5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/07/2008
THAILANDIA – GMG
Gmg, strumento di conversione per i giovani thailandesi
di Weena Kowitwanij
I delegati al rientro da Sydney sottolineano il rinnovato impegno missionario dopo l’incontro con Papa Benedetto XVI. Tra i momenti più intensi la rappresentazione della Via crucis. Per tutti la sensazione di aver vissuto un vero e proprio “miracolo” della fede.

Bangkok (AsiaNews) – Il messaggio lanciato da Benedetto XVI in occasione della Giornata mondiale della gioventù ha toccato nel profondo il cuore dei pellegrini, chiamati a diventare autentici testimoni di Dio. Durante le giornate di Sydney il Papa ha invitato i giovani a “cambiare il mondo” ed è con uno spirito e una fede rinnovate che i delegati della Thailandia sono rientrati nella loro terra d’origine.

“Partecipare alla Gmg è stato un vero e proprio miracolo – racconta la 23enne Duanchan Chanpanyapon - . Il momento più emozionante è stata la Via crucis, una rappresentazione talmente intensa da sembrare reale: ad un certo punto ho pensato di assistere davvero alla passione di Cristo, che ha sofferto ed è morto per redimerci dai nostri peccati”.

Vasin Manalurangkru, 26 anni, della congregazione di S. Gabriele ricorda ancora con emozione la prima partecipazione alla Gmg, nel 2000: “Le giornate a Roma hanno cambiato la mia vita: quando mi hanno selezionato, la mia famiglia stava attraversando una grave crisi economica. Ho aperto una pagina del Vangelo e ho letto un verso che dice ‘Dio non ti abbandonerà’. Da quel momento in poi ho cambiato il modo in cui guardare al mondo, agli eventi che succedono, ai fatti che toccavano la mia famiglia. Ho iniziato a studiare con maggiore impegno, risparmiando il più possibile”. Dell’evento di Roma egli ricorda in particolare l’incontro con Giovanni Paolo II, che ha “segnato in maniera indelebile la mia vita: rientrato in Thailandia ho fatto delle ricerche per saperne di più, ho creato un sito web in lingua thai – catholicworldtour.spaces.live.com – in cui inserisco notizie su Giovanni Paolo II, sul suo successore Benedetto XVI e sulla vita della Chiesa. Anche questo credo sia un modo per rispondere all’appello missionario” che il Papa ha lanciato a Sydney.

Sirikanya Makulwanichnun, della Commissione cattolica giovanile thailandese sottolinea la maggior consapevolezza del “ruolo dello Spirito Santo nella vita di ciascuno” dopo gli incontri e le riflessioni che si sono tenute in occasione della Gmg. “È impressionante vedere giovani da tutto il mondo uniti per pregare o cantare a una sola voce. Ho avuto la fortuna di condividere un’esperienza con ragazzi di nazionalità e culture diverse, ho fatto nuove amicizie e ho davvero capito che non ci sono barriere o differenze se, alla base di un rapporto, vi sono comprensione e rispetto reciproco”. 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/07/2008 PAKISTAN – GMG
A Faisalabad oltre 200 pellegrini hanno festeggiato la Gmg
di Qaiser Felix
01/07/2008 FILIPPINE – SINGAPORE – GMG
Dalle Filippine a Singapore, migliaia di giovani con il Papa per la Gmg
di Santosh Digal
09/07/2008 THAILANDIA – BANGLADESH
Gmg: cattolici dell’Asia testimoni della fede in Gesù Cristo
16/12/2004 VATICANO – THAILANDIA
Il Papa accoglie il nuovo ambasciatore thailandese
11/05/2009 THAILANDIA
La Chiesa thai ricorda la storica visita di Giovanni Paolo II
di Weena Kowitwanij

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate