong, ancora rivolte per terreni espropriati
11/11/2010 CINA
Le autorità locali cessino gli espropri forzosi delle terre rurali
31/01/2007 CINA
Esproprio delle terre, prima causa di conflitti e scontri sociali

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate